Ebola preoccupa le compagnie di crociera: cancellati porti in Africa Occidentale


Ebola comincia a far preoccupare le compagnie di crociera, portando diverse linee alla modifica degli itinerari per evitare i porti dell’Africa Occidentale.

Rotterdam01

A provvedere a cambi d’itinerario sono state finora Holland America, Seabourn, Regent Seven Seas, e Fred. Olsen: i porti cancellati e sostituiti possono essere in qualche modo non sicuri per i passeggeri e per evitare qualsiasi problema di contagio si è preferito cancellarli e sostituirli con altri porti, evitando accuratamente tutte quelle fermate anche indirette in porti con regioni confinanti coi paesi maggiormente colpiti dall’epidemia, della quale ancora non si è trovato un vaccino o un rimedio efficace.

L’MS Rotterdam di Hollande America Line, che dovrà affrontare una crociera African Explorer di 35 notti toccando la terra africana, in partenza il 15 novembre, ha già provveduto a cancellare i porti che prevedevano fermate in Ghana, Gambia e Senegal: lo ha annunciato il portavoce della compagnia Erik Elvejord.

Le fermate verranno sostituite con pernottamenti a Città del Capo, Capo Verde e una sosta non prevista a Tangeri, in Marocco.

Elvejord ha comunicato che tutti gli ospiti di questa crociera sono stati informati del cambiamento.

01-ebola_acrossafrica_140414

I paesi più duramente colpiti dall’epidemia di Ebola* sono la Liberia, la Guinea e la Sierra Leone: questi non sono comunque itinerari tipici delle compagnie, anche a causa dei gravissimi problemi di politica interna, di guerra etc, ma confinano con paesi quali il Senegal, che ha riportato un caso conclamato, e che condivide un confine con la Guinea.

Carnival, Royal Caribbean e Norwegian hanno comunicato che non hanno navi che viaggiano nelle zone colpite.

Nello specifico non esisterebbe al momento alcuna preoccupazione che il virus si possa trasmettere come pandemia al di fuori di questi Paesi per una serie di motivi: vi consiglio di leggere questo articolo molto interessante sulle fobie inculcate dai media e di come possiamo evitare di cascarci.

 

 

*L’ebola  è un virus estremamente aggressivo per l’uomo, che causa una febbre emorragica.

Verosimilmente il virus è trasmesso all’uomo tramite contagio animale. Il virus si diffonde tra coloro che sono entrati in contatto con il sangue e i fluidi corporei di soggetti infetti.

article-2709330-2011717B00000578-426_634x827

L’ebola pare essere un virus zoonotico ospitato da popolazioni di gorilla di pianura dell’Africa centrale. Nel 2005, tre specie di pipistrelli sono state identificate come portatrici del virus ma, non mostrando i sintomi, sono state ritenute ospiti naturali, o riserve virali.

La febbre emorragica dell’ebola è potenzialmente mortale e comprende una gamma di sintomi quali febbre, vomito, diarrea, dolore o malessere generalizzato e a volte emorragia interna e esterna. Il tasso di mortalità varia dal 50% all’89% secondo il ceppo virale, e un trattamento tramite vaccino è in via di sviluppo. La causa della morte è solitamente dovuta a shock ipovolemico o sindrome da disfunzione d’organo multipla.

9873706

Il virus prende il nome dalla valle dell’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (ex Zaïre), dal sito della prima epidemia scoppiata nel 1976 in un ospedale missionario condotto da suore olandesi.

È piuttosto improbabile che l’ebola possa svilupparsi con caratteristiche pandemiche a livello mondiale, per via della sua difficoltà a diffondersi per via aerea e a causa del lasso di tempo in cui il virus assume caratteristiche contagiose atte alla diffusione, in comparazione con altre malattie infettive. Inoltre, l’instaurarsi di sintomi precoci dal momento in cui la malattia diviene contagiosa rende remota l’eventualità che un individuo colpito sia in grado di effettuare viaggi permettendo lo spostamento del contagio.

*fonte Wikipedia

07/10/2014  ore 13.40
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.
Annunci

Gioco Viaggi propone il “Luxury food & wine” con Seabourn


Gioco Viaggi propone un’esclusiva Luxury food & wine cruise  a bordo di Seabourn, della durata di 11 notti e in partenza il 30 ottobre.

Le tappe previste saranno a Monte Carlo, La Joliette (Marsiglia), St. Tropez, Santa Margherita, Livorno, Ajaccio, La Valletta, Messina, Sorrento, Civitavecchia.

600w-SeabournOdyssey-CruiseShip

Nominata “Best Culinary Cruise Line” dalla rivista Saveur, Seabourn propone una crociera a tema enogastronomico con esperti del settore presenti a bordo per un viaggio itinerante alla scoperta dei vitigni più prestigiosi e delle mecche culinarie del nostro Mediterraneo.

