Anche Crystal Cruises cancella fermate in Israele


Crystal Cruises ha rimosso le fermate di Crystal Serenity in Israele sino alla data del 20 settembre 2015, a causa dei recenti disordini sfocciati in violenti scontri nel Paese.

CRYSTAL_SERENITY_06-05-2010

Crystal rende noto che ha annullato le fermate di Limassol, Ashdod e Haifa che saranno sostituite da Santorini, Gozo, una notte a Malta (La Valletta) e una sosta a Palermo durante la crociera della durata di 12 notti.

La nostra decisione di rivedere le fermate in porti in Terra Santa e nel tour del Mediterrane del prossimo anno così in anticipo è prudente e responsabile, sulla base dei nostri modelli di early booking” ha riferito il presidente di Crystal Cruises, Edie Rodriguez, in un comunicato.

Tutte le altre fermate, tra le quali Istanbul, Kusadasi, Rodi, Creta, Taormina, Napoli e Roma, sono confermate.

 

04/08/2014  ore 14.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Istanbul e i suoi colori: 5 cose da non perdere


Alphonse De Lamartine scrisse: “Se a un uomo venisse concessa la possibilità di un unico sguardo sul mondo, è Istanbul che dovrebbe guardare”.
Basta anche solo passeggiare tra le sue strade, mescolandosi alla folla, visitandone i luoghi più caratteristici, spesso tutti concentrati, anche in un solo giorno, quello in genere della sosta della nave in porto.

IST1_2_Blue_mosqueIstanbul

Il quartiere di Sultanahmet, cuore della città vecchia e Patrimonio dell’Umanità, evoca l’impero Romano e quello Ottomano e nasconde meravigliose sorprese: i minareti e le cupole di magnifiche moschee secolari che dominano il panorama di Istanbul, il lussuoso palazzo del sultano con annesso harem, l’impressionante cisterna sotterranea, le innumerevoli fontane, i bellissimi hamam.

Superato il ponte di Galata si passa dalla Istanbul tradizionale a quella più moderna e alla moda che ha il suo centro nella frenetica piazza Taksim (informatevi bene se ci sono problemi di ordine pubblico prima di procedere nella sua direzione) con i suoi centri d’arte contemporanea, i locali notturni e i ristoranti trendy, senza dimenticare l’ Istiklal Caddesi, il viale pedonale dello shopping.

Turkey, Istanbul_Galata Bridge & Yeni Mosque_sb10061605t-001 (Renaud Visage_Photodisc_Getty)-652x415_17

Assaporare l’atmosfera coinvolgente del Grand Bazaar, attraversare in battello al tramonto, lo Stretto del Bosforo, la striscia d’acqua che separa le sponde di Europa ed Asia (se per esempio la nave fa una sosta notturna): esperienze che regalano forti emozioni nel ricordo di questa città affascinante.

Ecco cinque meraviglie da non perdere assolutamente, visitabili anche nel solo giorno di sosta in porto: se vi organizzate per bene riuscirete a visitarle tutte.

  • Moschea Blu a Istanbul

La Sultanahmet camii o Sultan Ahmet camii (da leggere giàmii), , più conosciuta come Moschea Blu, è una delle moschee più affascinanti d’Oriente come pure uno degli edifici più visitati di Istanbul.

Il suo nome deriva dalle 21.043 piastrelle di ceramica turchese inserite nelle pareti e nella cupola. È infatti il turchese il colore dominante nel tempio. Pareti, colonne e archi sono ricoperti dalle maioliche di İznik (l’antica Nicea), decorato in toni che vanno dal blu al verde.

Rischiarate dalla luce che filtra da 260 finestrelle, che conferiscono alla grande sala della preghiera un’atmosfera suggestiva quanto surreale.

Blue_Mosque_at_Night

La Moschea Blu, che risale al XVII secolo, è anche l’unica a poter vantare ben sei minareti, superata in questo solo dalla moschea della Ka’ba, alla Mecca, che ne ha sette.

