Morto il comandante dell’Achille Lauro dirottata


E’ deceduto la scorsa notte all’età di 80 anni, a Gragnano (Napoli),  il comandante Francesco De Rosa che il 7 ottobre del 1985 visse una vera e propria pagina della storia della nautica.

20140818_derosa

A dire il vero lui stesso ha sempre confermato che non ha mai dimenticato nemmeno per un giorno la paura, i terroristi, il dirottamento della nave da crociera della quale era comandante, l’Achille Lauro.

Per sua sfortuna quei giorni li rivisse tantissime volte, nelle interviste rilasciate ai media di tutto il mondo e nel suo libro (“Terrorismo, forza dieci”), dove parla anche del terrorista Abu Abbas.

Nx235xl43-gerardo-derosa-140818160659_medium.jpg.pagespeed.ic.x6534dWGSd

Venne sottobordo con un rimorchiatore per recuperare i quattro terroristi che avevano assaltato la nave – raccontò anni fa De Rosa – quando aprì il portellone dell’Achille Lauro, allargando le braccia e sorridendomi mi disse ‘Capitano, tutto bene sulla nave’?“.

Un sorriso maligno, il suo, che mi ha accompagnato sempre – aggiunse – E ancora più beffardo fu il suo congedo, quando dopo aver fatto scaricare il bottino che i suoi avevano accumulato, mi chiese scusa per quello che avevano fatto”.

Ha continuato ad avere paura, anche dopo quel giorno, il comandante: “Durante le fasi del sequestro i terroristi a lungo mi parlarono della mia casa di Gragnano, me la descrissero minuziosamente a testimonianza del fatto che il sequestro era stato preparato nei minimi particolari. E quelle parole mi sono spesso tornate alla mente. E se ritornassero? Mi sono più volte detto“.

Le nostre condoglianze alla famiglia.

download

 

 

Il dirottamento dell’Achille Lauro (fonte Wikipedia) la cronistoria:

  • Quattro terroristi, membri del Fronte per la liberazione della Palestina, frangia estrema dell’Olp presieduto da Yasser Arafat, si imbarcano a genova sul transatlantico Achille Lauro, che trasportava ben 700 passeggeri a bordo (201 passeggeri e 344 uomini di equipaggio).
  • Alle ore 13 del 7 ottobre, al largo delle coste egiziane, fanno irruzione nella sala da pranzo iniziando a sparare in aria e ferendo nella confusione un marinaio, perchè alcuni ufficiali scoprirono le armi che nascondevano (infatti il loro vero obiettivo era quello di compiere un attentato nello scalo israeliano di Ashdod).

In quel momento, sulla nave, c’erano 320 membri dell’equipaggio e 107 passeggeri, gli altri erano sbarcati per una visita al Cairo.

Achille39

  • I terroristi chiedono la liberazione di 50 palestinesi detenuti in Israele
  • La sera stessa 60 incursori italiani del Col Moschin arrivarono alla base militare di Akrotiri, a Cipro, pronti a intervenire, seguendo un piano sviluppato insieme all’UNIS del COMSUBIN, presenti in fase di pianificazione.
  • Si scelse la via diplomatica, con una serrata trattativa internazionale, che purtroppo contò anche una vittima: un passeggero ebreo con passaporto americano, disabile, Leon Klinghoffer. Fu ucciso e gettato in mare.
  • Dopo frenetiche trattative diplomatiche si giunse, in un primo momento, ad una felice conclusione della vicenda, dietro promessa di immunità.
  • Dopo la scoperta dell’uccisione delcittadino americano, gli Stati Uniti reagirono e l’11 di ottobre due caccia statunitensi intercettarono l’aereo egiziano (un Boeing 737), che, secondo gli accordi raggiunti (salvacondotto per i dirottatori e la possibilità di essere trasportati in un altro paese arabo), conduceva in Tunisia i membri del commando di dirottatori, lo stesso Abu Abbas, Hani al-Hassan (l’altro mediatore dell’OLP) oltre a degli agenti dei servizi e diplomatici egiziani, costringendolo a dirigersi verso la Naval Air Station Sigonella, in Italia, dove fu autorizzato ad atterrare poco dopo la mezzanotte.
  • L’allora presidente del Consiglio italiano Bettino Craxi si oppone tuttavia all’intervento americano, chiedendo il rispetto del diritto internazionale e sia i VAM (Vigilanza Aeronautica Militare) che i Carabinieri di stanza all’aeroporto si schierano a difesa dell’aereo contro la Delta Force statunitense che nel frattempo è giunta su due C-141.

