Egnatia Seaways: stagione finita!Addio al collegamento per la Grecia


Il traghetto Larks della compagnia Egnatia Seaways, fermo da giorni per un’avaria al porto di Igoumenitsa, non riprenderà fino al 7 settembre i collegamenti tra Brindisi e la Grecia.

La notizia è stata ufficializzata oggi dal comandante della capitaneria di porto di Brindisi, Mario Valente.

20140812-093652-34612086-620x375

La nave è ferma a Igoumenitsa dagli inizi di agosto.

In queste ore sono in corso contatti fra le varie autorità italiane e greche competenti per verificare se vi siano alternative per garantire in qualche modo l’imbarco ai viaggiatori.

La vacanza in Grecia è già sfumata per diverse migliaia di persone.

Altre hanno dovuto, non senza difficoltà, reperire un biglietto di imbarco per rientrare dalla Grecia in Italia, moltissimi hanno già avviato azioni legali per il risarcimento del danno.

Lo stop fino al 7 settembre decreta di fatto la fine dei collegamenti per la stagione estiva in corso

 

Fonte: la Repubblica

 

20/08/2014  ore 20.10
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

Top 10 delle navi da crociera più grandi al mondo


Eccovi la lista delle più grandi navi da crociera al mondo in servizio, aggiornata, elenco stilato sulla base della stazza lorda.

 

-1) Al primo posto in cima alla classifica è la Allure of the Seas, di Royal Caribbean International: ha una stazza lorda di 225.282 GT, una lunghezza  di 362 metri e risulta più lunga di soli 5 cm rispetto alla soralla gemella Oasis of the Seas!

Può trasportare un massimo di 6296 passeggeri ed è del 2010.

 

RCL-ALLURE

Allure of the Seas

 

 

-2) Al secondo posto troviamo la gemella della Allure, la Oasis of the Seas che perde il suo primato solo per 5 miseri cm, che la sorella vanta, secondo il cantiere, a causa della temperatura dell’acciaio in lavorazione in una nave grande come questa.

I numeri sono identici a quelli della sorella gemella, tranne per l’anno di costruzione che è il 2009.

 

Oasis of the Seas

Oasis of the Seas

 

-3) Al terzo posto la Norwegian Epic, di Norwegian Cruise Line: la nave vanta una stazza di 155.873 GT, è lunga 329 metri e può trasportare 5.183 passeggeri a pieno carico ed è stata costruita nel 2010.

 

Norwegian Epic

Norwegian Epic

 

-4) Al quarto, quinto e sesto posto (in ordine di anno di costruzione) troviamo tre navi identiche in ogni numero, della Royal Caribbean International: sono la Freedom of the Seas ( 2006 ), la Liberty of the Seas ( 2007 ) e la Indipendence of the Seas ( 2008 ); vantano una stazza di 154.407 GT, sono lunghe 339 metri e possono trasportare un massimo di 4.375

 

Freedom of the Seas

Freedom of the Seas

 

-5) Liberty of the Seas

 

 

Liberty of the Seas

Liberty of the Seas

 

 

-6) Indipendence of the Seas

 

Indipendence of the Seas

Indipendence of the Seas

 

-7) Al settimo posto la Queen Mary 2, di Cunard Line: ha una stazza di 148.528 GT, è lunga 345 metri e può trasportare un massimo di 3.090 passeggeri. Nella linea ricorda un transatlantico che ricorda molto i transatlantici del primo Novecento, sebbene sia modernissima.

 

Queen_Mary_2_05_KMJ

Queen Mary 2

 

-8) All’ottavo posto troviamo la Norwegian Breakaway di Norwegian Cruise Line, del 2013: ha una stazza di 146.600 GT, è lunga 326 metri e può trasportare massimo 3.988 passeggeri su base doppia.

 

Norwegian Breakaway

Norwegian Breakaway

 

-9) Al nono posto la Norwegian Getaway, del 2014, di Norwegian Cruise Line: stazza di 145.655 GT, lunghezza di 326 metri e 3.910 passeggeri massimi su base doppia.

 

Norwegian Getaway

Norwegian Getaway

 

-10) Al decimo posto della top 10 sta la Royal Princess della Princess Cruises: vanta una stazza di 142.714 GT, è lunga 330 metri e può trasportare un massimo di 4.100 passeggeri.

 

Royal Princess

Royal Princess

 

20/08/2014  ore 15.50
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Carnival Corporation: 70 milioni di dollari nel nuovo terminal crociere ad Haiti


Carnival Corporation, il più grande operatore al mondo nel settore delle crociere, ha firmato alcuni giorni fa un accordo con il governo haitiano per realizzare un mega terminal crociere nell’isola di Tortuga,  a nord delle coste di Haiti.

carnival-pride-bahamas-susan

L’investimento prevede un investimento da parte di Carnival che si aggira sui 70 milioni di dollari ed «è il più grande mai effettuato dall’industria delle crociere nell’isola» ha spiegato David Candib, vice president, Development & Operations di Carnival.

