Il famigerato giorno dello sbarco: come si procede?


Una delle cose più tristi da affrontare in una crociera è il senso quasi di “perdita” della sensazione paradisiaca che vivi a bordo di una nave da crociera…una sensazione che comincia già il giorno prima dello sbarco : ci assale una tristezza infinita e l’unico modo per superarla , per tanti, è aver già prenotato, magari a bordo usufruendo di sconti speciali, la prossima vacanza in nave.

7

Tuttavia chi è alla sua prima crociera è assolutamente disorientato su cosa debba fare e su come ci si prepara allo sbarco, perchè avvenga in maniera veloce, senza file e senza malumori derivanti da una situazione di stress che non si riesce a gestire le prime volte..

Eccovi delle piccole semplici regole da seguire per avere tutto senza controllo e senza “corse” inutili 🙂

3

  • Cosa succede al nostro bagaglio?Lo dobbiamo portare noi a terra o c’è chi se ne occupa?

Generalmente tutte le compagnie consigliano di preparare il giorno prima i bagagli e di tenere in un bagaglio a mano tutto ciò che vi è necessario per la notte e la mattina dello sbarco: le valigie quindi entro una certa ora devono essere posizionate all’esterno della cabina dove gli addetti si occuperanno di ritirarle e di farvele trovare direttamente nel punto di raccolta valigie a terra.

Ci sono anche compagnie che vi permettono una scelta: generalmente sono le compagnie americane e vi permettono appunto di scegliere se lasciare i bagagli per poi ritrovarli direttamente a terra oppure di portarveli da sè.

Disembark 800px 3

Quest’ultima soluzione ve la consigliamo solo se avete molta fretta e avete gli orari delle coincidenze molto stretti: sappiamo benissimo che nonostante i consigli sul peso e le dimensioni del bagaglio da parte della compagnia, in genere ci si porta dietro il mondo, soprattutto alle prime crociere, quando non si sà come vestirsi e cosa aspettarsi a bordo; quindi si rischia di doversi tirare dietro per tutta la nave avanti e indietro su e giù per i ponti, nelle passerelle o nei gradini valigie enormi e pesanti!

Danube-River-Cruise16

Ricordate che passeggini, valori ed effetti personali vanno tenuti nel bagaglio a mano.

Valutate bene dunque la decisione giusta per voi in base alle vostre esigenze.

  • Priorità di sbarco

Ogni compagnia ha i propri metodi per lo sbarco: che siano numeri o qualsivoglia altra soluzione, ogni crocieristi possiede già le etichette per il bagaglio che possiedono un ordine sequenziale, che corrisponde al tempo necessario e al gruppo di discesa al quale si appartiene: in genere i titolari di suite sono gli ultimi a scendere, con tutta calma, il resto procede secondo metodologie diverse compagnia per compagnia, ma in genere lo sbarco si conclude nel giro di un paio d’ore in quanto la nave deve essere subito pronta ad accogliere il “giro” successivo di imbarchi.  

2009NCLGEM70505-vi

In genere si ricevono in cabine le etichette dello sbarco e servono a facilitare lo sbarco indicandone la priorità.

Chi possiede un volo prenotato insieme alla crociera in genere è tra i primi a scendere: ma se avete un numero che è specificato scenda più tardi rispetto agli altri e voi avete necessità di scendere subito, potete contattare l’ufficio della Guest Relation che sicuramente troverà la soluzione migliore per voi.

  • La notte prima

La notte prima della crociera, come vi abbiamo anticipato al primo punto, si deve preparare la valigia e si dovrà far trovare chiusa al di fuori della propria cabina all’orario indicato nel giornalino di bordo (di solito intorno dalle 23:00 in poi).

debarkation-bags

Gli addetti della compagnia prenderanno il vostro bagaglio e lo prepareranno per lo sbarco: ricordatevi sempre di tenere una borsa più piccola o uno zaino che lascerete in cabina e che contiene tutto ciò che vi serve sino al momento dello sbarco perchè non vi sarà più possibile accedere ai vostri bagagli sino a che non siete a terra!!

Sembra un consiglio inutile ma non avete idea di quanti si scordano di metter da parte le medicine che devono prendere o il cambio per il mattino o altri buffi episodi!

Quindi nello zaino o nella borsa a mano, mettete un minimo di abbigliamento di ricambio, scarpe, spazzolini da denti, medicinali urgenti.

Volete per caso fare lo sbarco in pigiama??Capita anche questo!