MORTO CAPITANO ACHILLE LAURO, LA NAVE DIROTTATA DA TERRORISTI

Si trattò della più grave crisi diplomatica del dopoguerra tra l’Italia e gli Stati Uniti, che si risolse cinque ore dopo con la rinuncia degli USA ad un attacco all’aereo sul suolo italiano.

  • Alla ripartenza dell’aereo con destinazione Ciampino si uniscono al velivolo egiziano un velivolo del SISMI (Servizio per le Informazioni e la Sicurezza Militare) giunto nel frattempo con l’ammiraglio Fulvio Martini e a una piccola scorta di due F-104S decollati dalla base di Gioia del Colle e altri due decollati da Grazzanise. Nel frattempo un F-14 statunitense decolla dalla base di Sigonella senza chiedere l’autorizzazione e senza comunicare il piano di volo e cerca di rompere la formazione del Boeing e dei velivoli italiani, sostenendo di voler prendere in consegna il velivolo con Abbas a bordo, venendo però respinto dagli F-104 di scorta.
  •  Una volta giunti a Ciampino, intorno alle 23:00, un secondo aereo statunitense, fingendo un guasto, ottiene l’autorizzazione per un atterraggio di emergenza e si posiziona sulla pista davanti al velivolo egiziano, impedendone un’eventuale ripartenza. Su ordine di Martini al caccia venne allora dato un ultimatum di cinque minuti per liberare la pista, in caso contrario sarebbe stato spinto fuori pista da un Bulldozer; dopo tre minuti il caccia statunitense ridecolla, liberando la pista.
  • Gli Stati Uniti chiedono nuovamente la consegna di Abu Abbas, in base agli accordi di estradizione esistenti tra Italia e USA, senza tuttavia portare prove del reale coinvolgimento del negoziatore nel dirottamento.

Achille03

I legali del Ministero di Grazia e Giustizia e gli esperti in diritto internazionale consultati dal governo ritennero comunque non valide le richieste statunitensi.

  • Il Boeing egiziano viene trasferito a Fiumicino, dove Abu Abbas e l’altro mediatore dell’OLP vengono fatti salire su un diverso velivolo, un volo di linea di nazionalità Jugoslava la cui partenza era stata appositamente ritardata.

Solo il giorno successivo, grazie alle informazioni raccolte dai servizi segreti israeliani (che tuttavia non erano state consegnate al SISMI durante la crisi, pur essendo già disponibili), si ottennero alcuni stralci di intercettazioni che potevano legare Abu Abbas al dirottamento. La CIA consegnò solo alcuni giorni dopo (il 16 ottobre) i testi completi delle intercettazioni, effettuate da mezzi statunitensi, che provavano con certezza le responsabilità di Abu Abbas, il quale venne processato e condannato all’ergastolo in contumacia.

  • Dopo aver lasciato Alessandria e aver effettuato uno scalo in Grecia, l’Achille Lauro si dirige verso Napoli, quando la CIA passa un’informazione, forse proveniente dai servizi egiziani, relativa alla possibile presenza di esplosivo su alcune casse caricate ad Alessandria.

Pur non potendo verificare la veridicità dell’informazione il SISMI, in accordo con il comandante della nave, si decide per precauzione di far gettare in mare alcune casse di cui non era stato possibile far controllare il contenuto.

I quattro membri del commando terrorista vennero presi in consegna dalla polizia e rinchiusi nel carcere di Siracusa e furono in seguito condannati, scontando la pena in Italia.

 

 

19/08/2014  ore 18.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Star Cruises presenta in esclusiva NANTA (Cookin ‘), 난타; 乱打 秀, acclamata commedia coreana


Star Cruises presenta in esclusiva mondiale l’ acclamata commedia coreana NANTA (Cookin ‘), 난타; 乱打 秀 in cinese, esclusivamente a bordo di SuperStar Gemini.

nanta

In concomitanza con la stagione delle vacanze di fine anno, dal 14 Nov 2014 fino al 2 gennaio 2015, i fan a bordo potranno divertirsi con lo show più longevo della Corea e godere di questo successo di Broadway, mentre faranno una crociera con varie destinazioni asiatiche incantevoli, come Kuala Lumpur, Malacca, Penang e Langkawi (Malesia).

