Porto di Seattle: 2 navi da crociera costrette a rientrare


Due navi da crociera dirette verso l’Alaska son rientrate a Seattle a causa di incidenti separati e son comunque tornate alle loro crociere la stessa notte.

La Norwegian Pearl è stata costretta rientrare a causa di un’emergenza medica a bordo.

npearl-3841

La Grand Princess ha invece avuto problema con un motore ed è stata costretta a rimanere ferma per 4 ore al Pier 91.

La US Coast Guard ha riferito all’emittente KIRO 7 che un motore della Grand Princess si è fermato intorno alle 04:50, quando la nave era vicino a West Point.

Un portavoce della Princess Cruises ha detto in una dichiarazione: “Grand Princess è tornata al porto di Seattle, in accordo con la US Coast Guard, a seguito di un problema precedente con uno dei motori della nave. In nessun momento è stata messa in discussione la sicurezza dei passeggeri, in quanto la nave aveva propulsione e controllo dello sterzo. Per precauzione la nave è tornata al porto per un controllo di sicurezza. I passeggeri sono stati debitamente informati “.

Il portavoce, Julie Benson, ha anche riferito che diversi incidenti simili si sono verificati altre volte con la Grand Princess.

Princess

David Meers, uno dei 2.600 passeggeri della nave, ha invece riferito che avrebbe voluto ci fosse più comunicazione su quello che stava succedendo in quel momento.

Trenta o quaranta minuti dall’inizio della crociera, la nave sbandata su un lato. Poco dopo, abbiamo cominciato a girare intorno. Abbiamo iniziato chiedendo ai membri dell’equipaggio che cosa fosse accaduto ma nessuno sembrava sapere nulla ” ha detto Meer.

Quaranta minuti dopo che la nave ha cominciato a girare in tondo, Meer ha detto che finalmente il capitano ha annunciato che c’era un problema di propulsione che ha richiesto loro di tornare a Seattle.

Tuttavia nelle successive quattro ore, Meer ha riferito che la comunicazione ai passeggeri è statascarsa soprattutto in merito alle tante domande dei passeggeri che desideravano conoscere il destino della stessa crociera ed eventuali modifiche al loro itinerario o se i clienti sarebbero stati risarciti per il ritardo.

E’ certo che ci hanno lasciato nella confusione più totale, tutte le persone intorno a me erano nello stesso stato d’animo” ha riferito sempre Meer. 

La cosa strana è che mentre a bordo le comunicazioni non sono state sufficenti, su Twitter la compagnia è stata subito pronta a rispondere alle lamentele dei clienti, tra cui lo stesso Meer.

Verso le 21:00, la US Coast Guard ha rilasciato il permesso alla Grand Princess di lasciare il porto, cosa che è avvenuta alle 22.00 circa.

 

04/08/2014  ore 21.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
Annunci

Westerdam di Holland America: aggiornamento


Il “The Seattle Times” ha riferito nella sua edizione di ieri che la nave da crociera Westerdam, che ha avuto un problema con fuoco in sala macchine, ha lasciato Seattle, dove era stata costretta a dirigersi per la sicurezza degli ospiti e del personale di bordo, per continuare la sua crociera.

Westerdam_2010-05-26

 

Ha inoltre fornito ulteriori dettagli sull’incidente accorso alla nave da crociera di Hollande America.

Per esempio si è scoperto che il sistema automatico antincendio, il cosidetto sprinkler, il sistema automatico di estinzione a pioggia per farl abreve,  non ha spento il fuoco, e l’equipaggio ha dovuto usare i tubi antincendio.

La Westerdam lascierà Seattle intorno 10:15 di Domenica” , ha detto Sally Andrews, vice Presidente delle Pubbliche Relazioni di Hal.

A causa del ritardo, Holland America ha rivisto il programma della crociera di 7 giorni.

I passeggeri perderanno lo scalo a Sitka, ma sarà elargito un credito di 250$ per camera da utilizzare durante la crociera.

George Degener. sottufficiale della Guardia Costiera ha dichiarato al “Seattle Times” che l’equipaggio della nave ha spento il fuoco e che un battello antincendio e alcune unità si sono recate incontro alla nave e l’hanno accompagnato sino al terminal crociere Pier 91, per precauzione.

Già nel 2006 la Westerdam fu invasa nei ponti superiori dal fuoco, mentre era nella fase finale della sua costruzione (sotto le immagini relative a questo evento).

02.35 05.27 06.18

 

In confronto il piccolo incidente occorso nei giorni scorsi è davvero una piccolezza.

 

30/06/2014  ore 23.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Westerdam di Holland America: fuoco in sala macchine


La King 5 News di Seattle riporta la notizia secondo la quale la  Westerdam di Holland America Line (HAL) abbia preso fuoco questa notte mentre navigava in Alaska e per questo motivo ha dovuto rinunciare e tornare a Seattle. L stessa fonte riporta che l’incendio sia scoppiato nella sala macchine.

Westerdam_2010-05-26

HAL ha subito rilasciato la seguente dichiarazione :

C’è stato un piccolo incendio in una delle sale caldaie a bordo di MS Westerdam, che navigava da Seattle, all’inizio di questa sera, incendio che è stato rapidamente spento. Tutti gli ospiti e l’equipaggio sono al sicuro. Solo per un eccesso di cautela e in coordinamento con la United States Coast, si è deciso che la nave dovesse tornare a Seattle. La nave è pienamente operativa e non c’è stato alcun impatto sui servizi per gli ospiti. Si prevede che la nave partirà una volta che le valutazioni siano state completate e  che possa continuare il suo viaggio verso l’Alaska.

La compagnia non rende noto cosa abbia causato l’incendio.

Westerdam_2010-05-26

La Westerdam è una di 10 anni nave da crociera ed è di proprietà di Carnival Corporation.

 

29/06/2014  ore 13.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”