Oasis of the Seas e Freedom of the Seas costrette a modificare itinerari causa tempesta tropicale


La tempesta tropicale “Cristobal”, che ha investito le Bahamas e le Isole Turks e Caicos con forti piogge, ha costretto la compagnia Royal Caribbean a modificare gli itinerari di due delle più grandi navi da crociera al mondo.

Freedom of the Seas

Freedom of the Seas

La “Oasis of the Seas” ha saltato la sua tappa in programma a Nassau mentre la “Freedom of the Seas” non si è fermata sull’isola di Coco Cay.

Quantum of the Seas: la nave da crociera più tecnologica al mondo! Tutte le novità rivelate oggi


Il Presidente e CEO di Royal Caribbean Cruises Ltd, Richard Fain, ne è sicuro: la Quantum of the Seas, che si trova nei cantieri Meyer Werft dove sta ultimando i lavori di rifinitura, è la nave da crociera più tecnologicamente avanzata: lo ha rivelato oggi in conferenza stampa proprio dai cantieri in cui la nave è in costruzione.

quantum of the seas

Nella presentazione-streaming in diretta dal Meyer Werft a Papenburg, il Presidente era in compagnia di David Pogue, esperto di tecnologia, ospite della PBS ‘NOVA ScienceNOW’ e fondatore di Yahoo Tech.

La combinazione tra facilità di operazioni e flessibilità farebbe felice qualsiasi istruttore di yoga” ha scherzato Fain, riferendosi alle nuove tecnologie a bordoche hanno presentato: queste miglioreranno sicuramente l’esperienza dei passeggeri e del personale di bordo.

Vediamo quali sono i punti salienti della conferenza stampa e delle nuove tecnologie rivelate:

Miglioramento del check-in e del processo di imbarco.

*Oltre al solito processo d’imbarco, Royal ne adotterà un altro, per cui in precedenza verranno forniti dei documenti d’imbarco digitali che faciliteranno la trafila d’imbarco, che sarà così svolta nel giro di 10 minuti, calcolati dall’arrivo al porto sino a salire a bordo, senza moduli da compilare.

*Potranno inoltre caricare da sè una foto ID, cioè identificativa che sostituisca quella che scattano generalmente all’imbarco.

*Anche le valigie verranno marcate con i dispositivi di identificazione a radiofrequenza in porto, che permetteranno ai passeggeri di utilizzare i loro dispositivi mobili per monitorare i loro bagagli e sapere in ogni momento del trasferimento in cabina a che punto siano le valigie. Gli stessi dispositivi saranno utilizzati per consentire il monitoraggio dei bagagli al momento dello sbarco dei passeggeri.

royal-caribbean-quantum

Le app per una migliore pianificazione e comunicazione di bordo.

Due nuove app aiuteranno i passeggeri a pianificare i dettagli delle loro crociere.

*Cruise Planner è progettato per essere utilizzato in vista della navigazione, dando ai passeggeri la possibilità di prenotare appuntamenti spa, escursioni a terra e le prenotazioni per la cena direttamente dai loro dispositivi mobili prima della partenza.

*Una volta a bordo, i passeggeri possono utilizzare Royal iQ per tenere traccia delle proprie prenotazioni.

La Cruise Compass giornaliera, ossia la rivista cartacea distribuita in cabina ogni giorno che segna gli appuntamenti della giornata in nave, sarà disponibile anche via Royal iQ, e i passeggeri potranno scegliere le attività da provare ed essere avvisati se gli appuntamenti scelti si dovessero accavallare.

Royal iQ permetterà anche ai passeggeri di comunicare tra loro, mentre sono a bordo di Quantum of the Seas.

 

26

L’utilizzo delle programmazioni di Royal iQ è gratuito, ma costerà ai passeggeri una tassa per quanto riguarda la parte di comunicazione delle app.

I passeggeri potranno anche utilizzare braccialetti RFID piuttosto che la tradizionale keycard per entrare nelle rispettive cabine e fare acquisti a bordo.

Lisa Lutoff-Perlo, EVP operation di Royal Caribbean International, ha detto che questi progressi consentono ai viaggiatori di personalizzare tutto ciò che riguarda la loro crociera in anticipo in modo da godersi ogni singolo minuto a bordo senza dover perdere tempo in file per chiedere informazioni: “in sostanza abbiamo restituito al cliente il suo primo giorno di crociera” .

 Internet super-veloce

Grazie alla partnership con OB3 Networks, Royal Caribbean ha agganciato i satelliti che permetteranno ai passeggeri di sperimentare velocità di Internet simile a quello che potrebbero trovare a terra:  abbastanza veloce da permettere ai passeggeri la visione di video in streaming, condividere le proprie foto in tempo reale tramite i social media e le video-conferenze, al contrario di quanto accade oggi, dove internet nelle navi è notoriamente lento.

Saranno disponibili diversi pacchetti studiati ad hoc per ogni esigenza del cliente.

diagram01

La velocità di connessione di Quantum renderà possibile ad uno dei SeaPods in Seaplex di diventare un live suite di videogiochi a livello mondiale, dove i passeggeri potranno utilizzare la Xbox Live e competere con altri giocatori di tutto il mondo.