Per la prima volta, l’attesissimo NANTA, troupe di talento di artisti coreani, si imbarcherà in un viaggio con Star Cruises.

Nel corso di questi emozionanti crociere a tema Nanta, chi è in cerca di divertimento e i fan “Cookin'” potranno godere di un’esperienza culinaria-percussionistica sorprendente e unica nel suo genere, che non mancherà di tenere tutti col fiato in sospeso. Sicuramente sarà una festa per i sensi.

3d46bd94f92e27e8dca2bc985cdc485a_big

NANTA alla fine è un divertente musical ricco di azione, semplice ma coinvolgente, che ha debuttato nel lontano 1997.

La base dello show è semplice: tre chef devono preparare un banchetto in appena un’ora avendo davanti a sè solo cibi cotti a metà; l’aggiunta di un nipote (del dirigente) nipote incompetente rende questa situazione particolarmente stressante e pressante per i cuochi. La banda in cucina inoltre comincia a battere i tamburi tutto intorno alla cucina e secondo il ritmo i cuochi devono tagliare più o meno furiosamente, mentre del cibo viene scagliato per aria in tutta la scena! Come vi abbiamo detto sicuramente coinvolgente, sorprendente, mai uguale a se stesso: questi sono gli ingredienti di questa commedia sempreverde!

 

‘NANTA’ significa colpire senza sosta e in questo spettacolo teatrale non verbale, la musica coinvolgente è creativamente creata da strumenti improvvisati, di tamburi d’acqua coreani tradizionali, di utensili da cucina come pentole, fruste e coltelli. E’veramente sensazionale assistere alla trasformazione delle stoviglie di cucina in favolosi strumenti musicali.

201031112940427

Il ritmo non stop è completato da semplice umorismo e narrato dagli chef sventurati.

Il pubblico avrà anche la possibilità di salire sul palco e di unirsi al ritmo indiavolato.

“Quest’anno ricorre il 21° anniversario di Star Cruises – ha dichiarato Michael Goh, Senior Vice President – Sales di Star Cruises – e continuiamo a celebrare i nostri successi come pionieri delle crociere in Asia. Siamo molto entusiasti di presentare sulle nostre crociere l’attesissimo “NANTA at sea” sulla SuperStar Gemini (dal 14 Nov 2014 al 2 Gennaio 2015). Lo show ha guadagnato molta popolarità e questa scelta di intrattenimento di tendenza sicuramente piacerà a molti turisti. Abbiamo immaginato un’esperienza unica e memorabile per tutti i nostri passeggeri, come passare con i propri cari una vacanza in famiglia che sia anche esilarante e in assoluta libertà”.

KR5-NANTA

Per i passeggeri sarà anche possibile avere un’esperienza più “da vicino”, conoscendo i propri idoli, il cast, nelle sessioni speciali di meet&greet.

 

19/08/2014 ore 17.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

I militari..??? delle Filippine: offresi Cruise Service nel Mar Cinese Meridionale


Avete letto bene: i militari filippini vogliono creare un Cruise Service  che possa dare ai turisti una visione ravvicinata e personale delle parti contestate del Mar Cinese Meridionale.

Lo ha deciso il nuovo capo del personale delle Forze Armate delle Filippine (AFP), il Gen. Gregorio Pio Catapang , che ha delineato la sua visione Giovedi, durante la visita al Comando occidentale con sede a Palawan,  responsabile per il controllo militare del Mar Cinese Meridionale.

23-july-2014-gregorio-pio-catapang

Alla domanda su come avrebbe diretto il comando occidentale dalle mire della Cina nella regione, il Gen. Catapang ha risposto in parte dicendo  “Li ho sfidati a far diventare Palawan la prossima provincia più prospera del Paese. Palawan ha un sacco di potenzialità, soprattutto se siamo in grado di sviluppare anche le isole che noi ora possediamo come destinazione turistica, come zona di pesca, e più tardi, sfruttarla come risorsa per trovare più petrolio e gas nella zona “.

Ecco forse è realmente questa la mira “nascosta” del generalissimo..più petrolio e più gas nella zona..ma continuando nel discorso cruise Service il Generale prosegue “Noi ci speriamo, saremo in grado di far raggiungere sei isole con le navi da crociera” .

