MSC Crociere: MSC Magnifica e il suo Grand Voyage, da Amburgo a Buenos Aires

MSC Crociere: anche quest'anno si va al tutto esaurito per Natale e Capodanno

L’8 novembre 2014 partirà da Amburg, in Germania, il Grand Voyage di MSC Magnifica, diretto alle coste lontane di Buenos Aires in Argentina, per una crociera della durata di 20 notti.

Un viaggio che incanterà gli ospiti MSC, con un programma di bordo pieno di divertimento, buona cucina ed emozionanti caratteristiche culturali.

MSC_Magnifica

Dopo aver lasciato la Germania, gli ospiti di MSC Magnifica potranno beneficiare di 12 giorni di relax in mare, così come scali in otto diverse destinazioni.

La nave farà scali a Le Havre, in Francia, e Southampton, nel Regno Unito.

Farà poi scalo a Lisbona, la splendida capitale del Portogallo, dove i viaggiatori potranno esplorare le strade tanto amate della città.

MSC Magnifica poi salparà per le isole Canarie, e Santa Cruz de Tenerife, in particolare, prima di dirigersi verso il Brasile, dove farà scalo a Recife, Salvador de Bahia e Rio de Janeiro.

Tra le opportunità di esperienza a terra uniche, i passeggeri possono prendere parte alla prima maratona di Tenerife il 16 novembre: ci saranno vari livelli di difficoltà, da una di 8 km, a una mezza maratona di 21 km e una piena di 42 km di maratona. I partecipanti devono presentare domanda entro e non oltre il 25 ottobre.

La sua destinazione finale sarà il porto sul River Plate e la capitale argentina, Buenos Aires.

Plaza de Congreso Buenos Aires

Santa Cruz, che si trova al crocevia tra Europa e Africa offre vivaci mercati, vibrante cultura, frutti di mare appetitosi e paesaggi mozzafiato. Sarà disponibile un ricco programma di escursioni, in modo che tutti possono sfruttare al meglio le attrazioni dell’isola, tra cui gite di un giorno segnate da grandi opportunità di shopping e le spiaggie, in città turistiche, e incontri memorabili con la natura.

Mentre la nave fa dolcemente la sua strada tra i vari incantevoli porti di scalo, un programma di arricchimento molto divertente sarà a disposizione degli ospiti MSC.

Conferenze sui porti di destinazioni e temi correlati – Isole Canarie, Rio de Janeiro, Salvador de Bahia, i grandi navigatori della storia, ecc – arti e mestieri vari workshop. Gli chef MSC vi metteranno l’acquolina in bocca con il cibo prelibato, servito 20 ore al giorno sulla nave, tra cui una vasta gamma di prelibatezze locali secondo i porti di scalo.

visore_MSC_Grand_Voyage_tcm5-71129

La destinazione finale della nave, l’Argentina, sarà raggiunta il 28 novembre, dopo 20 giorni in mare. I viaggiatori potranno crogiolarsi al tepore primaverile di Buenos Aires, città natale del Tango, assaporando le attrazioni di La Boca e San Telmo e i deliziosi prodotti freschi che caratterizzano la cucina argentina nel quartiere di Palermo, mentre ammirate l’energia pulsante della città.

YQYR

Un MSC Gran Voyage è veramente un viaggio di una vita, dove è possibile scoprire il mondo e le destinazioni sorprendenti dalla comodità di una nave MSC Crociere, e nella consapevolezza che tutto sarà curato con la massima cura.

 

Comunicato stampa

 

12/08/2014  ore 16.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Hollande America Line: Ceo promette sconto 25% per inconvenienti viaggio, ma lo sconto non c’è!


Il famaso Avvocato marittimo James M.Walker, ha riferito nel suo sito che Stein Kruse, CEO della compagnia HAL, in un interessante video preparato da un passeggero Holland American Line dopo l’incendio alle caldaie sulla M / S Westerdam, promette uno sconto del 25% su una futura crociera su HAL, tranne poi essere sconfessato da altri rappresentati della compagnia.

http://www.youtube.com/watch?v=NGdSGVqjFsk
Ricorderete che la Westerdam ha preso fuoco il 28 giugno 2014 mentre stava navigando verso l’Alaska.

