Love Boat: ultimo viaggio e futuro incerto per la nave set del popolare tv-movie


La Island Princess, che navigava sotto la bandiera della Cruise & Maritime Voyages (CMV), era uno dei set originali della popolare serie televisiva “Love Boat” ma purtroppo ha affrontando quello che pare a tutti gli effetti il suo ultimo viaggio.

DISCOVERY, Liverpool 16.5.2013 013

I fan del popolare tv-movie temono che possa fare la fine della sua gemella, l’ex Pacific Princess, che è stata venduta per ricavarne rottami: le immagini della sua distruzione hanno mandato in frantumi i cuori di chi, grazie alla serie televisiva, ha sognato e continua a sognare questo stile di vita.

ACIF-ex-Pacific-copy Pacific-Princess-2

L’ex Island Princess, che attualmente naviga col nome di Discovery, trasportava 700 passeggeri, e ha operato per CMV in joint venture con All Leisure Group, proprietario britannico della nave.

Nel mese di febbraio la nave è stata messa in vendita perchè in perdita.

Il Discovery ha terminato il suo ultimo viaggio il 6 ottobre a Bristol, in Inghilterra e la Leisure Group si rifiuta di rendere noto quale sarà la sua meta finale, anche se tutti sono ormai convinti che sia destinata al mercato dei rottami in Turchia, anche se i fans conservano ancora una speranza e cioè che sia data un’ulteriore possibilità a questa nave che , benchè datata, ha da sempre fatto sognare milioni di persone.

discovery

Mike Hall, responsabile marketing di CMV nel Regno Unito, ha rilasciato una dichiarazione in un comunicato ufficiale in cui dice che “abbiamo ricevuto molte e-mail, telefonate, messaggi di social media e lettere che ci hanno  riempito di complimenti da parte dei passeggeri che hanno vissuto la loro esperienza di crociera su questa nave“.

Il Discovery è la nave gemella della più nota Pacific Princess, che ha avuto il ruolo da protagonista in “The Love Boat” , lo show televisivo girato tra il 1977 e il 1986 , e la Island Princess è stata utilizzata più volte in sostituzione della nave originale, essendo strutturalmente identica alla sorella più famosa.

Cercheremo di tenervi aggiornati sugli sviluppi della vicenda appena si sapranno più particolari.

 

08/10/2014  ore 15.50
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Crociere: eccesso di prudenza la linea delle compagnia sull’Ebola. L’elenco delle cancellazioni


L’Ebola continua a mietere vittime in Africa occidentale e diverse compagnie di crociera hanno cambiato i loro itinerari nella zona, in ciò che descrivono come “eccesso di prudenza o abbondanza di cautela“.

01-ebola_acrossafrica_140414

C’è da specificare che i tre paesi colpiti dall’epidemia e cioè Liberia, Guinea e Sierra Leone, non sono mai stati nei percorsi crocieristici, tuttavia le compagnie hanno ritenuto necessario cancellare anche le fermate in quei paesi che si affacciano sulle principali aree di focolai o per paesi come il Senegal, che ha avuto almeno un caso confermato di Ebola.

Ne abbiamo già parlati ieri ma oggi vediamo con più precisione quali sono le compagnie e le navi interessate ai cambiamenti.

3872195

*Holland America Line ha già avvertito i passeggeri della Rotterdam, che si accinge ad affrontare una crociera di 35 giorni, l’itinerario denominato “African Explorer”, che parte da Città del Capo, in Sud Africa e arriva a Southampton, nel Regno Unito, il 15 novembre.

Dei 3 porti di scalo originariamente previsti in Ghana, Gambia e Senegal saranno sostituiti con:

  • Un pernottamento supplementare a Città del Capo
  • Un pernottamento supplementare a Mindelo, Ilha de Sao Vicente, Capo Verde
  • Una chiamata in aggiunta al porto di Tangeri, Marocco.

Seven-Seas-Mariner

*Regent Seven Seas Cruises ha annullato una fermata al porto di Dakar, in Senegal per la Seven Seas Mariner , sostituendolo con una fermata a Santa Cruz de Tenerife nelle Isole Canarie, oltre ad una fermata per il 19 ottobre a Lanzarote, nelle Isole Canarie.

Sulla questione Regent ha dichiarato che “abbiamo sempre posto la sicurezza e il comfort dei nostri ospiti come priorità e abbiamo cambiato l’itinerario per rispondere a tutte le preoccupazioni dei nostri clienti”.

