Westerdam di Holland America: fuoco in sala macchine


La King 5 News di Seattle riporta la notizia secondo la quale la  Westerdam di Holland America Line (HAL) abbia preso fuoco questa notte mentre navigava in Alaska e per questo motivo ha dovuto rinunciare e tornare a Seattle. L stessa fonte riporta che l’incendio sia scoppiato nella sala macchine.

Westerdam_2010-05-26

HAL ha subito rilasciato la seguente dichiarazione :

C’è stato un piccolo incendio in una delle sale caldaie a bordo di MS Westerdam, che navigava da Seattle, all’inizio di questa sera, incendio che è stato rapidamente spento. Tutti gli ospiti e l’equipaggio sono al sicuro. Solo per un eccesso di cautela e in coordinamento con la United States Coast, si è deciso che la nave dovesse tornare a Seattle. La nave è pienamente operativa e non c’è stato alcun impatto sui servizi per gli ospiti. Si prevede che la nave partirà una volta che le valutazioni siano state completate e  che possa continuare il suo viaggio verso l’Alaska.

La compagnia non rende noto cosa abbia causato l’incendio.

Westerdam_2010-05-26

La Westerdam è una di 10 anni nave da crociera ed è di proprietà di Carnival Corporation.

 

29/06/2014  ore 13.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
Annunci

Saga Sapphire: fuoco in sala macchine al largo della Scozia


Venerdì alle 10:00 sulla Saga Sapphire, di proprietà di Holidays Saga, si è sviluppato un incendio a bordo mentre la nave stava solcando le acque del Regno Unito.

SagaSapphire(2)

La nave, con una capacità di 700 passeggeri, si accingeva ad affrontare il suo sesto giorno di crociera, quando l’incidente è scoppiato da un quadro elettrico in sala macchine.

Rimasta subito senza corrente, nelle vicinanze di Mull Isle, ad ovest della Scozia, ha immediatamente ancorato e attuato le procedure di emergenza.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Guardia Costiera è stata informato e ha offerto assistenza immediata, ma l’incendio è stato arginato dall’equipaggio della stessa nave .

La compagnia ha spiegato in un Tweet : “Un un piccolo incendio elettrico si è sviluppato nella sala macchine della Saga Sapphire alle ore 10 del 16 maggio. L’emergenza è stata affrontata prontamente e professionalmente dall’equipaggio. La nave è attualmente ancorata al largo dell’Isola di Mull, mentre il quadro elettrico danneggiato è stato riparato e testato.La nostra priorità è sempre quella di garantire che i nostri passeggeri e l’equipaggio siano sani e salvi.

201305101507250.Saga_Sapphire_2012_05_23

La Saga Sapphire è stata costruita per Hapag-Lloyd nel 1981 dal cantiere Bremer Vulkan, famoso per la produzione di gran numero di sottomarini durante la seconda guerra mondiale. Il suo costo originale era è stato di 120 milioni di dollari.

Ha cambiato più volte compagnia, passando da Hapag-Lloyd, a Star Cruises, a Orient Lines, a Pullmantur, a CDF Croisières de France.

Con Hapag-Lloyd ha avuto diversi incidenti: si è arenata al largo della costa della Groenlandia nell’agosto del 1985, e si è scontrata con un portacontainer, l’Inchon Gloria, fuori del porto di Hong Kong nel mese di aprile del 1992.

1535816

Quando passò a Saga Cruises, proprio la crociera inaugurale di 16 giorni ha dovuto essere annullata a causa di problemi tecnici ad uno dei suoi motori, nell’aprile 2012.

E ieri questo incidente.

2012-04-10_1900x1000_FullWidth

La Saga Sapphire è una nave da 37.301 tonnellate di stazza, con una lunghezza di 199,63 mt e una larghezza di 28,60 mt. Ha 10 ponti passeggeri, può contenere un max di 706 pax e 415 membri dell’equipaggio.

Proprio per essere passata di compagnia in compagnia, ha anche cambiato parecchie volte il suo nome: Europa , Europa Super Star, Super Star Aries, Holiday Dream, Bleu de France e ora Saga Sapphire .

 

 

17/05/2014 ore 13.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”