Silversea: le nuove navi costruite in Fincantieri finanziate da una banca cinese


La Banca industriale e commerciale della Cina (ICBC), una delle maggiori banche di investimento di proprietà statale in Cina, ha firmato un accordo con Silversea Cruise Holding tramite la sua controllata ICBC Leasing, per costruire tre navi da crociera nei cantieri navali di Fincantieri

silversea_pic

L’affare muoverebbe circa 800 milioni di € e sarebbe la prima operazione del genere per una banca cinese, una nuova pietra miliare sia per l’istituto bancario che per lo stesso Paese, facendo compiere alla Cina il primo vero, tangibile passo nell’ambizioso progetto cinese di espansione nella costruzione di navi da crociera.

Nel gennaio 2013 le stesse parti avevano già raggiunto un accordo per collaborare all’attività di leasing finanziario della compagnia a 5 stelle: la ICBC Leasing è sostanzialmente molto attiva nel settore navale, con al suo attivo 20 navi sparse per il mondo, tra cui navi da carico, unità container, chimichiere e ora, navi da crociera.

Il settore crocieristico è l’ultima conquista delle imprese cinesi: precedentemente c’era stata l’acquisizione da parte di Ctrip di una nave di maggior stazza, poi la convenzione tra Carnival, Fincantieri e  CSSC  per costruire navi da crociera in Cina , per non parlare di coinvolgimento di RCCL nel tentativo di CSSC Xiamen di progettare una nave da crociera cinese e la possibile acquisizione di una seconda nave da parte della Bohai Ferry .  

silversea_wind_2

Si ha proprio l’impressione che non sarà finita qui: in tutto questo Fincantieri sembra essere uno dei principali beneficiari.

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

22/1/2014
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.
Annunci

Navi da crociera più lussuose: la TOP 5 – sondaggio

norwegian epic

Quali sono le navi più belle e più lussuose per i clienti?

Noi Crociere, web agency specializzato nella vendita di crociere online e last minute, ha effettuato un sondaggio intervistando un campione di 1000 iscritti al portale,individuando la top 5 delle navi da crociera più lussuose.

TOP 5 luxury cruise

Ecco la top5, secondo i risultati del sondaggio:

  • Al primo posto si piazza la Norwegian Epic della NCL (35%).

La nave mette a disposizione delle attrazioni completamente innovative: un Ice bar, il campo da squash, una parete da arrampicata, un acquapark e piste da bowling; ma non solo, a bordo di questa nave trovano il loro spazio riservato sia famiglie sia single (con un intero piano di cabine singole).

Le diverse attività e i locali presenti a bordo – evidenzia lo staff di Noi Crociere – testimoniano come la NCL sia stata progettata per far divertire e coinvolgere tutti”.

ncl-Norwegian-Epic

 

 

 

  • Al secondo posto, con il 21% delle preferenze, si posiziona l’Allure of the Seas della Royal Caribbean.

Questa è la nave più grande del mondo insieme alla Oasis, una vera città galleggiante, può infatti ospitare a bordo fino a 5400 passeggeri.

La novità è rappresentata dagli interni: 7 quartieri di bordo, tra cui il Central Park, primo parco naturale a cielo aperto con oltre 12.000 piante.

Ci sono anche sport all’insegna dell’avventura come il simulatore di surf, o la Zip Line sospesa sul mare. Da ammirare inoltre è la Royal Promenade, il lungomare galleggiante più lungo mai esistito” sottolinea lo staff di Noi Crociere.

allure of the seas

 

 

  • Al terzo posto si piazza la MSC Splendida.

Design futuristico a cui si fondono stile de eleganza: sono queste le caratteristiche che hanno permesso al 18% degli iscritti di scegliere questa nave.

Per l’intrattenimento – commenta lo staff di Noi Crociere – la MSC offre a bordo possibilità per tutti i gusti: un simulatore di Formula Uno, un campo da squash, quattro piscine e una palestra”.

msc splendida

 

 

  • Al quarto posto segue la MSC Fantasia con il 15% delle preferenze; i crocieristi hanno deciso di votarla soprattutto per la sua lussuosissima scalinata di cristalli Swarovski.

Inoltre, il soffitto trasparente consente ai passeggeri di vivere in tutto e per tutto la navigazione, soprattutto di notte.

A bordo di questa nave non manca proprio nulla, anche il relax è assicurato con la MSC Aurea Spa e il Solarium.

L’aspetto principale in crociera è il relax – conclude lo staff di Noi Crociere – e questa nave dà la possibilità di regalarsi un vero e proprio sogno, senza dimenticare la cura del corpo (oltre che dello spirito!)”.