Sojourn-Dover21-1024x682

*L’itinerario di 39 giorni “La Condamine to the Cape” di Seabourn Sojourn prevedeva visite in Senegal e in Gambia ma la compagnia, la Seabourn Cruise Line ha rimosso entrambe le fermate in programma e li ha sostituiti con Malaga e Cadice (Siviglia), in Spagna .

Altri aggiornamenti della situazione verranno pubblicati in base alle comunicazione da parte delle compagnie, che ripetiamo ancora una volta, stanno agendo con eccesso di prudenza, in quanto nei porti di sbarco previsti in Africa, non sono compresi i Paesi che hanno casi di Ebola conclamati.

 

08/10/2014  ore 15.20
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Silversea: Silver Galapagos riprende il largo dopo il restyling


Silver Galapagos di Silversea affronta di nuovo il mare dopo il completamento di una seconda fase di lavori di ristrutturazione avviati nel mese di settembre, nel bacino di carenaggio di un mese a Panama.

silver-galapagos_i3006694

I lavori hanno riguardato tutte le suite della nave, i corridoi e l’Explorer Lounge, che sono state completamente rinnovate.

Gli arredamenti sono stati aggiornati utilizzando una tavolozza di colori, dal blu al beige, migliorando nettamente il design d’interni della nave, un arredamento interno eco simile a quello della Silver Discoverer, recentemente battezzata.

5-silverseagps-jacuzzi

 

Il Silver Galapagos è una nave di lusso che può trasportare un massimo di 100 clienti, super coccolati: aveva già subito una prima fase di interventi di restyling, con l’installazione di nuovi bagni in suite, arricchiti con marmi e ricchi dettagli, oltre a un nuovo centro fitness, sala massaggi, salone di bellezza, vasca idromassaggio all’aperto, e del ristorante all’aperto, a firma Silversea, il The Grill, molto apprezzato dagli ospiti.

silver-suite

Silver Galapagos affronterà crociere di 7 giorni attraverso le isole Galapagos.

Queste crociere denominate di spedizione, sono le più avventurose che voi possiate trovare, permettendovi di scoprire la natura selvaggia, i paradisi incontaminati, in un luogo da sempre considerato un laboratorio naturale dell’evoluzione.

 

08/10/2014  ore 14.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

MSC Crociere: McCann nuovo partner comunicazione


Luca Catzola, chief marketing officer di MSC Crociere, ha rivelato a Today Pubblicità Italia chi sarà il nuovo partner comunicazione per la compagnia: si tratta di McCann, l’azienda guidata da Daniele Cobianchi, managing director McCann Advertising e MCWG vice president, che inizzierà a collaborare dal 1 gennaio 2015.

Luca Catzola

Luca Catzola

Abbiamo un nuovo piano industriale in fieri che prevede la nascita di navi innovative e iper tecnologiche a partire dal 2017.

Di conseguenza, la nostra strategia di comunicazione assume un ruolo fondamentale: saremo ancora più grandi e dovremo essere ancora più efficaci rispetto ai competitor.

Prima dell’estate abbiamo indetto una gara creativa per delineare il nuovo posizionamento dell’azienda e la nuova campagna 2015.

Al pitch hanno partecipato 4 network internazionali, cioè Leagas Delaney (incumbent), Saatchi & Saatchi, Grey United e McCann Worldwide.

Alla fine del percorso abbiamo individuato come agenzia che ci accompagnerà dal 2015 proprio McCann, un team internazionale coordinato dall’hub italiano”.

 

Per quanto riguarda il terzo trimestre dell’annopresidieremo tutti i media con la nostra campagna ‘Moments’ che è attualmente ancora efficace: a dicembre partirà la comunicazione della stagione summer, mentre nelle settimane precedenti siamo stati on air in tv per sostenere la nostra offerta per l’inverno – ha proseguito il manager – Nel 2014 abbiamo aumentato il budget in advertising del 20% sul 2013, raggiungendo un livello di investimento importante.

La nostra strategia media è a 360° quindi su tutti mezzi, ma è cresciuta l’attenzione ai new media: operiamo nel mercato del travel che è uno dei più avanzati sul digitale, dove spesso viene effettuata la chiusura di una transazione di acquisto, anche se la crociera ha un procedimento più complesso di un volo aereo.

