Chioggia accoglie la “sua” prima nave da crociera


Chioggia accoglie per la prima volta una nave da crociera: si tratta della Luois Majesty, di Louis Cruises, 207 metri per 40 mila tonnellate.

LOUIS-MAJESTY-nave-crociera-chioggia-porto-vela-veneta-velaveneta

A bordo 1.600 passeggeri e 600 uomini e donne d’equipaggio, che dopo Chioggia toccheranno Zadar e Dubrovnik (in Croazia) e Kotor, la vecchia Cattaro della Serenissima, in Montenegro.

Una prima volta per Chioggia in un settore che non l’ha mai vista protagonista nel turismo marittimo, appannaggio della più blasonata Venezia.

I passeggeri si son divisi tra chi andrà in escursione a Venezia e chi invece si ferma in città, il cui Comune, intelligentemente, sta facendo di tutto per mostrare una città pulita e accogliente.

Il sindaco Giuseppe Casson : “Quella con Venezia è una sinergia. È conveniente per tutti avere nella nostra regione flussi di traffico crocieristico che altrimenti andrebbero altrove”.

 

22/09/2014  ore 14.00
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Il traghetto contro gli scogli a Corfù: manovra sbagliata?


La magistratura greca sta lavorando all’ipotesi che dietro l’incidente al traghetto Europalink avvenuto la scorsa notte al largo di Corfù, ci sia un’errata manovra e ha aperto due inchieste.

Photocredit: Ansa

I passeggeri hanno riferito subito di un boato e dell’apertura di uno squarcio nella finacata del traghetto Europalink della Minoan Lines (Grimaldi).

Secondo indiscrezioni non confermate però dalle autorità, il comandante e la guardia – cioè il personale di comando in turno – si trovano in stato di fermo a Kerkyra, il porto di Corfù.

Le ipotesi prese al vaglio in effetti sono due: o la nave ha evitato un’altra imbarcazione o ha trovato davanti un ostacolo, sbagliando in ogni caso le manovre e finendo contro gli scogli.

Il traghetto, lungo 214 metri e largo 30, con 46 tonnellate di stazza, trasportava 797 passeggeri e 70 membri dell’equipaggio e per fortuna nessuno è rimasto ferito e soprattutto la nave è rimasta in galleggiamento e ha potuto così raggiungere il porto.

Una volta arrivati a terra i passeggeri sono stati trasbordati sul traghetto Cruise Olympia e arriveranno ad Ancona questa sera intorno alle 20.

Da domani l’Europalink, che fa servizio lungo la rotta Igoumenitsa-Ancona-Trieste, verrà sostituita da una seconda nave messa a disposizione dalla Grimaldi, il Catania.

E’ la seconda volta che l’Europalink ha un incidente: il 4 gennaio dell’anno scorso, un’elica si era staccata improvvisamente dallo scafo ed era finita contro una fiancata. Era accaduto al largo di Brindisi.

22/09/2014  ore 13.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Clia: continua la crescita globale del comparto crociere


Continua la crescita globale dell’industria delle crociere: lo ribadisce la Clia (Cruise Lines International Association) che sciorina i dati degli investimenti fatti nel settore delle crociere.

clia-europe

Questi investimenti hanno generato 117 miliardi di dollari di contributo economico, occupato a tempo pieno di 891.009 persone, e hanno prodotto compensi pari a 38,47 miliardi di dollari.

Vago-Pierfrancesco

 

E’ Pierfrancesco Vago, presidente di Clia Europe ed executive chairman di MSC Crociere, a spiegare i dati: ”le cifre mostrano che circa il 45% del contributo totale globale del settore è stato generato in Europa.

Indiscutibilmente, oggi il comparto crocieristico contribuisce in maniera decisiva alla ripresa economica europea, creando sviluppo e posti di lavoro in un momento in cui entrambi questi fattori non sono così facili da trovare“.

Sempre più cittadini europei – aggiunge – scelgono l’opzione della vacanza in crociera, sempre più turisti navigano in acque europee, e sempre più navi sono costruite nei cantieri europei; nei prossimi anni il peso della nostra industria in Europa può solo continuare a crescere”.

 

22/09/2014  ore 12.50
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.