Msc Fantasia

 

 

  • Ultima in questa classifica TOP5, secondo il sondaggio, infine, la futura ammiraglia Costa Diadema, con l’11% delle preferenze, nonostante non sia stata ancora varata.

Vero e proprio gioiello della flotta Costa che sarà inaugurata a novembre e partirà subito alla volta di Croazia e Malta e Francia, Spagna e Isole Baleari; il lusso, in questo caso, si fonde alla perfezione con itinerari da sogno.

Costa Diadema

 

 

E tu sei in linea con queste preferenze o hai un pensiero diverso? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a capire cosa pensi in merito 🙂

 

21/10/2014  ore 13.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Carnival Magic: i test per Ebola negativi


È rientrata ieri in Texas la nave da crociera Carnival Magic, con a bordo un tecnico di laboratorio del Texas Health Presbyterian, che avrebbe potuto essere contagiato dall’Ebola.

Carnival Magic

Tra i passeggeri un sospiro di sollievo per aver terminato una crociera cominciata con il sogno del divertimento e terminata con l’angoscia di poter essere entrati in contatto con il passeggero “contagioso”.

La Carnival Magic avrebbe dovuto fare scalo in Messico venerdì ma le autorità messicane hanno vietato lo stop per la presenza a bordo del tecnico dell’ospedale del Texas dove è stato diagnosticato il primo caso.

L’uomo ha avuto contatti con i campioni biologici prelevati dal “paziente zero” e a bordo della nave si è isolato volontariamente dopo esser stato avvertito dalle autorità federali a bordo, facendo autodiagnosi per controllare di non avere febbre (uno dei primi sintomi).

I passeggeri a bordo, avvertiti dalle famiglie dopo che la notizia è stata diffusa dai media di tutto il mondo, hanno dunque passato una settimana più che di divertimento, di paura ed apprensione.

 

Il sentimento più comune riferito è la perplessità circa il fatto che la persona sia stata a bordo tranquillamente per 3 giorni prima che si mettesse in auto-isolamento: ci si chiede come mai le persone teoricamente venute in contatto in qualche modo con il paziente zero degli Stati Uniti, non siano stati inserite prima in una lista di quarantena, per la tutela propria e dei familiari o di chi entra in contatto con loro.

Il Centro per il Controllo e la Tutela delle malattie (CDC) ha pubblicato le linee guida per il trasporto aereo aggiornate solo la settimana scorsa.

info su Ebola consegnate ai passeggeri

Info su Ebola consegnate ai passeggeri

Quando i passeggeri della Magic hanno sentito l’annuncio a bordo che spiegava la situazione della donna, hanno cominciato a chiedersi se mai fossero in qualche modo entrati in contatto con essa: una situazione che a bordo di un luogo ristretto come è una nave, avrebbe potenzialmente potuto contagiare una marea di persone; la nave infatti può trasportare 4.100 passeggeri e 1.400 dell’equipaggio.

Nonostante i funzionari abbiano sottolineato che la donna avesse un rischio di contagio molto basso ( a 21 giorni dal presunto contagio ormai i sintomi avrebbero dovuto già evidenziarsi ) e fosse asintomatica, e quindi non contagiosa, la preoccupazione tra i passeggeri è stata massima ed anche il fatto che alcuni Paesi, come Belize e Messico , avessero vietato alla nave di far sbarcare passeggeri nel loro territorio, non ha affatto aiutato il morale.

Ai passeggeri a bordo è stato consegnato un foglio A4 con la descrizione dei sintomi dell’Ebola, compreso il fatto che, è il caso della persona a bordo, passare 21 giorni dal contagio e non avere sintomi è un buon segno, e non richiede di norma un monitoraggio attivo.

Mentre la crociera era in corso, un collega del passeggero dipendente dell’ospedale è risultato contagiato da Ebola e per questo motivo sono state intraprese cautele supplementari” – si legge nel foglio – “Attualmente, i funzionari della sanità pubblica non raccomandano di prendere eventuali azioni aggiuntive. Ci scusiamo per i disagi che questo ha causato alla vostra vacanza“.

carnival-magic

Nonostante queste precauzioni siano state prese per eccesso di prudenza, la paura per il contagio continua ad aumentare tra il pubblico, che chiede informazioni corrette e non terrorismo mediatico.

Jim Berra, Senior Vice-President di Carnival, ha riferito ai media che funzionari statunitensi sono atterrati sabato in elicottero sulla nave, per prelevare dei campioni di sangue dalla passeggera, che per fortuna si sono rivelati negativi.