Inoltre cresce l’importanza del canale elettronico perché la brand reputation si costruisce sempre più su questo mezzo, dal momento che si fruisce di internet anche per trovare informazioni sui vari tipi di viaggio”.

mw_logo

Al momento tutta ciò che è pianificazione è gestita da Vizeum, che ha avuto la conferma anche per il 2015, e sui social network ha scelto We are SocialSiamo, a livello globale, al secondo posto per numero di fan su Facebook, diventati 3 milioni, e distacchiamo concorrenti superiori per quote di mercato, perché noi siamo il quarto player del settore”, ha precisato Catzola sottolineando che essendo il comparto in piena espansione, si procederà all’assunzione di 6000 figure entro il 2018.

Le opportunità del settore sono significative, considerando che la penetrazione del mercato crocieristico in Italia è di poco superiore all’1% e quindi le potenzialità di crescita sono enormi sia per uno sviluppo in assoluto sia per la conquista di quote di mercato rispetto ad altre tipologie di vacanza.

Nel piano industriale c’è l’intenzione di formare molte persone per prepararle in tempo, da qui al 2017, quando appunto saranno varate le nuovi navi.

Siamo una compagnia globale e parliamo di assunzioni in tutto il mondo e di risorse umane internazionali.

Sulle nostre navi serviamo oltre 40 nazionalità con 6 lingue parlate”.

Catzola spiega poi che nonostante i venti della crisi, MSC Crociere ritiene di avere una value proposition molto favorevole al cliente e quindi non ha interesse a spingere con le promozioni di prezzo.

MSC

Il nostro obiettivo principale è far capire al cliente il valore che c’è in quello che acquista e il nostro approccio è teso alla valorizzazione del prodotto e alla sua spiegazione.

Perché l’esperienza della crociera è piena di scoperte, ignorate prima di viverla in prima persona. Stringiamo anche partnership tese a massimizzare la nostra visibilità, come nel caso del lancio del film L’Ape Maia.

Nonostante l’operazione sia partita da poco abbiamo registrato una discreta visibilità, notando interesse specie da un punto di vista digitale – ha concluso Catzola – Sottolineo che questa compagnia continua a investire cifre significative nella costruzione di nuove navi, nell’esperienza del cliente migliorante costantemente l’offerta di cibo ed entertainment, in risorse umane, nella qualità del prodotto e nelle strategie commerciali in un contesto in cui non tutti i player fanno altrettanto”.

 

Fonte: tratto da un’intervista di Luca Catzola al Today Pubblicità Italia

 

08/10/2014  ore 13.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Diamond Princess: ostacoli in Giappone, causa tifoni nella regione


Diamond Princess, la nave da crociera di Princess Cruise Line, sta subendo delle cancellazioni e dei ritardi nella sua crociera di 9 giorni in Giappone, a causa di due tifoni che si sono abbattuti in questi giorni nell’Oceano Pacifico.

Diamond_Princess_in_Tauranga

La crociera che era in programma per il 6 di ottobre è stata rinviata ad oggi a causa del tifone Phanfone, ma a questo adesso si aggiunge ora il nuovo tifone denominato Vongfong.

I passeggeri sono stati allertati con una lettera, in cui si specifica che il tifone Vongfong ha un percorso che è lo stesso della nave.

Per evitarlo si devono cancellare le fermate nei porti di Kagoshima, Jeju e Nagasaki; la nave procederà invece verso Kobe, poi navigherà verso il Mare Interno come previsto, per poi dirigersi attraverso lo stretto di Kanom, verso il porto di Busan (tempo permettendo) prima di uscire in mare per tre giorni.

BzQIB6nCQAEoatt

Princess Cruises precisa che “potrebbe essere necessario fare anche ulteriori modifiche strada facendo perchè la situazione è in costante progresso“.

La compagnia prevede un rimborso sotto forma di credito a bordo per i due giorni persi, ma anche un rimborso equivalente alle tasse portuali dei porti non toccati.

boarding-diamond-princess-port-douglas-australia+1152_12839449957-tpfil02aw-27590

I passeggeri non possono salire a bordo della crociera fino all’8 ottobre, cioè nella giornata di oggi, tempo permettendo.

Inoltre, la Princess sta fornendo ogni passeggero di un credito futuro equivalente al 50% del prezzo della crociera pagato: il credito potrò essere utilizzato su qualsiasi crociera Princess prenotata entro la fine del 2015.

 

08/10/2014  ore 01.20
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.