CURIOSITA’:  secondo una storia popolare questo fatto nasce da un fraintendimento: l’espressione delle manie di grandezza del sultano Ahmed I, non potendo eguagliare la magnificenza della moschea di Solimano né quella di Hagia Sophia, non trovò soluzione migliore per cercare di distinguerla, che costruire i minareti in oro; l’architetto fraintese però le parole del sultano, capendo “altı” (in turco “sei”) anziché “altın” (oro).

L’esterno dell’edificio colpisce per l’armonia e l’eleganza delle sue forme. Il gioco delle cupole , una cupola centrale affiancata da quattro semicupole attorno alle quali altre semicupole più piccole, spingono lo sguardo del visitatore verso il cielo.

Il sultano aveva una loggia privata a piano superiore, che poteva essere raggiunta direttamente a cavallo.

  • La Moschea Aya Sofya a Istanbul

La basilica di Santa Sofia, dove Santa Sofia è da intendersi come la Divina Sapienza, è una basilica, nonché uno dei principali monumenti di Istanbul.

Fu sede patriarcale greco-ortodossa, cattedrale cattolica, poi moschea, infine museo dal 1931.

Nota per la sua gigantesca cupola, apice dell’architettura bizantina, fu terminata nel 537.

Hagia_Sophia_Mars_2013

Oggi l’uso del complesso come luogo di culto (moschea o chiesa) è severamente proibito.Tuttavia, nel 2006, subito prima della visita del Papa Benedetto XVI, è stato segnalato che il governo turco ha permesso di destinare una piccola stanza del complesso museale per essere utilizzata come sala di preghiera da chiunque lo voglia.Dal 2010, diverse associazioni islamiche e membri del governo turco hanno richiesto con crescente insistenza la riapertura di Hagia Sophia al culto islamico.

 La caratteristica della basilica à l’immensa cupola centrale (831 m. di diametro), apparentemente priva di sostegni, che, insieme ad un audace gioco di volumi geometrici e verticalità architettoniche, conferisce allo spazio interno dell’edificio una grande leggerezza che un esterno, piuttosto tozzo e pesante, non lascia presagire.

  • La Basilica Cisterna di Istanbul

La Cisterna Basilica è la più grande cisterna sotterranea, concepita come deposito d’acqua , ancora conservata ad Istanbul.

Scoperta sul finire del XIX secolo, la cisterna fu costruita sotto il regno Giustiniano I (527-565), il periodo più prospero dell’Impero romano d’Oriente, nel 532.

Oggi si presenta come un enorme spazio sotterraneo di circa 140 metri per 70, in cui trovano spazio dodici file di 28colonne alte 9 metri e distanziate l’una dall’altra di 4,90 m.

800px-YerebatanSarayı

 

I capitelli sono un misto tra gli stili Ionico e Corinzio, con alcune eccezioni diDorico o addirittura di colonne non decorate.

Abbandonata e ridotta a discarica, nel 1987  dopo molti restauri è stata aperta al pubblico: gran parte dell’acqua è stata eliminata, sono state collocate delle passerelle per consentirne la visita, una sapiente illuminazione ne ha amplificato la bellezza.

L’ambiente è ancora in ottimo stato conservativo, tanto da mantenere sul fondo acqua sufficiente a far sopravvivere numerosi pesci.

Da notare le due monumentali teste di Medusa, una orizzontale, l’altra capovolta, che si trovano nell’angolo nord-occidentale su cui poggiano i piedistalli di due colonne.

  • Il Grand Bazar di Istanbul

Il Grande Bazar d’Istanbul è uno dei più grandi ed antichi bazar del mondo, ed è uno dei posti più caratteristici di Istanbul.

