Canale di Panama: nel 2015 i primi transiti e c’è anche un pò d’Italia


Jorge Luis Quijano, Executive Vice President – Engineering and Programs Management dell’Autorità del canale di Panama, ACP, intervistato dalla Reuters, ha rivelato che, grazie al nuovo sistema di chiuse, il “nuovo” Canale di Panama potrà vedere le prime navi transitare nel 2015.

quijano

Jorge Luis Quijano, Executive Vice President – Engineering and Programs Management dell’ACP

Speriamo di iniziare una serie di test con le chiuse nel prossimo anno nel mese di luglio o agosto” dice Quijano.

La Panama Canal Authority ha ricevuto l’ultima spedizione, per la quarta serie di chiuse, Domenica: e la terza serie di chiuse è arrivata direttamente dall’Italia, un sistema di 16 serrande, otto per ogni nuovo complesso di blocco.

Mentre le ultime chiuse sono attese per la fine dell’anno in corso, nel 2015 cominceranno i test di passaggio navi; l’ampliamento del canale permetterà un incremento di traffico ma anche il transito di navi più grandi, permettendo alle compagnie non pochi risparmi.

Ship-Tests-at-Panama-Canals-New-Locks-to-Start-in-20151

Photocredit: micanaldepanama official website

Siamo dunque al 78% circa del progetto di espansione: in totale i mesi di ritardo rispetto al progetto sono 16, dovuti in maggior parte alla sospensione dei lavori a causa del superamento dei costi preventivati.

Son seguiti tira e molla di rimbalzi di responsabilità su chi avrebbe dovuto pagare i 1,6 miliardi di dollari del superamento dei costi.

Si è per fortuna raggiunto un accordo tra le parti il 1 ° agosto, in tempo per il completamento della terza serie di chiuse.

 

08/09/2014  ore 17.50
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Porto di Genova: calano crociere ma aumenta traffico traghetti


L’amministratore delegato di Stazioni Marittime, Edoardo Monzani, fa il punto della situazione del porto di Genova: il traffico crociere è in diminuzione nonostante l’arrivo di P&O e al contrario, aumenta il movimento traghetti.

In effetti lo scenario è sensibilmente mutato rispetto allo scorso anno – dice Monzani – Nei primi otto mesi dell’anno, da gennaio ad agosto, le crociere hanno subito una flessione del 23 per cento, e i passeggeri sono stati in totale 527mila. Nello stesso periodo del 2013 era 690mila“.

A rinunciare a Genova son state le navi di Pullmantur e di Royal Caribbean e all’appello mancano circa 163mila passeggeri: senza contare una nave spostata da MSC crociere da Genova a La Spezia.

CROCIERE: GENOVA IN FESTA, MSC INAUGURA LA SUA PREZIOSA

 

E’ arrivata la P&O cruises, compagnia che fa capo al gruppo Carnival (come Costa), ma purtroppo il suo arrivo non bilancia affatto la situazione: a fine anno è così previsto un numero che si aggira sui 200.000 passeggeri in meno.

Pare dunque lontana la cifra di un milione di passeggeri toccata per la prima volta nel 2013: la speranza è che accada di nuovo nel 2015 grazie a nche a delle specifiche iniziative che verranno messe in campo.

Il dato positivo è che quest’anno sono aumentati i passeggeri home port e diminuiti i transiti. Così se la flessione dal punto di vista dei numeri è al momento del 23 per cento, quella dei ricavi è del dieci” aggiunge Monzani.

Come dicevamo, al contrario il settore traghetti è in ripresa: “Complessivamente Genova in questi primi otto mesi dell’anno è cresciuta del 3,3 per cento – spiega l’amministratore delegato di Stazioni Marittime – Abbiamo avuto ottime performance di Cin-Tirrenia, cresciuta dell’11 per cento e anche di Moby, del 5, mentre Gnv ha fatto finora registrare una flessione contenuta del 3. Dal punto di vista dei numeri, il milione e 296mila passeggeri dei traghetti del 2013 è diventato a fine agosto 2014 un milione e 339mila, con un saldo positivo di oltre quarantamila unità“.

Costa Crociere: nel Cda di Stazioni Marittime Genova-merlo-560x256

Vediamo come andrà a concludersi l’anno – aggiunge Monzani – Ma non prevediamo grandi scrolloni rispetto ai primi otto mesi. Qualche segnale positivo è evidente sul fronte dei traghetti che quest’anno ha registrato una novità assoluta, vale a dire la nave per l’Algeria, che ha fatto quattro toccate.

Confidiamo di aumentare e se possibile di allargare anche il mercato, visto che questi scali sono stati utilizzati soltanto da passeggeri algerini che tornavano a casa o si spostavano, mentre sarebbe interessante riuscire a dare anche una sponda al turismo.

Altrettanto inequivocabile è la frenata nelle crociere, ma si sa che questo è un settore un po’ ballerino e che le navi si spostano secondo i piani delle compagnie. L’obiettivo del milione di passeggeri, raggiunto nel 2013, quest’anno non sarà centrato.

Ma confidiamo che già nel 2015 si possa tornare ai livelli dello scorso anno. Le iniziative, al proposito, non mancano“.

 

08/09/2014  ore 17.20
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Aida Blu: 2.500 turisti tedeschi a Cagliari


Sono sbarcati in 2500 stamane dalla Aida Blu, al molo Ichnusa nel porto di Cagliari.

Le navire de croisière AIDAblu dans le port d'Ajaccio, Haute-Corse, France

 

In prevalenza tedeschi, ma d’altronde la nave è costruita “intorno” al mercato tedesco, gli ospiti della nave da crociera di Aida Cruises si son divisi tra visite al centro storico a piedi ed escursioni nel territorio: c’è anche chi ha gradito le piste ciclabili e ha scelto il tour in bici.

Come anticipato sul blog, questa è una delle sedici tappe aggiunte ed in sostituzione di porti in paesi con eventi geopolitici in continuo cambiamento: il test di fine Agosto ha promosso il capoluogo sardo e la compagnia porterà come promesso, circa 40.000 crocieristi “non previsti” in giro per Cagliari.

Photocredit: Autoservizi Mereu

Photocredit: Autoservizi Mereu

 

 

Si rivedono dunque le stime pessimistiche che davano il traffico dei passeggeri crocieristi in diminuzione rispetto all’anno scorso: si prospetta infatti almeno un pareggio, al netto di nuovi approdi non previsti (dovuti sempre alle mutate situazioni politiche ma spesso anche al maltempo che porta verso il riparato porto le navi dirette ad Olbia ad esempio); una vera boccata d’ossigeno per il comparto isolano.

L’approdo della prossima nave Aida Cruises è previsto in città per la fine di settembre.

 

08/09/2014  ore 17.00
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.