Fra le attività previste,visite alle cantine locali, dimostrazioni food & wine e menu tematici realizzati dal team di chef provenienti da Francia e Italia, shopping con lo chef in Provenza, Toscana e Sicilia, degustazioni giornaliere di cibi e vini locali a bordo, eventi e cene di gala.

Ocean View Suite da  3 mila 699 euro.

 

Fonte: travelquotidiano

29/08/2014  ore 17.10
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

Fincantieri: una nuova nave per Genova


Sarebbe in arrivo, secondo indiscrezioni, per i cantieri Fincantieri di Genova una nuova nave, che garantirà la continuità produttiva anche dopo la commessa Regent attualmente in costruzione presso lo stabilimento di Sestri Ponente.

10r.jpg_650

Si tratterebbe della nave da crociera super-lusso del marchio Seabourn (facente parte del super-gruppo Carnival): 32 mila tonnellate, valore circa 200 milioni di euro, inizio lavori a metà del 2016, con un troncone probabilmente realizzato a Castellammare di Stabia.

Sempre da indiscrezioni, la nave doveva essere realizzata dai cantieri di Monfalcone, che in questi giorni hanno incassato la commessa per la terza unità della classe da 143 mila tonnellate della Princess Cruises (la “Sky Princess” di cui abbiamo già parlato nel blog).

Ultimo varo per l'azienda navale Fincantieri di Castellammare di Stabia

I termini di consegna (e cioè il 2017) sono gli stessi per la nuova unità Seabourn: essendo le altre unità Princess già realizzate a Monfalcone, per questioni produttive si è deciso di trasferire la Seabourn ad altro cantiere, in quanto progetto integralmente nuovo.

Genova, ovviamente, non è la sola unità produttiva della Fincantieri ad attendere la realizzazione della piccola nave di lusso: in lista c’è anche Marghera.

Il cantiere di Venezia a metà 2016 terminerà la costruzione della nave per New Holland America Line e dovrà cominciare subito la realizzazione della seconda unità per Viking Lines, a meno che l’armatore (che in questo caso non è Carnival) non accetti o non decida autonomamente di riscadenzare la consegna del proprio ordine (lo riteniamo un pò improbabile dato che già sulla prima unità non ancora terminata hanno già il tutto esaurito e dato che le navi viking sono di un segmento lusso piuttosto redditizio) e dunque dovrebbe essere impossibilitato ad ospitare questa nuova nave.

oceania riviera

Rimarrebbe Ancona in elenco, terzo cantiere del polo crociere e diretta concorrente di Genova (navi-lusso di piccole e medie dimensioni), ma parrebbe decisamente fuori dai giochi, perché alle commesse di Compagnie de Ponant (attualmente in costruzione) e Viking, si aggiungerà quasi sicuramente l’attesa opzione Silversea, il cui contratto – è quasi certo – sarà firmato a ottobre di quest’anno.

Rimane dunque Genova. Nell’incontro di mercoledì alla sede centrale di Confindustria a Roma, azienda e sindacati hanno fatto il punto sulle commesse in corso e future e Fincantieri avrebbe espresso un suo impegno per una nave dopo la Regent a Genova, senza specificare né quale nave, né l’armatore.

095308740-4ccae067-1cbd-40c8-b2a0-7c561156788a

Ma fonti accreditate di mercato assicurano che si tratti proprio di Seabourn, anche se l’ipotesi Venezia non è ancora tramontata.

 

04/08/2014  ore 12.50
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Seabourn: firmato accordo con UNESCO


Seabourn ha firmato un accordo con l’UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) in un’alleanza unica per aiutare a proteggere Patrimonio dell’Umanità.

YACHTS-OF-SEABOURN

La partnership è stata creata per promuovere un più ampio sostegno alla comprensione, nel settore dei viaggi e tra i viaggiatori, della missione dell’UNESCO di individuare, tutelare e promuovere le caratteristiche culturali e naturali di tutto il mondo.

Seabourn, come parte di questo accordo pluriennale, si è impegnato a raccogliere $ 1 milione per l’UNESCO.

unesco-logo 10

Per gli ospiti di Seabourn, questa alleanza significherà profonda conoscenza e informazioni dietro le quinte su siti e progetti attuali e futuri del Patrimonio Mondiale.

Personale con particolare conoscenza del patrimonio mondiale salirà sulle navi Seabourn e coinvolgerà gli ospiti a bordo e nelle escursioni a terra.

Inoltre, le tariffe per le escursioni facoltative Seabourn che includono tappe o luoghi appartenenti all’UNESCO, includeranno una piccola donazione al Fondo del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

La società creerà un World Heritage Discovery Tours in una serie di porti in tutto il mondo.