Tablet per l’equipaggio

Royal Caribbean sta dotando ogni membro dell’equipaggio di Quantum of the Seas di tablet Microsoft, che saranno un ottimo aiuto per memorizzare preferenze dei clienti e per aiutarli al meglio, per esempio tenendo traccia di gusti ma anche diete particolari, come pranzo senza glutine o per diabetici, ma anche la prenotazione dei posti a sedere in teatro per uno spettacolo che il cliente non vuole assolutamente perdere.

Questi dispositivi potranno essere utilizzati dall’equipaggio per contattare i propri cari a casa.

La linea doterà tutta la flotta dei tablet per un totale di 40.000 tavolette totali.

10422487_719657224737396_2962864369945058149_n

Baristi Robot

In generale la comapgnia ha rivelato poco dei bar e delle lounge a bordo di Quantum of the Seas: oggi tuttavia ha fornito più indicazioni su un bar in particolare cioè il Bionic Bar dove i passeggeri potranno ordinare sui tablet e poi vedere i robot preparare i cocktail ordinati.

I robot guideranno anche i sei “Roboscreens” nel Two70 °, l’enorme salone di poppa con vista a 270° dalle finestre che prendono tre ponti.

I Roboscreens metteranno in scena spettacoli a sorpresa, creeranno scene singole o agiranno come fossero uno solo.

I passeggeri potranno anche sperimentare il Vistarama, le pareti di vetro dal pavimento al soffitto, che si trasformeranno in una superficie che proietta ogni scena, reale o immaginaria, tra cui lo spettacolo multidimensionale “Starwater”.

500x271xvistarama.jpg.pagespeed.ic.c5eFJsrBaY

Più ecologia

Tutto quello che concerne l’illuminazione della Quantum of the Seas, proverrà da illuminazione a LED o fluorescenti, e i corridoi e le sale saranno dotati di rilevatori di movimento per cui le luci si accenderanno solo se c’è il passaggio di qualcuno, risparmiando notevolmente enrgia perchè saranno spenti quando in giro non c’è nessuno.

Le cabine avranno sistemi di illuminazioni eco-compatibili.

 

Queste le principali rivelazioni della conferenza: la Quantum of the Seas debutterà nel mese di novembre, quando da Southampton raggiungerà Bayonne, nel New Jersey, che sarà il suo home port per l’inverno, prima di dirigersi verso Shanghai.

Anthem of the Seas, da indiscrezioni, dovrebbe essere quasi la sua gemella e debutterà nella primavera del 2015 a Southampton per dirigersi sempre verso il porto di partenza di Bayonne, a partire dal prossimo autunno.

 

Luca Manfé, vincitore di MasterChef Usa, conquista l’America anche in crociera


Luca Manfé, friulano d’origine e trapiantato da anni a New York, nel 2013 è stato incoronato nello show culinario più famoso d’America, la quarta edizione di MasterChef  USA,  e da allora non si è più fermato: ha pubblicato un libro di ricette, inventato uno showcooking a domicilio, aprirà un ristorante a Brooklyn; ma la notizia è che conquisterà l’America ma non solo, ne siamo sicuri, imbarcandosi (letteralmente) nella prima edizione della crociera MasterChef Cruise.

103617094-88d63118-b1bd-43b7-ac9a-97a7ef094416

Negli Usa Luca Manfè ha vinto l’edizione di MasterChef numero 4, primo italiano in una gara con una giuria formata da Gordon Ramsay, Graham Elliot  e Joe Bastianich, giudice anche della serie italiana, friulano come lui: un’italianità che ha portato nelle sue ricette, tutte con quel tocco di cucina tradizionale friulana, che ha anche portato nel suo primo libro “My italian Kitchen”, ma sempre studiata per esser gradita anche dai palati americani, dato che l’America è la sua casa da circa dieci anni.

Intanto si prepara all’apertura a Brooklyn del suo primo ristorante che si chiamerà Frico, come il piatto friulano, regione sempre nel suo cuore e nelle sue preparazioni.

MyItalianKitchen__82136.1405447487.1280.1280

In Italia lo potrete ammirare il 29 agosto, a Pordenone, e a settembre, nella vicina Aviano, sua città natale, e in provincia di Macerata.

 

 

Nel frattempo farà i “conti” con tutti i suoi nuovi impegni: primo fra tutti la partecipazione a MasterChef Cruise, la prima edizione della crociera in cui vincitori e concorrenti delle passate edizioni del contest saranno chiamati ai fornelli.

I passeggeri potranno godere direttamente dello show perchè i concorrenti non saranno rinchiusi nelle cucine della nave ma si esibiranno davanti a loro, sotto gli occhi anche delle telecamere.

MCH_LUCA_MOMENTS_tagged_2500_640x360_48362563907__590500

Tra i concorrenti di questa edizione in crociera, oltre a Luca Manfé, ci saranno i vincitori della terza edizione Usa, Cristina Ha, e della quinta, e il vincitore sarà proclamato nell’ultima puntata del 29 settembre.

