Il traghetto contro gli scogli a Corfù: manovra sbagliata?


La magistratura greca sta lavorando all’ipotesi che dietro l’incidente al traghetto Europalink avvenuto la scorsa notte al largo di Corfù, ci sia un’errata manovra e ha aperto due inchieste.

Photocredit: Ansa

I passeggeri hanno riferito subito di un boato e dell’apertura di uno squarcio nella finacata del traghetto Europalink della Minoan Lines (Grimaldi).

Secondo indiscrezioni non confermate però dalle autorità, il comandante e la guardia – cioè il personale di comando in turno – si trovano in stato di fermo a Kerkyra, il porto di Corfù.

Le ipotesi prese al vaglio in effetti sono due: o la nave ha evitato un’altra imbarcazione o ha trovato davanti un ostacolo, sbagliando in ogni caso le manovre e finendo contro gli scogli.

Il traghetto, lungo 214 metri e largo 30, con 46 tonnellate di stazza, trasportava 797 passeggeri e 70 membri dell’equipaggio e per fortuna nessuno è rimasto ferito e soprattutto la nave è rimasta in galleggiamento e ha potuto così raggiungere il porto.

Una volta arrivati a terra i passeggeri sono stati trasbordati sul traghetto Cruise Olympia e arriveranno ad Ancona questa sera intorno alle 20.

Da domani l’Europalink, che fa servizio lungo la rotta Igoumenitsa-Ancona-Trieste, verrà sostituita da una seconda nave messa a disposizione dalla Grimaldi, il Catania.

E’ la seconda volta che l’Europalink ha un incidente: il 4 gennaio dell’anno scorso, un’elica si era staccata improvvisamente dallo scafo ed era finita contro una fiancata. Era accaduto al largo di Brindisi.

22/09/2014  ore 13.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.
Annunci

Traghetto urta scogli a Corfù, paura per 800 passeggeri


Tanta paura ma nessun ferito fra i 797 passeggeri del traghetto Europalink, in navigazione da Igoumenitsa ad Ancona e Trieste, svegliati alle 2 della notte scorsa da un boato seguito da un forte scossone: la nave era finita contro uno scoglio o un tratto di fondale troppo basso, a poca distanza dall’isola greca di Corfù.

download

 

Secondo le prime informazioni raccolte presso la Capitaneria di porto di Ancona, dopo la ‘botta’ il traghetto della Minoan Lines (Gruppo Grimaldi), iscritto al compartimento marittimo di Palermo, avrebbe ruotato su se stesso, ma il comandante è riuscito a manovrarlo senza altri danni fino al porto di Kerkyra, dove si trova tutt’ora, in linea di galleggiamento.

Sulle cause dell’incidente le autorità marittime greche hanno aperto un’inchiesta, e accertamenti saranno svolti anche dal Rina, il Registro italiano navale.

L’impatto con lo scoglio ha aperto uno squarcio su una delle fiancate dell’Europalink, lunga 214 metri e larga 30, per una stazza lorda di circa 46 mila tonnellate. Si tratta di uno dei più grossi ro-ro in navigazione in Europa.

Minoan_Lines_Europalink-e1365499113840

 

A bordo, oltre ai 70 uomini dell’equipaggio, c’erano tanti turisti, italiani e stranieri, ma anche cittadini dei Balcani che viaggiano per lavoro lungo la linea Igoumenitsa-Ancona-Trieste.

20140921_79070_2

Nonostante a bordo ci fossero tra le 1.500 e le 2.000 persone (le fonti ufficiali parlano di 760 passeggeri, ndr), non ci sono state scene di panico, anche perché la nave è riuscita ad arrivare in porto da sola in circa mezz’ora. Tutta l’operazione si è svolta in maniera ordinata: ci hanno subito dato i salvagente e fatto andare sul ponte, e una volta arrivati al porto di Corfù, molto vicino a dove è avvenuto l’incidente, ci hanno fatti scendere e ci hanno portati in hotel“.

20140921_79070_4

L’equipaggio, però, non ha spiegato ai passeggeri cos’era accaduto: “Nessuno ci ha detto nulla ma noi avevamo capito benissimo cos’era successo, perché avevamo sentito il rumore della nave che urtava contro lo scoglio. Poi l’autista del nostro pullman ci ha confermato tutto” afferma un passeggero.

La Grimaldi ha dirottato tutti i passeggeri sulla Cruise Olympia, salpata da Patrasso e attesa nel porto marchigiano dopo le 17 di domani.

images

 

Ad Ancona imbarcherà le 60 persone che sarebbero dovute partire questa sera alla volta di Trieste.

Dopo la crisi degli anni scorsi, il traffico di passeggeri da e per la Grecia che si imbarcano dal porto di Ancona è tornato a crescere: lo scalo ha registrato 230.500 transiti negli ultimi sei mesi, stando ai dati forniti dall’Autorità portuale dorica.

