Quantum of the Seas: il Bionic Bar, idea italiana


Su Quantum of the Seas c’è anche un pò d’Italia: il Bionic Bar è infatti un’idea tutta italiana.

Quantum of the Seas: il Bionic Bar, idea italiana

E’ l’idea di una start-up italianissima, Makr Shakr, che in appena 5 mesi di vita mostra un fatturato da 3 milioni di dollari.

A Southampton, ne parla davanti ai giornalisti, a cui fa vedere l’ennesima dimostrazione di come funzioni la loro creatura, Alessandro, laureato in ingegneria della Produzione industriale a Torino e un master in Project management in Australia.

Una gran bella soddisfazione per questi giovani poter ricevere dal colosso delle crociere Royal Caribbean la commessa per la realizzazione al centro del ponte 5 un Bionic Bar: la novità? Al posto di un bartender in carne ed ossa, due braccia meccaniche che shakerano e servono i drink ordinati da un tablet.

Qualche purista potrebbe storcere il naso ma si rimane davvero a bocca aperta davanti al prodotto finito!

Quantum of the Seas: il Bionic Bar, idea italiana

Tutto nasce al Salone del Mobile di Milano, quando nel 2013 fu presentato un prototipo: subito dopo il grande balzo al Google I/O di San Francisco, il più importante appuntamento annuale dell’azienda di Mountain View, che ha cambiato per sempre la vita a questi ragazzi.

Da lì in poi è cambiato tutto – racconta Saverio Panata, architetto 36enne con un master ad Harvard – A novembre 2013 ci ha contattato la Royal e a giugno è nata Makr Shakr. Dal punto di vista economico la mia vita sta migliorando ma produrre utile non è l’unico obiettivo. Quello principale è fare innovazione“.

Ma all’inizio di questa storia quello che ha fatto la differenza per questi ragazzi è aver incontrato Carlo Ratti, architetto e designer torinese, che dal 2004 è direttore del Senseable City Lab del Mit, anche lui parte del progetto “è una specie di advisor d’eccezione. Nei due giorni pre-inaugurali della Quantum of the seas, il Bionic Bar è stata tra le attrazioni più visitate ed è senz’altro tra quelle che più fanno meritare alla nave il titolo della «più tecnologica al mondo”. Quando si dice che un incontro ti cambia la vita!

Quantum of the Seas: il Bionic Bar, idea italiana

Come funzionano questi due bracci robotici? L’idea è semplice: ci sono un centinaio di bottiglie appese al soffito, in una posizione predeterminata al computer, che vengono utilizzate in base alla miscela richiesta dal cliente: i due bracci non fanno altro che mixare, shakerare e pestare al bisogno.

Un cocktail che presto diventerà anche social, con la possibilità di postare direttamente sul proprio profilo sociale il cocktail prescelto, come spiegano i ragazzi di Makr Shakr : Alla base del bar bionico c’è l’idea di creare qualcosa che per la prima volta avvicinasse i robot alle persone: sono i clienti a manovrare la macchina e il tutto è estremamente facile. Non è il robot che si sostituisce all’uomo, al contrario è l’uomo che diventa barman di se stesso“.

Nel futuro questi ragazzi hanno intenzione di creare una versione low cost e… di sbarcare a Las Vegas! In bocca al lupo!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

Photocredits: Il Messagero, Royal Caribbean

04/11/2014  ore 14.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.
Annunci

Explorer of the Seas colpita da onda anomala


La Explorer of the Seas colpita da un’onda anomala: la notizia è stata lanciata da un membro di Cruise Critic, che si trovava a bordo.

La Explorer of the Seas di Royal Caribbean, è stata colpita da un’onda anomala di circa 10 metri che avrebbe creato problemi a due scialuppe di salvataggio, mentre la nave si trovava in navigazione da Bayonne a St. Maarten.

10685344_10205124838588750_7581649301455556418_n

L’onda oltre ad avere creato problemi alle scialuppe sarebbe anche entrata attraverso le porte di vetro e avrebbe inondato la nave al ponte 4, mettendo anche momentaneamente fuori uso gli ascensori.

Il Capitano ha poi annunciato ai passeggeri che a parte le scialuppe era tutto sotto controllo: le scialuppe di salvataggio possono portare 3.700 passeggeri e a bordo in questo momento ce ne sono 3.030 quindi le persone assegnate alle scialuppe danneggiate verranno semplicemente dislocate in altre che risultavano inutilizzate, senza creare problema alcuno.