A “guidarli” sulla nave sarà Graham Elliott, chef e giudice di MasterChef che metterà alla prova gli Chef con dimostrazione e preparazioni di ricette, come nella gara a terra, con le famose Mistery Box e anche con gli odiati Pressure test! Un’edizione che si rivela davvero divertente dalle premessa!

l_6086_luca.manfe.masterchef

Facciamo dunque gli auguri a Luca per questa edizione di MasterChef a bordo di una nave da crociera!

 

25/08/2014  ore 14.00
 Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Clia Europe: è l’ora della rivoluzione nave-interior design


Clia Europe è l’associazione internazionale che raggruppa le compagnie crocieristiche europee e a Bruxelles celebra la rivoluzione dell’interior design in crociera.

In una nota diffusa nelle scorse settimane, Clia Europe delinea la situazione: sono tantissime le compagnie che scelgono di avvalersi della collaborazione di interior design, esperti di fama internazionale, e di arredatori per offrire sempre di più ai propri clienti, anche dal punto di vista visivo e della vivibilità, accompagnando i passeggeri in un’atmosfera il più possibile piacevole, parte essenziale dell’esperienza della vacanza in crociera.

clia-europe

 

Le compagnie associate a Clia” commenta Robert Ashdown, Segretario Generale di Clia Europe “continuano a lavorare con il massimo impegno per offrire la migliore esperienza crocieristica possibile a tutti i passeggeri, non importa chi essi siano. Uomini o donne, giovani o anziani, tutti possono gustare la tradizione della cucina Mediterranea o orientale, e trovare a bordo delle navi da crociera cio’ che piu’ rispecchia i propri gusti“.

 

 Robert Ashdown, Segretario Generale di Clia Europe


Robert Ashdown, Segretario Generale di Clia Europe

Le navi oramai trasudano in ogni ambiente grandiose atmosfere: dalle aree comuni, alle cabine, tutto è studiato nei minimi particolari, senza tralasciare nulla.

A bordo ci si può tranquillamente aggiornare sulle ultime tendenze dei più famosi brand di moda, ad esempio: tutte le navi possiedono un ponte dedicato allo shopping, spesso con presenza di boutique di brand conosciuti a livello internazionale, con prodotti di assoluta qualità; o addirittura si possono acquistare quadri di pittori di fama mondiale, poichè le gallerie d’arte sono fornitissime e possiedono al proprio interno opere preziose che possono essere acquistate  senza nessun problema.

Signature Italian style

 

Ogni area dunque possiede il tocco d’artista: anche le aree per i bimbi son studiate in modo da attrarre i piccoli passeggeri ma anche i teenager che non hanno, a quell’età, voglia di star dietro ai genitori e che nei loro spazi comuni trovano ad esempio pouff per stare seduti in gruppo oppure postazioni di pc o di playstation che spesso sono teatro di tornei agguerritissimi.

Così pure le aree dedicate alla ristorazione: i piatti ormai sono gestiti da Chef stellati e sono delle vere e propie opere d’arte e vengono presentate in ambienti rilassanti, dall’aspetto lussuoso e con tavole curatissime in ogni particolare; in alcune compagnie si utilizzano anche tessuti di altissima qualità e cristalli preziosi.

Si passa dalla cucina tradizionale italiana o caraibica a quella giapponese, alle grigliate cucinate di fronte al cliente, in spazi aperti, così come in alcune navi è possibile assistere alla preparazione della pizza.

ArtGallery1jpg

La rivoluzione dalle aree comuni si sposta alle cabine, vere e proprie oasi di relax: dalle cabine interne che offrono enormi schermi che trasmettono le immagini del mare come se foste in una cabina con balcone (accade sulle nuove navi classe Quantum e nelle unità recentemente restaurate della Royal Caribbean), alle mega suite a più piani, con aree soggiorno e aree notte separate, con la presenza in balcone di enormi jacuzzi per godere del relax con vista mare.

La rivoluzione non si ferma solo sulle navi che solcano gli oceani ma anche nelle navi fluviali, sempre più lussuose all’aspetto e sempre più con spazi razionalizzati per offrire al cliente un’esperienza da ricordare: sempre più battelli dispongono di belle ed ampie cabine e di ingressi a due piani, ascensori di vetro, balconi, piscine, e persino cascate.

Costa-Fascinosa_650x435

L’ultimo “zampino” degli interior design si sposta anche verso le zone della nave dedicate allo sport e al relax: spa che offrono gli stessi trattamenti che si riceverebbero a terra, bellissime e che trasudano relax solo allo sguardo; pèalestre complete di ogni accessorio, ben razionalizzate negli spazi e ben integrate per offrire spesso alla vista di chi si allena la vista del mare grazie alla sistemazione di grandi vetrate che danno ampio respiro.

Ma offrono anche la possibilità di praticare a bordo diversi sport all’esterno: dal tennis all’arrampicata, dalla zip-line alla passeggiata del pirata su una trave che si sporge dalle nave, ai parchi acquatici che offrono scivoli d’acqua multipli e con parti che sporgono dalla nave… un’esperienza insomma completa, per tutti.

25/08/2014  ore 13.00
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.