  • Il giorno dello sbarco

Il giorno prima dello sbarco vi sarà indicato l’orario e il punto in cui perfezionare il conto di bordo. Fate attenzione agli orari e alla location nella quale è posizionato il banco apposito, non è uguale per tutti.

In base all’orario indicato potrete programmare la vostra colazione in tutta calma: ricordate di portarvi dietro i bagagli a mano e di non dimenticare nulla in cabina.

IMG_0446

Ogni gruppo di “sbarco” dispone di una speciale area di attesa in modo da poter sedersi e rilassarsi.  

Una volta terminati i conti e fatta la colazione, potrete rilassarvi, attendendo il vostro ordine di discesa: io in genere ne approfitto per fare un ultimo giro sui ponti superiori!

Quando chiameranno il vostro numero o il vostro gruppo potrete effettuare lo sbarco: in genere si passa per l’ultima volta la vostra chiave elettronica che indicherà al computer centrale che siete scesi a terra ed è a questo punto che la vostra vacanza a bordo è realmente terminata!

Non vi resta che recuperare i bagagli (o farli recuperare ad un facchino se è presente questo servizio) e fare rientro a casa! Con un pizzico di malinconia..

Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

13/08/2014 ore 16.40
 

Quantum of the Seas: una collezione d’arte unica – foto


Il primo ospite a bordo della nuova nave della Royal Caribbean International, la Quantum of the Seas, è un orso polare magenta, alto 9.14 metri (30 piedi) che si trova ben visibile sul ponte esterno della nave.

5

L’orso è una scultura originale creata dall’artista Lawrence Argent, di Denver: è la prima scultura ad essere visibile al pubblico (in effetti è impossibile non notarlo sul ponte esterno) di 2.980 pezzi, la raccolta multimilionaria d’arte, il cui tema è “Che cosa rende la vita degna di essere vissuta” (“What Makes Life Worth Living”), curata in esclusiva per la Quantum.

6

Oltre a Lawrence Argent, a bordo sono presenti opere di tanti artisti, tra cui:

  • Paul Villinski, che ha creato una monumentale installazione chiamata “Crossing”, che comprende una parete di 210 farfalle in rappresentanza di 30 specie, ciascuna composta di alluminio, acciaio inossidabile, acrilico e smalto;
  • lo scultore Soo Sunny Park, la cui tentacolare struttura ondulata dal titolo “Onde di Luce,” esplora il potenziale della luce come elemento strutturale.

I pezzi di questi e altri artisti spaziano in dimensioni, forme d’arte e mezzi diversi, e se ne può godere sia all’interno che all’esterno della nave.

1

Royal Caribbean ha una lunga storia nel mettere in mostra opere d’arte originali in mare, infatti, vantiamo una delle più grandi collezioni d’arte privata al mondo in tutta la nostra flotta“, ha commentato Lisa Lutoff-Perlo, vice presidente esecutivo, alle operazioni, della Royal Caribbean International. “I pezzi che abbiamo commissionato per il Quantum sono mozzafiato, coinvolgenti e in alcuni casi del tutto inaspettati, e siamo così entusiasti che i nostri ospiti abbiano la possibilità di godere di una varietà di opere eccezionalmente brillanti di alcuni degli artisti più talentuosi del mondo, come Lawrence Argent“.

Immagine

L’orso dal titolo “From Afar” è composto da 1340 triangoli in acciaio inox , pesa circa otto tonnellate ed ha lo scopo di provocare stupore tra gli ospiti, incoraggiandoli ad ammirare l’orso da lontano, per poi interagire da vicino, in una visione che si può definire quasi capricciosa, ma di sicuro impatto soprattutto visivo, grazie anche al suo brillante colore..rosa!

500x281xquantum-bear-construction_0.jpg.pagespeed.ic.8yQDJW62CW

Il pezzo aiuta gli ospiti ad esplorare il tema dell’arte, mettendo in mostra le qualità immateriali di ciò che rende la vita degna di essere vissuta, come la pace, l’amore, la gioia, la gratitudine e la passione, che è ciò che le opere d’arte hanno lo scopo di evocare, mentre la nave gemella, Anthem of the Seas,  il cui debutto è previsto per l’aprile del 2015, avrà opere d’arte che esploreranno i suoi aspetti tangibili, come l’avventura, il divertimento e la natura, tipico della linea di crociera.

 4

 

Trovi interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo 🙂

 

“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche”.

13/08/2014  ore 15.10