I soppressori automatici del fuoco non riuscirono a spegnere il fuoco e l’equipaggio fu costretto ad usare gli idranti ma il fuoco divampò di nuovo e l’equipaggio fu costretto ad intervenire una seconda volta.

Proprio a causa di questo episodio la Guardia Costiera ha costretto la nave da crociera a tornare a Seattle.

Il CEO di HAL, Stein Kruse, salì a bordo della nave più tardi quella stessa notte e parlò ai passeggeri, scusandosi per il fatto occorso e soprattutto perchè a causa del rientro in porto un successivo porto previsto nell’itinerario sarebbe saltato.

Ha tuttavia promesso che per compensare i disagi, i passeggeri avrebbero ricevuto un credito di $ 250 da utilizzare sulla nave. Inoltre “… Invieremo una nota per dare uno sconto del 25% su futura crociera Holland American Line“.

MIT_1543

E qui succede il fattaccio: un passeggero, forte della promessa del 25% di sconto sull’acquisto di una successiva crociera, si è recato subito a prenotare ma un rappresentante HAL ha riferito al passeggero che il CEO Kruse aveva mentito.

Il rappresentante ha detto che lo sconto del 25% era solo per una crociera di un prezzo comparabile come la crociera sul Westerdam.

Il che non coincide con quando riferito, e registrato in video da alcuni passeggeri, da Kruse ,che era molto consapevole, attento e preciso con le sue parole: “Sconto del 25% sulla futura crociera Holland America Line“…nessuna limitazione, esclusione.

Ogni qualvolta accade un fatto del genere, i passeggeri si devono rifare su ciò che la stampa riferisce loro: in questo caso è addirittura il massimo responsabile della Compagnia che è direttamente salito a bordo e ha parlato ai passeggeri: il CEO ha fatto una promessa ben precisa, non c’è possibilità di errore nel giudicarla.

stein-kruse

Un vero peccato per l’immagine di una compagnia che si è sempre dimostrata seria e competente coi passeggeri..vi aggiorneremo su eventuali sviluppi.

12/08/2014  ore 16.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Costa Magica ospita la storica band dei Nomadi


Per i fan e gli appassionati della storica band dei Nomadi, gruppo di riferimento della musica italiana da oltre 50 anni, Costa Crociere (www.costacrociere.it) propone un imperdibile itinerario di 7 giorni a bordo di Costa Magica: un’unica occasione di assistere alle loro esclusive performance.

Costa Magica partirà da Venezia il 26 ottobre 2014, con possibilità di imbarco da Bari il giorno successivo, e farà tappa in alcune fra le mete più classiche ed affascinanti del Mediterraneo orientale, offrendo ai suoi ospiti una vacanza ricca di relax, ma soprattutto di momenti di intrattenimento musicale con la storica band di Beppe Carletti e compagni.

64757f0937891da52067b328cc2015641

 

Photocredit: Dr Pianale

 

I Nomadi si esibiranno in due grandiosi concerti nel Teatro Urbino di Costa Magica, regalando ai loro fan delle performance esclusive a bordo e ripercorrendo alcuni dei loro più grandi successi da “Io vagabondo” a “Io voglio vivere” fino a “Come va la vita” tratto dal loro ultimo doppio cd “50+1” uscito lo scorso aprile.

Durante la crociera lo staff Costa in collaborazione con gli speaker di Radio Bruno organizzeranno un talent canoro “X-Nomadi” durante il quale saranno selezionate le interpretazioni migliori degli ospiti che si vorranno esibire davanti alla Band che li giudicherà in diretta.

Una vera e propria gara di canto sulle basi delle canzoni più famose.

