Concordia: immersione choc per i Vigili del Fuoco


Hanno trovato migliaia di anguille i vigili del fuoco che si sono calati fin dentro l’anima della Concordia, dove l’acqua traccia ancora il confine tra il relitto perduto e quello recuperato.

«Inquietanti» le ha descritte il funzionario Augusto Russo. E foriere di brutti pensieri e presagi.

Perchè laggiù c’è il corpo di Russel Terence Rebello da recuperare, a due anni e mezzo dal naufragio, e ci si chiede se si riuscirà a trovare ancora qualcosa.

diver620_2115046b

I pesci hanno divorato tutto, persino le fibre delle gomene e dei cordami, dei tessuti, dei cibi fuoriusciti dai depositi e dai frigoriferi, anche se centinaia di questi ultimi restano ancora da aprire, specialmente all’interno delle cabine: è lì che potrebbero nascondersi rischi batteriologici.

Contro questa eventualità già ieri i vigili si sono calati nei ponti con una tuta specialissima, adatta a fronteggiare persino le radiazioni nucleari.

«C’è melma ovunque. E porte abbattute, soffitti sventrati, oggetti accatastati e decomposti» riepiloga il vicecomandante Emanuele Gissi «Ci sarà molto da lavorare. Oggi abbiamo fatto una prima pianificazione».

Due squadre, una di otto e l’altra di quattro uomini, si sono alternate sulla nave.

La prima è scesa ai ponti tre e due, che non sono stati ispezionati dopo il rigalleggiamento, e quello che appare è un disastro.

700_dettaglio2_La-concordia-conclude-il-suo-viaggio--nel-porto-di-Genova-Reuters

Il ponte due è ancora semisommerso e, soprattutto, coperto da un metro di fango: c’erano le cabine più economiche per i passeggeri, le mense per il personale di bordo, il piano di carico delle derrate alimentari.

Più in basso, dove nella numerazione subentrano le lettere (a, b, c) la Concordia aveva il suo cuore nascosto, la sala macchine e gli alloggi dell’equipaggio. Lì dovranno intervenire i sommozzatori.

In coperta continueranno invece a lavorare i tecnici della Micoperi, ancora per qualche giorno, che lasceranno la nave pronta per lo stripping, cioè la spoliazione di tutto ciò che non è metallo (arredi, vetro, decorazioni, bottiglie, strumenti nautici eccetera), fra un paio di settimane: sarà affidato ai portuali della Compagnia Unica.

«Bisognerà stare attenti» avverte l’ingegner Francesco Filippone, anch’egli dei vigili del fuoco «perché i ponti sono estremamente scivolosi e insicuri».

Il lavoro della messa in sicurezza, che dovrebbe cominciare martedì, prevede un cantiere operativo nei ponti superiori e un cantiere cosiddetto di soccorso – si cerca un corpo – in quelli inferiori.

concordia

«L’acqua» spiega Gissi «ha devastato la struttura. Se pensiamo che un metro cubo equivale a una tonnellata, e pensiamo a quante tonnellate si sono mosse all’interno della nave durante il raddrizzamento, possiamo intuire facilmente quale sia la situazione, anche nelle parti che non abbiamo ancora visto».

L’impressione generale, nei vigili del fuoco, ha suscitato «tanta tristezza. Ci sono angoli che ancora richiamano la gioia di vivere e il divertimento, e altri completamente devastati. Chi ha visto il film Titanic può rendersi conto».

Fonte: The MediTelegraph

31/07/2014  ore 11.10
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...