13180674173_cbc5ff9cff_z

Seabourn è orgogliosa di essere partner di UNESCO per promuovere e sostenere il turismo sostenibile“, ha detto Richard D. Meadows, presidente Seabourn  Attraverso questa partnership ci siamo impegnati a fornire ai nostri ospiti un più profondo apprezzamento e la comprensione dei numerosi siti del Patrimonio Mondiale che visitiamo in tutto il mondo e per l’importante lavoro che UNESCO sta facendo“.

1299578546

Irina Bokova, Direttore Generale dell’UNESCO, ha commentato: “Con questa partnership UNESCO e Seabourn veramente dimostrano il nostro impegno comune per la salvaguardia del patrimonio mondiale, promuovendo un turismo sostenibile in queste destinazioni. La partnership ci permette di raggiungere il pubblico in viaggio con il nostro messaggio di conservazione, che ha una portata universale ed è così importante per il dialogo e la comprensione reciproca, necessari per coltivare una cultura di pace “.

Seabourn-cruises-AboutUs-header_v4_042312

Seabourn, anno dopo anno, offre ai propri ospiti l’occasione di visitare luoghi incantevoli, veri e propri tesori, come il complesso del tempio di Borobudur a Java, le rovine di Pompei ed Ercolano in Italia, e il Taj Mahal ad Agra, India.

600w-SeabournPride-CruiseShip

Tutte destinazioni Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Sin dalla sua fondazione, Seabourn ha sempre inserito, e visitato, centinaia di destinazioni Patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO e attualmente comprende oltre 150 siti designati nei suoi itinerari.

Ora aiuterà anche a sostenere gli sforzi dell’UNESCO per ampliare, promuovere e preservare queste preziose risorse globali per le future generazioni di viaggiatori.

 

16/06/2014  ore 22.50
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

Seabourn: il programma 2015 riserva sorprese


Saranno le più nuove , più moderne e premiate, le navi della flotta Seabourn, quando inizieranno la loro stagione in Europa nel 2015 .

Il trio di navi esplorerà più di 100 destinazioni diverse su quasi 60 partenze che vanno da sette a 24 giorni , visitando alcune delle più belle destinazioni che l’Europa possa offrire, dalle coste greche ai fiordi norvegesi.

Seabourn-cruises-Atrium-OSQ_022111

Il programma prevede anche diversi pernottamenti in un certo numero di città popolari, come Barcellona, ​​Parigi (Rouen) , Malta , Amsterdam , Edimburgo (Leith) , San Pietroburgo e Istanbul , permettendo quindi agli ospiti tutto il tempo per poter esplorare queste destinazioni.

  • Seabourn Odyssey esplorerà le isole greche , le città storiche della Turchia e porti affascinanti della costa dalmata in crociere di 7 giorni con partenza da Atene , Istanbul e Venezia . La nave visita gemme nascoste come Monemvasia e Nidri in Grecia , così come porti popolari tra cui Dubrovnik , Mykonos e Santorini . Molti di questi viaggi visiteranno Kusadasi , in Turchia , con la esclusiva “Serata a Efeso ” di Seabourn, un concerto classico gratuito e privato, esclusivo della compagnia,  sotto le stelle delle antiche rovine.

600w-SeabournOdyssey-CruiseShip

 

  • Seabourn Sojourn attraverserà il Mediterraneo occidentale su una serie di crociere da 7 , 10 e 11 giorni, tra Monte Carlo e Roma . Queste crociere segnano il ritorno della società per l’Italia nella Costiera Amalfitana , una delle coste più spettacolari d’Europa. Inoltre , Seabourn Sojourn visiterà il meglio della Costa Azzurra.

Sojourn-Dover21-1024x682

 

  • Seabourn Quest inizierà la sua stagione in Europa con una serie di crociere nel Mediterraneo di 7 giorni  tra Barcellona e Roma , seguite da un viaggio di 18 giorni a Copenaghen , esplorando la costa occidentale dell’Europa . La nave trascorrerà il resto della stagione in Nord Europa , offrendo una serie di crociere da 7 giorni tra il Baltico e la Scandinavia, crociere tra Copenaghen e Stoccolma e un paio di viaggi di 14 giorni per i piu’ bei fiordi norvegesi e Capo Nord.

seabourn-quest1
La nave completerà la stagione con una crociera di 24 giorni da Copenaghen a Montreal , fermandosi in Irlanda , in Scozia , nelle Isole Faroe , in Islanda , in Groenlandia , a Terranova e Québec .

Molte di queste partenze comprenderà il ” Marina Day”, un’esperienza targata Seabourn, con sport acquatici gratuiti dalla piattaforma delle navi e sport acquatici in alcuni dei porti più belli del Mediterraneo.

 

05/06/2014  ore 15.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”