Crociere nel Mediterraneo: 27 milioni i crocieristi, diventerà meta numero 1


Stavros Hatzakos, presidente dell’associazione Med Cruise (che riunisce porti di 19 Paesi della regione) ha dichiarato alla stampa francese che il Mediterraneo ha tutti i numeri per diventare la meta numero uno al mondo per quanto riguarda il traffico crocieristico : “Le potenzialità per superare i Caraibi ci sono“, ha dichiarato.

Stavros Hatzakos, presidente Med Cruise

A guardare i numeri non si può non dargli ragione: ad oggi il Mediterraneo ha movimentato circa 27.000.000 di crocieristi  di cui l’80% nordamericani, tedeschi e britannici con una crescita esponenziale negli ultimi anni, soprattutto nei porti francesi che vantano una crescita a due cifre.

In Francia, infatti, nel 2012 si contavano380mila passeggeri, diventati 500mila quest’anno, con una crescita nel 2016 stimata in 800.000 passeggeri (dati del Club Crociere di Marsiglia-Provenza).

La parte del leone dei porti francesi la fà il porto di Marsiglia dove sono transitati  1.35 milioni di passeggeri quest’anno, mentre nel 2013 erano stati 1.19 milioni.

MedCruise-on-white

La capitale mediterranea delle crociere resta ancora Barcellona, con i suoi attuali 2.6 milioni di croceristi, che ottiene la medaglia di legno come 4° porto al mondo, dopo quelli di Everglades, Miami e Port Canaveral (tutti e tre negli Stati Uniti).

La caratteristica che tuttavia attira di più i crocieristi nel Mediterraneo, è la possibilità, anche in crociere di 4/5 giorni, “di visitare un certo numero di Paesi, tutti di grande attrazione per i turisti, basti pensare a destinazioni come Spagna, Francia, Italia, Grecia, Turchia, Egitto“.

Una carta da giocare soprattutto con i turisti asiatici, che rappresentano una base di visitatori in aumento ma ancora con una percentuale marginale.

 

29/09/2014  ore 15.15
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...