GH_Nomadi_FotoAndreaColzani

 

L’itinerario della Crociera partirà da Venezia il 26 ottobre 2014. Dopo lo scalo a Bari, farà tappa a Katakolon, in Grecia, da cui gli ospiti potranno raggiungere il sito archeologico dell’antica Olimpia, città leggendaria in cui hanno avuto origine i giochi sportivi olimpici.

La successiva destinazione sarà Atene, culla della civiltà greca che svelerà agli ospiti di Costa Magica monumenti storici che li porteranno indietro nel tempo e suggestivi scorci dal fascino antico.

La nave proseguirà fino alle spiagge del vicino Pireo per poi fare tappa a Smirne, dove gli ospiti si rilasseranno grazie al piacevole clima del Mar Egeo. La crociera arriverà poi a Dubrovnik, la “perla dell’Adriatico”, caratteristica cittadina della costa croata che rientra fra i siti dichiarati dall’UNESCO Patrimoni dell’Umanità.

Costa-Magica-2007

Costa Magica rientrerà poi in Italia, nei porti di Venezia e successivamente di Bari.


Ancora una volta Costa Crociere propone a bordo delle sue navi un indimenticabile grande evento, con protagonisti d’eccezione, per sorprendere i propri ospiti con un intrattenimento esclusivo.

 

Costa Magica (103.000 tonnellate, 3.470 ospiti totali) è una nave ispirata al fascino delle località più belle d’Italia: da Capri a Portofino, al Salento, a Bellagio, da Urbino a Grado, a Spoleto. In ogni angolo della nave, opere d’arte realizzate dalla prestigiosa Accademia delle Belle Arti di Brera. A bordo gli Ospiti potranno godere di comfort esclusivi dedicandosi al relax e al benessere nel Club Salute Saturnia o tuffandosi nel divertimento del Mondo virtuale.

Per informazioni e prezzi: in Agenzia di viaggi, www.costacrociere.it, tel 848 505050 (costo di un telefonata da rete fissa).

Comunicato stampa

 

12/08/2014  ore 15.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Crociera senza valigie: condannati Costa Crociere e Alitalia


Avete presente la sensazione che prova chi parte in crociera ma che una volta arrivati a bordo si scopre che i propri bagagli sono rimasti in aeroporto?

E’ la stessa situazione sgradevole che hanno provato una donna catanese e i suoi due figli: la stessa  aveva acquistato, per se’ e per i due figli, una crociera di otto giorni denominata “Grandi Città del Baltico”, che prevedeva anche il trasferimento in aereo da Catania a Roma e da Roma a Copenaghen.

bagagli_smarriti

Imbarco regolare dei bagagli all’aeroporto di Catania ma mancata consegna all’aeroporto di Copenaghen: come individuare i responsabili e soprattutto chi è responsabile in questo caso?

Il Giudice di Pace di Catania, Laura Milazzo, ha condannato entrambe le società ( Alitalia, quale vettore aereo e Costa Crociere), in una sentenza che apre nuovi scenari per quanto riguarda i risarcimenti.

Ma che fine avevano fatto le valigie? Due furono consegante dopo 3 giorni di crociera mentre la più importante per la donna, quella cioè che conteneva gli effetti personali, arrivò nel pomeriggio del penultimo giorno di vacanza.

La famiglia catanese aveva deciso di inoltrare una richiesta di risarcimento in via bonaria, negata dalla società da cui avevano acquistato la crociera: davanti al diniego hanno deciso quindi di citare la Compagnia in giudizio.

bagagli-smarriti1

La società crocierista, dal canto suo, aveva chiamato in causa la compagnia aerea che aveva effettivamente causato il disservizio.

Per la Confconsumatori, che ha assistito la famiglia è stata una sentenza importante e che segna un punto a favore dei consumatori che davanti a queste situazioni vengono rimpallati da una compagnia all’altra, in un rimbalzo di responsabilità a cui non si arriva mai ad una fine.