Fonte: Ansa, Resto del Carlino, il Messaggero
21/09/2014  ore 22.20

 

Egnatia Seaways: stagione finita!Addio al collegamento per la Grecia


Il traghetto Larks della compagnia Egnatia Seaways, fermo da giorni per un’avaria al porto di Igoumenitsa, non riprenderà fino al 7 settembre i collegamenti tra Brindisi e la Grecia.

La notizia è stata ufficializzata oggi dal comandante della capitaneria di porto di Brindisi, Mario Valente.

20140812-093652-34612086-620x375

La nave è ferma a Igoumenitsa dagli inizi di agosto.

In queste ore sono in corso contatti fra le varie autorità italiane e greche competenti per verificare se vi siano alternative per garantire in qualche modo l’imbarco ai viaggiatori.

La vacanza in Grecia è già sfumata per diverse migliaia di persone.

Altre hanno dovuto, non senza difficoltà, reperire un biglietto di imbarco per rientrare dalla Grecia in Italia, moltissimi hanno già avviato azioni legali per il risarcimento del danno.

Lo stop fino al 7 settembre decreta di fatto la fine dei collegamenti per la stagione estiva in corso

 

Fonte: la Repubblica

 

20/08/2014  ore 20.10
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

Porto di Capri: cede passerella traghetto, tre feriti


Una nave traghetto questa sera è stata oggetto di un incidente al porto di Capri: la sua passerella è ceduta durante le fasi di ormeggio, e purtroppo ha coinvolto tre persone, che sono cadute e si sono ferite anche se non in maniera grave.

E’ accaduto a Marina Grande, in prossimità del molo Banchinella.

Il traghetto proveniva da Pozzuoli ed era appena approdato a Capri: erano in pieno corso le operazioni di sbarco dei passeggeri attraverso una passerella, quando questa non ha retto e ha ceduto di lato, per cause per cause in corso di accertamento da parte della guardia costiera.

182250201-94970c15-b198-4be1-a041-232cc1cc52c8

I tre feriti fanno tutti parte della stessa famiglia ( padre, madre e figlia) che sono stati tempestivamente soccorsi dal personale della postazione medica del porto e dal sanitari del 118: per precauzione sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Capilupi.

P1060982_672-458_resize

I medici hanno curato le escoriazioni per i genitori e una contusione alla gamba destra per la figlia tredicenne, per fortuna nulla di grave.

P1060979_672-458_resize

Gli uomini della capitaneria di porto di Capri, guidata dal comandante Dario Gerardi, hanno avviato gli accertamenti di rito.

 

18/08/2014  ore 22.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Olbia: traghetto con 2140 passeggeri si incaglia su banco di sabbia


La nave Tirrenia Bithia in arrivo da Genova, con 2.140 passeggeri e 700 automobili a bordo è finita nel porto di Olbia su un banco di sabbia, non segnalato nelle carte nautiche, nella fase di ormeggio rimanendovi così incagliata.

E’ stata spostata dai rimorchiatori e dopo 3 ore i passeggeri, che non hanno subito altri problemi, sono riusciti a sbarcare.

La nave, che doveva ripartire alle 9, ha lasciato invece il porto sardo per Genova nella tarda mattina, dopo i controlli di sicurezza.

BulMZgkIAAAU50D

Photocredit: CarlaMelis_7 via Twitter

La motonave, partita ieri notte da Genova, sarebbe dovuta entrare nel porto di Olbia alle 8 ma, secondo la ricostruzione fornita dalla Capitaneria di Porto, durante la fase di ormeggio si è incagliata in un banco di sabbia bloccandosi: per liberare la nave sono stati necessari una Motovedetta di soccorso e due rimorchiatori portuali.

Dopo tre ore di lavoro la nave è riuscita a concludere la fase di accosto ed i passeggeri sono stati fatti sbarcare. Sono quindi scattate le operazioni di verifica dello scafo, e dopo mezzogiorno i passeggeri diretti a Genova sulla corsa di ritorno, circa 400, sono fatti salire a bordo.

La Capitaneria di Porto ha disposto ulteriori accertamenti per verificare la presenza del banco di sabbia che, non viene escluso, possa essere stato causato dell’alluvione di novembre e da particolari correnti marine.

 

L’evento non ha comportato alcun rischio né per i passeggeri né per i mezzi che si trovavano a bordo – ha confermato la Tirrenia – e si è risolto con un ritardo, in parte recuperabile durante le traversate, delle partenze da Olbia per Genova di oggi, e da Genova per Olbia e Arbatax di stasera.

La compagnia sta avvisando telefonicamente, via sms, via e-mail tutti i passeggeri di queste due corse.

Regolare lunedì l’orario di linea“.

La compagnia ha anche provveduto ad avvisare tutte le autorità competenti dell’accaduto.

 

09/08/2014  ore 13.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”