Concordia: trovate altre ossa su relitto, analisi sul cranio


I risultati degli esami radiografici e della Tac effettuati sul cranio ritrovato sulla Concordia, danno all’80% la probabilità che il cranio recuperato sul relitto appartenga a una donna «per la sua conformazione generale».

Se così fosse, sarebbero della passeggera siciliana, Maria Grazia Trecarichi,  il cui corpo era stato restituito alla famiglia a ottobre, quando la Concordia era ancora al Giglio.

20140805_76005_Concordia-ricerche-Rebello---2

L’ipotesi che queste ossa possano appartenere ad una donna è stata formulata dal medico legale Alessandro Bonsignore a conclusione degli esami compiuti sui ritrovamenti :È stato espresso l’80% di probabilità – spiega il medico – perché la letteratura scientifica attribuisce un’affidabilità fino all’80% per l’attribuzione del sesso a un cranio. La certezza assoluta, comunque, la potrà dare solo l’esame del Dna“.

Dopo i resti di mano e di teschio trovati mercoledì, sul ponte 3 della Concordia giovedì sono stati trovati anche altri resti ossei vicino alla zona dove erano state rinvenute le altre ossa.

20140805_76005_Concordia-ricerche-Rebello---1

«È stata data notizia, oltre che all’Autorità giudiziaria, anche alla Struttura del Commissario delegato per l’emergenza Costa Concordia, che, a sua volta ha provveduto ad informare le famiglie delle vittime alle quali gli stessi resti non si può escludere che appartengano – informa una nota della Capitaneria – Ad oltre due anni e mezzo dalla tragedia, solo le analisi antropologiche e del Dna permetteranno di dare un nome ai resti ritrovati.

Conclusa l’attività di repertazione, le ricerche sono riprese come da pianificazione e proseguiranno fino alle ore 17 odierne, concentrandosi sempre sui ponti 3 e 4, a cura di team interforze dei VVF, Guardia Costiera e G.d.F., e sui ponti 2 e 1 a cura dei Nuclei sommozzatori dei Vigili del Fuoco e della Marina Militare».

Potrebbe trattarsi di una parte di un braccio che potrebbe appartenere a Russel Rebello, il cameriere indiano l’unica vittima del naufragio di cui non è mai stato trovato il corpo.

Fonte: Il Tirreno, Ansa, Il secolo XIX

 

07/08/2014  ore 23.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...