Il nucleo del mercato, chiamato Iç Bedesten, venne realizzato sotto il Sultano Maometto II e fu completato intorno al 1461. L’area del Bazar è molto estesa e regolare. Misura 300.700 m², con 4.000 botteghe e negozi, unica nel suo genere. Tutta l’area è coperta e, infatti, il Grande Bazar è chiamato, in lingua turca, Kapalı Çarşı, letteralmente Mercato coperto.

kapalicarsi

Nel lontano 1456 tutto cominciò con due bedesten in legno intorno ai quali sorsero col tempo numerose botteghe.

Successivamente le arcate in pietra presero il posto della struttura in legno, i negozi all’aperto furono ricoperti con un soffitto a volte e nuovi settori si aggiunsero a quelli esistenti.

In passato ogni via portava i nomi delle merci che vi erano vendute; ancora oggi, nonostante la diversità e la tipologia di merci e di  attività, esiste ancora una certa suddivisione, per cui su alcune strade sono riuniti tutti i venditori di tappeti, su altre tutti gli antiquari, iltri ancora i gioiellieri e così via.

10505517_763569940330800_4396642519696851468_n

Il Bazar è sempre affollato e pieno di turisti per l’intero orario di apertura. Qui si vende ogni genere di spezie, tessuti e dolci, inoltre si possono trovare anche botteghe artigiane, come ad esempio quella del calzolaio.

Il Bazar è aperto tutti i giorni, esclusa la domenica e nelle festività religiose islamiche, dalle 8.30 alle 19.00.

  • Complesso di Topkapi a Istanbul

Il Palazzo di Topkapi, i cui lavori di costruzione iniziarono con Maometto II il Conquistatore nel 1470, e terminarono dopo il 1850, è stata la residenza preferita dei sultani ottomani, dal XV al XIX secolo.

Edificato su una delle sette colline di Istanbul, dalla quale si può ammirare il Corno d’Oro ed il Mar di Marmara, il Palazzo di Topkapi è situato sul luogo in cui sorgeva l’antica acropoli di Bisanzio, ed occupa un’area di circa 700.000 m², al punto da costituire una sorta di città nella città.

Nel corso del tempo, attorno al nucleo centrale del palazzo, vennero costruiti numerosi altri edifici, tutti dotati di ampi giardini ed eleganti chioschi.

t01

La parola Topkapi significa letteralmente Porta del Cannone, in quanto, nei pressi della stessa porta che si affaccia sul mare di Istanbul, erano posizionate, un tempo, numerose bocche da fuoco, impiegate per la difesa della città.
Oltre al Palazzo della Porta del Cannone, anche altri edifici sono andati distrutti nel corso del XIX secolo: del complesso originario, fatto erigere da Maometto II il Conquistatore, rimane oggi solamente quello che è chiamato il Padiglione delle Maioliche, attualmente annesso al Museo Archeologico.
Palazzo Topkapi è un magnifico complesso costituito da un labirinto di costruzioni raccolte intorno a quattro grandi cortili protetti da monumentali porte circondato da circa 1400 m. di mura che lo separano dal resto della città.

t4

Probabilmente, il settore più importante del Palazzo di Topkapi è l’Harem che era la residenza privata, riservata al sultano ed alle sue donne.

L’entrata principale dell’Harem era la Porta delle Carrozze, chiamata così, in quanto a nessuna donna era permesso oltrepassarla, se non in carrozza.

Nell’Harem abitava la popolazione femminile del palazzo: la madre, le mogli, le sorelle e le concubine favorite del sultano regnante; anche i bambini fino ad 11 anni – figli e nipoti del sultano e dei principi – risiedevano nell’Harem, dove erano istruiti in una speciale scuola.