In particolare è stato riconosciuto il risarcimento di 500 euro ciascuno per la signora e la figlia e di 300 euro per il figlio che aveva ricevuto per primo la valigia con tutti i propri effetti.

crociera_szcb4.T0

La Confconsumatori sottolinea come il giudice, applicando l’art. 43 del Codice dei Turismo, “ha sancito che la crociera è a tutti gli effetti un pacchetto turistico e che, quindi, dei danni sofferti dai turisti risponde l’organizzatore, in questo caso la compagnia di crociere, che è stata condannata al risarcimento danni, fatto salvo il diritto di rivalersi nei confronti della compagnia aerea, che è stata anch’essa condannata in solido“.

Si tratta – ha commentato il presidente di Confconsumatori Sicilia, avvocato Carmelo Cali’ – di un’importante sentenza a favore dei turisti in un settore, quello delle crociere, dove ancora vige molta incertezza e le societa’ cercano di sottrarsi ai propri obblighi cercando di scaricarli su altri e sostenendo di non essere tenute al risarcimento“.

Noi continuiamo a suggerirvi di portare sempre gli oggetti personali ed un cambio basilare nel bagaglio a mano: si evita in questo modo di rimanere per giorni con la stessa roba indosso!

 

12/08/2014  ore 15.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Costa Crociere: schedati per dieci anni, con il placet del Garante della Privacy


Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha messo in atto un provvedimento di “verifica preliminare”, nell’archivio dati Costa Crociere.

garante

Cosa significa?

Significa che voi fate una crociera di una settimana ma i vostri dati saranno presenti nel database della Compagnia per ben 10 anni.

Una miniera d’oro di dati riguardanti una marea di gusti e dettagli personali dei clienti, che potranno essere così utilizzati dalla Compagnia per le sue campagne.

La Costa Crociere aveva inoltrato un’istanza chiedendo di poter custodire per ben 13 anni i dati personali dei propri clienti.

logo_Costa_Crociere

Il Garante della Privacy  –  nella figura dell’ex parlamentare Pd e ministro Antonello Soro  –  ha sostanzialmente accolto la richiesta di verifica (Codice di protezione dei dati del 2003) della Costa Crociere, cambiando leggermente il termine massimo di conservazione dati, cioè passando dai 13 anni della richiesta Costa ai 10 anni stabiliti dal Garante.

Appare congruo e proporzionato sia alle finalità che si intendono realizzare sia alla tipologia di dati personali oggetto di trattamento” il termine temporale stabilito dal Garante.

Questa miniera di dati consente in teoria di immagazzinare un’enorme quantità di informazioni sui singoli croceristi:

  • dati personali- quali date di nascita, domicilio, numero di cellulare ad esempio
  • gusti in tema di cibi e bevande
  • divertimenti – discoteca, sport, lettura
  • preferenze relative alle escursioni siti storici, musei oppure outlet
  • hobby
  • informazioni più delicate, come quelle relative alla salute quando gli ospiti soffrono di intolleranze alimentari o hanno necessità di determinate assistenze mediche a bordo – diabetici, dialisi etc.

privacy-650x245
La ricchezza consiste anche nel fatto che i dati non provengono solamente da clienti italiani, ma da una miriade di clienti internazionali, paesi dove vigono diverse indicazioni per le info commerciali ad esempio, quindi un valore commerciale impressionante.

Un fatto che la Compagnia ritiene importantissimo ed è per questo che a febbraio ha presentato al Garante la richiesta basata sui cosiddetti programmi di fidelizzazione che l’Authority ha regolamentato stabilendo che “chiunque voglia conservare i dati della propria clientela per finalità di profilazione e marketing, per un periodo superiore a dodici mesi, deve presentare al Garante una richiesta di verifica preliminare, ai sensi dell’articolo 17 del Codice “.