10685430_10205126764596899_6895651872537718252_n

Inoltre per fortuna non c’è stato nessun ferito: molti passeggeri non si sono nemmeno accorti del problema se non al momento dell’annuncio in quanto la parte del ponte che è stata inondata parzialmente è stata immediatamente asciugata.

10730804_10205126764636900_3085999699997280800_n

La crociera è continuata senza problemi. L’episodio è di quattro giorni fa ma è stato reso noto solo oggi.

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

03/11/2014  ore 22.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Photocredits: Cruise Critic

 

Alla scoperta degli esterni di Quantum of the Seas – foto


Andiamo alla scoperta degli esterni di Quantum of the Seas, la nuova ammiraglia di Royal Caribbean che continua a stupire per bellezza e nuova tecnologia a bordo.

La nuova ammiraglia proprio stamattina lascia Southampton alla volta di Cape Liberty, New York. La nave battente bandiera delle Bahamas, sarà impegnata in una stagione ai Caraibi prima di raggiungere la sua destinazione finale, l’Asia.

Alla scoperta degli interni di Quantum of the Seas - foto

Di classe Quantum, è nettamente più piccola di quelle della precedente classe Oasis, cioè di Oasis e di Allure of the Seas, ma ha carattere e tanto in più delle precedenti compagne di flotta e si preannuncia già un vero e proprio successo di pubblico.

La nave è dotata di diverse attrazioni, tra le quali un simulatore di onde per praticare surf, una parete da arrampicata e un inedito simulatore di caduta libera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma la sua particolarità, ciò che da subito ha attirato l’attenzione, è la North Star, una torre panoramica costituita da una navicella di vetro di 7,1 tonnellate montata su un braccio meccanico, che consentirà ai 14 occupanti di salire a quasi 100 metri sopra il livello del mare e avere una visuale a 360° di ciò che circonda la nave, anche in navigazione.

 

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

02/11/2014  ore 15.50
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Alla scoperta di Quantum of the Seas – foto interni


La nuova ammiraglia di Royal Caribbean, la Quantum of the Seas, vanta 167.800 tonnellate di stazza (di cui 300 di vernice).
E’ la più grande nave mai costruita nei cantieri Meyer Werft e le sue “misure” sono:
  • lunghezza 347,75 metri
  • larghezza di 41,4 metri
  • 4.188 passeggeri
  • 2.090 cabine

Vi presentiamo tutte le foto dell’interno della nuova ammiraglia. Che ne dite? Vi piace?

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Photocredits: Usa today, Cruise.co, Royal Caribbean International

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

01/11/2014  ore 17.50
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Quantum of the Seas: sul North Star sospesi a 100mt d’altezza – video e foto


L’inviato di Usa Today è stato il primo inviato a fare un giro sul North Star, la grande e nuova attrazione a bordo di Quantum of the Seas, la nuova ammiraglia di Royal Caribbean.

north star

Il North star – photocredit: Usa Today

Volete anche voi provare il brivido di fare un giro sopra la nave e toccare il cielo con un dito? Dovrete attendere almeno sino al 2 novembre, se siete uno dei fortunati passeggeri che faranno la prima crociera ufficiale della Quantum: oppure date uno sguardo ai due video che la stessa Usa Today ha pubblicato nella sua pagina You Tube!

Intanto vi riveliamo che una corsa sul North Star dura tra i 10 ei 15 minuti, anche se nel primo video li si è compressi in un minuto.

Inoltre il North Star è ispirato al London Eye, la famosa ruota panoramica, e porta i passeggeri a più di 100 metri dal ponte della nave in una capsula di vetro, ed è solo una delle numerose attrazioni innovative a bordo della nave da 4.180 passeggeri.

Quantum of the Seas

 

Quantum of the Seas è la prima nuova nave di Royal Caribbean dal 2010, quando debuttà la nave dei record, la Allure of the Seas, e vanta anche il primo simulatore di paracadutismo in mare e la prima pista di autoscontro sul mare.

Certamente non sarà grande come le sorelle Oasis o Allure, che detengono il primato di navi da crociera più grandi del mondo, ma con le sue 168.666 tonnellate, si colloca ancora tra le 10 più grandi navi passeggeri al mondo e dispone di tutte le attrazioni a firma Royal Caribbean che i numerosi fan hanno imparato ad amare, da una parete di roccia sino ad un simulatore di surf, il FlowRider.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Photocredit: Usa Today

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

30/10/2014  ore 22.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.