 

Ecco i nostri suggerimenti:

  1. ricordatevi che molti di questi sono luoghi di culto quindi le donne devono entrare coperte in segno di rispetto.
  2. consultate su internet nei siti ufficiali i giorni di apertura chiusura, e se sono in corso feste religiose islamiche, altrimenti potreste rimanere fuori. Gli edifici sacri infatti in caso di feste o di celebrazioni non sono aperte al pubblico.
  3. Alcune di queste meravigliose strutture hanno l’ingresso a pagamento. Anche in questo caso consultate i siti ufficiali.
  4. Controllate il vostro Today quotidiano sulla nave. Molto spesso ci sono piccole ma importanti suggerimenti su cosa visitare a terra e generalmente si indica anche se in quel giorno si possa o meno visitare un determinato monumento.
  5. Per quanto riguarda i dintorni di Piazza Taksim, assicuratevi che non ci siano “agitazioni” in corso. Generalmente quando la situazione si fa pericolosa per gli ospiti a bordo, la nave non attracca e si dirige straordinariamente in un altro porto ( è accaduto più volte in passato); nel caso ricordatevi che un cambio di programma di tal portata è per la vostra sicurezza ( abbiamo letto cose assurde, orde di viaggiatori imbufaliti con il personale di bordo perchè non si era effettuata la discesa ad Instanbul), e non certo per qualche motivo sciocco.

 

Detto questo: buona visita di questa meravigliosa città 🙂

 

29/06/2014  ore 13.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

Grand Celebration: crociera di posizionamento e ultimi viaggi come Iberocruceros


La Grand Celebration ha effettuato oggi la crociera di posizionamento da Valencia a Venezia, da dove la nave effettuerà il suo giro nel Mediterraneo orientale, in un itinerario di 7 giorni da Venezia e Istanbul , città dove si sosta per due giorni, per consentirne una visita all’insegna del relax da parte degli ospiti a bordo.

grandcelebrationmain_hr1

La nave è stata nel cantiere di Porto San Giorgio a Genova dal 29 aprile al17 maggio.

Il refit comprende sia lo scafo e le sezioni del motore sia l’hotellerie.

Per quanto riguarda il primo, gli interventi principali sono stati la pulizia e la riverniciatura dello scafo.

costa-celebration-soalrium

Il nuovo solarium..photocredit: Nieves Iglesias

Per il settore hotel sono stati sostituiti i tappeti, i tendaggi, la tappezzeria, i mobili, le decorazioni e altri oggetti e materiali nelle aree pubbliche e nelle cabine.

Nieves Iglesias su crucero10.com, ha pubblicato delle foto del prima e del poi.

piscina-2

La zona piscina prima.. photocredit :Echeyde Tours

costa-celebration-piscina1

La zona piscina dopo.. photocredit: Nieves Iglesias

Questi cambiamenti apparenti ricordano quelli introdotti da Costa Crociere per la Gran Mistral, ora Costa neoRiviera, molto meno incisivi di quelli per la Costa NeoRomantica .

Photocredit: Echeyde Tour (Tenerife), e Nieves Iglesias (Valencia)

18/05/2014  ore 22.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
 

Costa Crociere: lavori di manutenzione per la Grand Celebration


Boccata d’ossigeno ai cantieri di Genova: Costa Crociere S.p.A. ha deciso di affidare ai cantieri della città della Lanterna i lavori di manutenzione della Grand Celebration, di Ibero Cruceros, marchio spagnolo del Gruppo Costa Crociere.

gran_celebration-15

Photocredit: genova24.it

I lavori son cominciati il 29 aprile e termineranno il 17 maggio.

La Grand Celebration vanta 47.263 tonnellate di stazza e può ospitare1.896 Ospiti totali: è stata costruita nel 1986 da Kockums Varv a Malmö, in Svezia per Carnival Cruise Lines con il nome di Celebration ed è entrata in servizio per Ibero Cruceros nell’estate del 2008.

gran_celebration-14_(1)

Photocredit: genova24.it

Sono i cantieri navali San Giorgio del Porto di Genova, uno dei leader internazionali nel settore delle riparazioni e trasformazioni navali, ad occuparsi del drydock di Celebration.

Costa Crociere sta investendo 4,5 milioni di euro per questi lavori e i benefici in termini di occupazione si fanno sentire: la manutenzione coinvolge circa 400 persone tra persone del luogo e non.