Tra questi sei isole contese: Spratly di Patag, Lawak e Pagasa, così come la Ayungin Shoal (Second Thomas Shoal). Perchè il problema non è in sè l’isola stessa di Palawan, già di per sè tranquillamente votata al turismo, con ben due siti Patrimonio dell’Unesco, ma le sei isole, tra cui un paio contese tra vari stati e che di certo non possono essere meta tranquilla di turismo.

I militari delle Filippine occupano queste isole, ma sono contestati in tutto o in parte dalla Cina, da Taiwan e dal Vietnam.

2

Photocredit: Flickr/ thienzieyung

In realtà, la Cina ha attualmente bloccato Second Thomas Shoal, di fatto uno dei principali focolai della Mar Cinese Meridionale.

Come azione conseguente, i militari Filippine sono entrati in un partenariato pubblico-privato per garantire un servizio di crociera intorno a queste isole contese, ma il tutto rischia di essere fieramente osteggiato dalla Cina.

Ma la cosa ancora più preoccupante è che la Cina mantiene le navi di pattuglia nella regione, molestando regolarmente i pescatori filippini.

Quindi per la verità un servizio di crociera nel punto più infiammabile della regione potrebbe potenzialmente mettere a repentaglio la sicurezza delle persone a bordo.

2837914

Ma il Gen. Catapang ha respinto con forza queste preoccupazioni: al contrario, sostiene che il servizio di crociera potrebbe essere una situazione che non scontenta nessuno, nè Cina nè Filippine, perché Pechino ha già servizi di crociera in altre zone del Mar Cinese Meridionale.

Hanno già una presenza turistica nelle isole che possiedono” sostiene il capo dello staff della AFP  in conferenza stampa.

Ma nella realtà non pare essere così: il Want China Times ha riferito che il Global Times ha pubblicato un articolo sulla proposta del Gen. Catapang (leggibile solo nella versione cinese non in quella cinese) secondo il quale “Un esperto di PLA Navy ha riferito al Global Times che le crociere proposte violerebbero la sovranità cinese nel Mar Cinese Meridionale e potrebbero scatenare il conflitto“.

Questo potrebbe spaventare gli investitori privati ​​che il Generale Catapang prevede di “arruolare” per la nuova impresa.

Spratly_Is_since_NalGeoMaps

 

Grafico delle isole contese

Ma sul serio ci sarebbero compagnie che si “fiderebbero” a mandare una propria nave in una zona così fortemente contesa e a rischio della sicurezza? Ci si augura certamente di no!

 

19/08/20145  ore 16.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Star Pride: nuovi itinerari asiatici


La Star Pride di Windstar Cruises questo inverno salperà alla volta dell’Asia, esplorando Malesia, Thailandia, Vietnam, Singapore e Cina.

1399366082000-2014StarPrideNaming-166

La nave è la ex Seabourn Pride: trasporta 212 passeggeri ed è uno dei tre mega-yacht acquisiti da Seabourn Cruise Line; gli altri entraranno nella flotta Windstar nel 2015.

La Star Pride è stata recentemente ristrutturata, e presenta nuovi spazi pubblici, luoghi di ristoro e suite, con nuovi arredi, rivestimenti, illuminazione, rivestimenti murali, moquette, rivestimenti a soffitto, rivestimenti per pavimenti.

La Star Pride introduce nella flotta il nuovo concetto di Destination Suites: le Suite mettono in mostra una destinazione firmata Windstar con decorazioni a tema locale e opere d’arte.

Name-announcement-header1

Le nuove navi hanno aggiunto la capacità di cui avevamo bisogno con il maggior potenziale per soddisfare i passeggeri con il nostro yacht di lusso per le crociere“, ha sottolineato Joe Duckett, vice presidente vendite e marketing della Windstar Cruises “Non potevamo offrire un’esperienza in Asia, senza altri yacht.”

I velieri della linea sarebbero stati fantastici per l’itinerario asiatico ma “le nuove navi sono più veloci0.”

Un esempio dell’itinerario asiatico? Vediamo l’alternativa “Singapore e Penisola malese“.

Questa crociera di 10 giorni, andata e ritorno da Singapore, è un mix incredibile di culture vivaci, cucina e di religioni, malese, indiana e cinese” ha detto Duckett.