Al Garante la Costa ha dichiarato “che tra le finalità per le quali intende effettuare il trattamento dei dati vi sono anche quelle relative: all’analisi delle abitudini o scelte di consumo, all’attività commerciale, alle attività culturali o ricreative, all’attività di marketing diretto e all’attività informativa; nonché per la creazione di profili professionali relativi a clienti o consumatori, per la fornitura di beni e servizi, per le ricerche di mercato o altre ricerche campionarie…. diverse tipologie di dati: anagrafica (nome, cognome, data e luogo di nascita, indirizzo fisico, contatti), viaggio effettuato (periodo, itinerario, nave da crociere), acquisti effettuati in viaggio (data di acquisto, prodotto ed importo speso), commenti e valutazioni del passeggero sul viaggio e specifiche informazioni personali (professione, titolo di studio)…

Lo scopo della suelencata banca dati consisterebbe nella possibilità di poter effettuare una valida attività di profilazione, allo scopo di offrire ai propri clienti adeguate offerte e servizi ‘personalizzatì sulla base delle precedenti scelte“.

costa-pacifica_photo9
Fino ad ora non era mai stata chiesta la conservazione per i 13 anni ma è stata giustificata da Costa con la frequenza dell’acquisto di una crociera.

Secondo la Compagnia solo un numero compreso tra 3 e 5 crociere garantisce una “profilazione” efficace e poter così “tracciare come clienti ripetitivi” un determinato numero di passeggeri.

Al riguardo, Costa ha precisato che, da proprie indagini statistiche, il richiesto termine di tredici anni collegato alla frequenza di acquisto di tre crociere sarebbe pari solo al 7% del totale“.
Il Garante – il collegio era composto dal presidente Antonello Soro e da altri quattro membri – ha però ritenuto adeguato un periodo di 10 anni di conservazione dei dati, analogo a quello concesso lo scorso anno ad altri due marchi importanti come Bulgari e Tod’s.

Il garante ha tuttavia puntualizzato che “Alla scadenza del suddetto periodo di conservazione, i dati personali, oggetto dell’attività di profilazione svolta da Costa, dovranno essere cancellati automaticamente, ovvero resi anonimi in modo permanente e non reversibile… I dati sono conservati, in base a quanto dichiarato, su server presenti in Italia e il titolare del trattamento è Costa Crociere spa“.

 

 

Costa-Pacifica

Ma in che modo la Compagnia potrà utilizzare questi dati? Quali sono i limiti, se ce ne sono?
Per quanto riguarda i singoli il Garante chiede che “gli accessi alla banca dati devono avvenire mediante l’uso di un sistema di autenticazione adottato secondo i criteri stabiliti dal disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza.. deve essere possibile effettuare il tracciamento dei log di accesso alla banca dati, in modo da realizzare un controllo analitico ex post delle attività svolte dai singoli incaricati“.

Procedura richiesta per evitare eventuali “furti” di informazioni particolarmente appetibili per società di marketing.

Il Garante della Privacy ricorda inoltre che “l’inserimento dei dati personali nella banca dati comporterà automaticamente la visibilità dei medesimi da parte di tutti coloro che vi hanno accesso anche presso ciascun punto di raccolta estero” poi sottolinea che Costa “è l’unico titolare del trattamento dei dati e che le succursali estere Aida Cruises, con sede a
Rostock, Germania, e Ibero Cruceros, con sede a Madrid agiscono per conto di Costa in qualità di responsabili del trattamento“.

costa-neoriviera04

Ciò non impedisce però alla Compagnia, “qualora volesse effettuare, attività promozionale tramite terzi“, di “nominare tali soggetti responsabili del trattamento“.

Il termine entro il quale Costa Crociere dovrà adeguarsi alle linee guida del Garante è di tre mesi entro i quali dovrà muoversi per ottenere così l’autorizzazione per l’archivazione dei dati decennale.

Quindi prima di firmare qualsiasi contratto di viaggio leggete per bene tutto ciò che riguarda la privacy e il tempo di archiaviazione dei vostri dati e se non siete d’accordo non spuntate le caselle: ciò vi agevolerà nel non ricevere offerte commerciali non richieste…da qui a 10 anni!

 

Articolo originale redatto su fonti la Repubblica e del Garante della Privacy

12/08/2014  ore 14040
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”