Grand_Celebration_Rhodes_2012_(4)

I lavori sulla Grand Celebration riguarderanno lo scafo ( pulizia e riverniciatura), i motori e le aree ospiti della nave (sostituzione di moquette, tende, tappezzeria, mobili, decorazioni e altri elementi d’arredamento e materiali esposti a usura nelle aree pubbliche e nelle cabine).

Una volta conclusi i lavori, il 18 maggio 2014 la Grand Celebration partirà da Valencia per una crociera di posizionamento verso Venezia.

Durante l’estate 2014 la nave opererà nel Mediterraneo orientale, offrendo crociere di una settimana da Venezia e Istanbul.

 

 

Photocredit: genova24.it

 

09/05/2014  ore 11.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.

Le prime grandi navi lasciano Venezia: “Il Governo si muova”


Cosa chiedono le associazioni di categoria al governo sulla questione grandi navi a Venezia??
Semplice: che si faccia al più presto chiarezza, per sgombrare i dubbi e “calmare” le Compagnie di crociera.

navi crociera grandi navi ok-2

Nell’ennesimo documento di Confindustria Venezia, Confartigianato Venezia, CNA Venezia, Confcommercio Venezia, Confesercenti Venezia, Coldiretti Venezia, CGIL Venezia, CISL Venezia, UIL Venezia, Camera di Commercio I.A.A. di Venezia, Venezia Terminal Passeggeri SpA e Autorità Portuale di Venezia, che mercoledì si sono riunite, si esprime una forte preoccupazione per l’indecisione del governo in merito alla via alternativa per giungere alla Marittima.

Venezia_navi_S_Marco

Una decisione – si legge nel documento – attesa da oltre due anni e più volte discussa in occasioni formali e informali, ma che ancora si sta facendo attendere“.

venezia-grandi-navi-crociere

Una mancata presa di posizione del Governo, o ulteriori ritardi nella decisione definitiva, avrebbero la sola conseguenza di offrire una soluzione automatica al problema: le navi abbandonerebbero Venezia che perderebbe così l’intero comparto crocieristico e, con esso, l’economia e l’occupazione correlata a beneficio di altri porti, non italiani – si continua nella missiva – Alla notizia che dalla stagione 2015, alcune navi (13 toccate per circa 100mila passeggeri) hanno già autonomamente deciso di spostare l’Home Port da Venezia ad Atene e Istanbul, le categorie confermano l’urgenza di una immediata e corretta comparazione delle vie navigabili alternative e praticabili attraverso l’iter indicato lo scorso 5 novembre 2013: incardinare in una procedura di valutazione di impatto ambientale nei tempi previsti dalla Legge Obiettivo un progetto preliminare di una nuova via di accesso alla stazione di Marittima.

Procedura che garantisce tempi certi e la corretta comparazione delle ipotesi alternative in modo che la decisione finale sia presa sulla base di elementi tecnici e non dietro la spinta di sentimentalismi, o peggio, di pressioni politiche”.

Giudecca

La soluzione caldeggiata dal sindaco Giorgio Orsoni, viene ribadito, non è praticabile: “Il progetto di adeguamento del canale Vittorio Emanuele III, soluzione che presenta limiti tecnici di navigabilità non ovviabili nell’immediato e che quindi viene vissuto come un mero preludio, o escamotage, al trasferimento della crocieristica a Marghera a detrimento del traffico commerciale, delle aziende che vi risiedono e dell’occupazione dell’intera area non può essere la soluzione – si dichiara – Il tempo stringe.
Fate presto perché il 30 giugno è la data ultima che le compagnie di crociera possono attendere prima di decidere autonomamente di abbandonare Venezia dal 2016, cancellando uno dei settori più vitali dell’economia veneziana e nazionale
“.


Fonte : VeneziaToday, Ansa

07/05/2014 ore 23.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”