 

19/08/2014 ore 14.30
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

Il nuovo standard delle crociere? 4.000 passeggeri…come minimo


Secondo i dati a disposizione delle navi che usciranno presto dai cantieri navali di mezzo mondo (per fortuna Fincantieri ha di nuovo la sua parte in merito), il nuovo standard crocieristico si aggira su navi da crociera che trasportano almeno 4.000 passeggeri: la tendenza a quanto pare è meno lunghezza ma più larghezza, favorendo in questo modo l’attracco della nave in qualsiasi porto e non in quelli appositamente attrezzati per le mega-navi della Royal( vedi Oasis e sorelle), ancora troppo pochi.

CruiseColumn_table_18Ago_14

 

Info-graphic credit: thecruisepeople

Uno standard che permette alle compagnie di guadagnare perchè:

  • aumenta la base pagante di passeggeri
  • paga meno tasse portuali per l’attracco di una nave di dimensioni enormi
  • può aumentare i porti d’attracco proprio grazie alle dimensioni “ridotte”

Sono stati gli ordini di ulteriori navi da parte di MSC Crociere e Norwegian Cruise Line, a far arrivare a quota 17 il numero delle navi da crociera con oltre 4.000 passeggeri, a conferma che, le navi di queste dimensioni, siano ormai lo standard delle nuove navi premium, superando le, oramai datate, navi da 3.600 pax della precedente Indipendence of the Seas, Royal Princess, Carnival Breeze, navi Costa e simili.

Un aumento di circa 6.800 passeggeri per 17 navi future: a partenza ovviamente!

Vediamo insieme i nuovi ordinativi in tal senso:

  • La classe Breakaway Plus di Ncl è leggermente più ampia e conterrà un ponte supplementare rispetto alla Norwegian Breakaway e Getaway.

La Escape sarà consegnata nel 2015 e la Bliss nel 2017 mentre le prossime due, appena ordinate, sono in consegna nel 2018 e nel 2019.

Norwegian-Escape-Norwegian-Bliss-Norwegian-Cruise-Line

  • Royal Caribbean International prende in consegna la Quantum of the Seas questo autunno e la Anthem nel 2015, mentre per la  terza nave della stessa classe è stata fissata la consegna nel 2016.

Ulteriori ordini per Royal Caribbean, al momento, prevedono due navi da 5.400 passeggeri, e sono di classe Oasis.

 

Photocredit: CIN

quantum of the seas

quantum of the seas

  • Le nuove navi MSC Crociere, è vero che son più corte di lunghezza ma sono però più larghe, con una passeggiata interna e un posizionamento dei motori a centro nave.

In ordinazione sono due navi, una per ogni classe, con consegna nel 2017,  mentre il 2018 vedrà la consegna di un’unità di fabbricazione italiana, Fincantieri, e nel 2019 una di fabbricazione francese, STX.

Le opzioni finora sono per due ulteriori unità di costruzione francese, STX, e una nave di costruzione italiana, Fincantieri.

MSC_20_May 2014_sea02

  • Carnival Vista è in consegna nel 2016 e lancerà il nuovo design per Carnival Cruise Lines:  saranno navi ancora più grandi.

La Vista è il nuovo mistero della cantieristica, ancora si conoscono pochissimi dettagli della nave.

First-Steel-Cut-on-Carnival-Vista3

  • Il mercato Premium nel frattempo ha in ordine le navi da 2.850 pax di classe Solstice, di Celebrity Cruises ( quasi un miraggio oserei dire nel panorama: più grande di Costa Serena in tutto, trasporta ben 1000 passeggeri in meno, per un ottimo , e le nuove navi da 2.660 pax di classe Pinnacle, Holland America Line, la prima delle quali è in consegna a fine 2015.

Qui nascono le chiacchiere “da bar”: secondo tanti esperti del settore Holland America potrebbe avere delle difficoltà a spiegare come sistemerà, si fa per dire, la nuova nave, che in teoria dovrebbe avere un quarto di posti in piu’ rispetto alla nave da 2.104 pax Nieuw Amsterdam.

Una lotta con i posti passeggeri che deve far fronte necessariamente alla domanda del settore vacanza in crociera che è in costante aumento verso tutte le compagnie, che siano “economiche” o di lusso.

La vacanza in crociera è ormai “sdoganata” e il piacere di visitare più posti in una settimana è il suo nuovo mantra.

 

19/08/2014  ore 12.40
Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.