Dopo il completamento, preventivato nel 2015, del nuovo terminal di Puerta Plata nella Repubblica Dominicana, il terminal crociere di Haiti permetterà alla compagnia un ulteriore posizionamento favorevole ai Caraibi.

 

20/08/2014  ore 14.00
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Disney Cruise Line: aumento degli oneri non commissionabili


Dal 18 di Agosto la Disney Cruise Line,  in base alla durata della crociera, farà pagare ai clienti da $ 5 a $ 10 in più a persona per viaggio, per oneri non commissionabili.

oosterdam_san_diego

In precedenza, Disney addebitava $ 20 a persona al giorno, ora :

  • $ 20 a persona al giorno come oneri non commissionabili, per viaggi di 11 giorni o più
  • $ 30 a persona per i viaggi da sette a 10 giorni
  • $ 25 per i viaggi di sei giorni o meno

con il principio per cui chi viaggia meno giorni paga più oneri commissionabili.

La decisione non ha mancato di provocare i commenti degli esperti del settore e degli agenti di viaggio più esperti, come Craig Satterfield, di SureCruise.com , Las Vegas, Nevada, 35 anni di esperienza nella vendita di crociere e viaggi, che dichiara “Peccato che Disney sceglie di penalizzare i professionisti di viaggi per la dedizione e l’esperienza che portano alla compagnia, chiedendoci di presentare questo prodotto aumentato negli oneri ai viaggiatori“.

DISNEY DREAM AT SEA

Gli oneri non commissionabili, a onor del vero, sono sempre stati oggetto di discordia per anni con gli agenti e “questo argomento si cerca sempre di risolverlo in sede di domande e risposte con dirigenti di vendita della linea di crociera, ma senza alcun risultato“, sottolinea sempre l’agente, notando che i dirigenti “generalmente scelgono di cambiare argomento piuttosto rapidamente“.

Per dirla molto semplicemente, secondo Satterfield: “aumentare gli oneri non commissionabili fondamentalmente riduce la nostra commissione sulle crociere“.

Adventure Disney, basato su programmi a terra della linea, inoltre sta facendo alcuni cambiamenti in tema di commissioni. Anche se si prenotano i voli, non pagherà commissioni sulla parte volo dei pacchetti.

L’azienda sta rafforzando il suo approccio “tutto in famiglia“, facendo sì che i soggiorni in hotel pre e post tour non a marchio Disney non siano commissionabili. Le commissioni saranno pagate sui Disney Resorts pre e post soggiorni legati al sud della California, in Cina e negli itinerari inglesi e francesi.

is-a-disney-cruise-worth-it

In questo modo è ovvio che gli agenti siano “costretti” a proporre un pacchetto Disney completo, a costi sicuramente maggiori e se qualche cliente vorrà risparmiare prenotando il pre o post soggiorno rispetto alla crociera in un albergo non della compagnia, l’agenzia non potrà avere le commissioni su queste prenotazioni.

I rappresentanti Disney hanno confermato le nuove politiche.

 

20/08/2014  ore 13.50
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Oosterdam: morte sospetta di una donna, confermata morte naturale


Il “Juneau Empire” ha rivelato in anteprima che l’ottantasettenne donna del Missouri trovata morta sulla nave della Hollande America Line a Jeaneau giovedì, sia morta per cause naturali: lo avrebbe rivelato allo stesso giornale la polizia locale.

E’ stato lo stesso Dipartimento di Polizia di Juneau che ha studiato il caso, dopo i primi sospetti di una morte che ha subito destato sospetti perchè ritrovata in strane circostanze.

Il corpo della donna è stato trovato sulla Holland America Oosterdam mentre la nave era in porto nella capitale.

09_G

Sul corpo non sono stati trovati segni che potessero far pensare ad un omicidio e la morte non è considerata più sospetta” ha riferito un portavoce della polizia.

Ci sono stati problemi medici … e la morte sembra essere stata da cause naturali”  ha chiarito più precisamente il portavoce della JPD ( Juneau Police Department) , il tenente David Campbell.

cruise-ships-westerdam

La polizia era stata costretta comunque ad indagare poichè il corpo era incustodito: il corpo è stato poi identificato come quello di Corrine J. Underwood. I suoi parenti più prossimi sono stati avvertiti della morte della donna.

Il medico legale ha autorizzato il trasferimento della salma alla camera mortuaria, dove verrà preparata per essere trasferita “a casa”.

 

20/08/2014  ore 13.20
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.