Nonostante ciò la passeggera è stata la prima a scendere a terra, sotto scorta, ed è stata accompagnata sino alla propria macchina, da dove, con il marito, si è avviata verso Dallas.

Sempre per eccesso di prudenza, la cabina della passeggera non verrà assegnata, per questa settimana di crociera che la nave si appresta ad affrontare, e verrà sanificata completamente, prima di essere riassegnata.

Noi tecnicamente non avremmo bisogno di fare qualcosa di più con la nave di quello che sarebbe normalmente necessario fare, ma vogliamo essere molto cauti e fornire maggiore tranquillità per i nostri ospiti , facendo una totale sanificazione della nave, spruzzando agenti sanificatori, pulendo le aree pubbliche e tutte le superfici, dalle maniglie alle porte, dai parapetti alle fiches del casinò” .

Berra ha rivelato che un questionario di informazione veniva già diffuso prima che i passeggeri potessero imbarcarsi, nel quale si chiedeva se si fosse affrontato un viaggio in Africa centrale occidentale negli ultimi 20 giorni, e chi rispondeva “si” veniva sottoposto a degli esami ulteriori da medici specializzati, per evitare rischi: ma non si era tenuto in considerazione anche il “contagio fortuito” in ospedale, come quello che si ipotizzava in questo caso.

Ph.credit Jennifer Reynolds/AP

Ph.credit Jennifer Reynolds/AP

Per fortuna alla fine si è tutto risolto in una bolla di sapone, ma l’isteria collettiva sta contagiando il globo intero e in tantissimi di voi chiedono ulteriori informazioni sulle crociere che si stanno per affrontare, circa i rischi che si potrebbero correre a bordo: qui ne abbiamo già parlato, seguendo le direttive del Ministero della Salute e dell’OMS.

Carnival alla fine della crociera, ha offerto ad ogni passeggero $ 200 di credito a bordo in compensazione delle tappe saltate e uno sconto sul loro prossima crociera.

 

Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

20/10/2014   ore 18.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

 

 

Savona inaugura con Costa Diadema il 2°terminal crociere

2° Palacrociere Savona

Il Palacrociere di Savona, un’infrastruttura costata quasi 10 milioni di euro, ha completato i lavori del 2° terminal crociere ed è pronto all’inaugurazione, che avverrà in una cornice fantastica, ossia con l’arrivo in porto della nuova ammiraglia di Costa Crociere, Costa Diadema, l’8 di Novembre.

2° Palacrociere di Savona

2° Palacrociere di Savona

Il secondo terminal si sviluppa in un’area complessiva di 3.500 metri quadrati ed è principalmente un terminal “satellite”, collegato alla stazione marittima esistente, che offre gli stessi servizi del terminal principale, ma con la differenza che può funzionare come un terminal autonomo.

Aree di attesa, aree di transito e area bagagli sono dunque indipendenti, così come il servizio di controllo, con una postazione per le forze di Polizia, Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane.

 

Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.
16/10/2014  ore 15.00

 

 

Fincantieri potrebbe costruire le prime navi di lusso Made in China


La Cina è il primo costruttore di navi del mondo, e starebbe considerando di realizzare la sua prima nave da crociera di lusso*: ciò sarebbe possibile grazie alla collaborazione con Carnival Corp e Fincantieri, per un operazione che punta ad espandere il turismo domestico, già preso di mira da tutte le compagnie crocieristiche mondiale quale mercato in nuova crescita.

Un cantiere navale della CSSC

Un cantiere navale della CSSC

Lo riferisce la Reuters, indicando anche un fatto concreto e cioè la firma di Carnival di un memorandum of understanding con China State Shipbuilding Corporation (CSSC), quotata attraverso China CSSC Holdings alla borsa di Shanghai, e che prevede la possibile creazione di una joint venture e che includerebbe anche Fincantieri.

Il mercato crocieristico cinese può contare su presunti 4.5 milioni di futuri passeggeri entro il 2020, sostiene il governo (e per la verità lo sostengono anche tutte quelle compagnie – vedi Carnival e Royal Caribbean – che in Asia hanno spostato parte della flotta): la Cina ha una classe media in forte crescita che cerca nuove opzioni per le proprie vacanze.

Logo China State Shipbuilding Corporation (CSSC)

Il settore cantieristico in Cina, aveva effettuato nel 2010 il sorpasso alla Corea del Sud: tuttavia anche per questa parte del mondo i venti della crisi si son fatti sentire e il governo è dovuto intervenire con sussidi per incoraggiare, ad esempio, le società marittime all’acquisto di nuove navi.

 

*ne avevamo già parlato a fine agosto, ma si trattava di indiscrezioni

 

15/10/2014  ore 10.50
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.