Msc Sinfonia: paura per bimba


Piccolo incidente nel pomeriggio di ieri,  attorno alle 14, sulla nave da crociera Msc Sinfonia in navigazione nel Mediterraneo.

Una bambina di sei anni, originaria della provincia di Ferrara, è caduta dal letto a castello in cabina procurandosi un sospetto trauma cranico.

MSC_SINFONIA_08-09-2005

La nave, che era da poco ripartita dal porto di Olbia, è dovuta tornare indietro per consentire il ricovero nell’ospedale gallurese della piccola.

La Msc Sinfonia – come riporta l’Ansa – era giunta questa mattina a Olbia e regolarmente è ripartita alle 15:30 per Salerno per proseguire la crociera.

Ma a causa dell’incidente a bordo il comandante ha deciso di rientrare nello scalo sardo giungendo alle 17.

MSC-Sinfonia-LARGE

La piccola, assieme ai genitori originari della provincia di Ferrara, è stata portata a terra e affidata alle cure del 118 che l’ha portata nell’ospedale Giovanni Paolo II per il sospetto trauma cranico, ed è stata ricoverata nel reparto di Pediatria in osservazione.

Le sue condizioni non sembrano gravi.

La nave da crociera è quindi ripartita poco dopo regolarmente per Salerno, senza la famiglia della bambina rimasta in ospedale.

20/07/2014  ore 18.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Costa Concordia: nella notte piccoli sversamenti di idrocarburi


Una boa, un sacco con un paio di pantaloni e un giubbotto salvagente.

Sopra a tutti il logo di Costa, ad indicarne con chiara evidenza l’origine.

image

Sono fuoriusciti dalla Concordia ed arrivati nel pomeriggio di ieri sulla spiaggia dell’Arenella, nascosta da un promontorio dietro la scogliera dell’isola del Giglio dove la nave da crociera si è adagiata due anni e mezzo fa ed ora rialzata.

Tre oggetti, inattesi, portati dalle onde, tra la sorpresa dei villeggianti, che subito hanno twittato in rete le immagini.
image

Tre oggetti prontamente recuperati dagli uomini della Titan Micoperi. Appresa in serata la notizia, la presidente dell’Osservatorio di Costa Concordia, Maria Sargentini, dirigente della Regione Toscana, ha chiesto controlli e verifiche immediate, che saranno effettuati oggi. Qualsiasi rifiuto che fosse fuoriuscito dalla nave dovrà essere rimosso.

Le concomitanze per quel che è successo possono essere varie, ragionano i tecnici. La carcassa della nave si sta rialzando e l’acqua dei ponti fino a ieri sommersi drena all’esterno.

C’era anche il mare mosso in questi giorni. Con i venti che si preparavano a girare, da maestrale a scirocco, le panne di protezione tutt’attorno al relitto sono in parte state spostate, per evitare che subissero danni, e così nelle barriere attorno al relitto si potrebbe esser creato un varco, magari solo momentaneo.
image

«Poteva accadere – scrive la Regione Toscana in una nota – È accaduto e non per forza è un dramma. Si tratta solo di tre casi al momento. In un isola nel nord dell’Olanda, a Terschelling, con gli oggetti portati dal mare e raccolti sulla loro spiaggia si sono inventati un museo. L’importante adesso per l’Osservatorio è verificare e rimuovere, dalla riva e dai fondali, quanto è fuoriuscito dalla nave».

Uno sversamento di idrocaburbi si è verificato ieri sera attorno alle 23. I liquidi sono stati contenuti dalle panne assorbenti e l’area è già stata ripulita.

Lo sversamento, sostengono i tecnici, è avvenuto nella zona di centro-poppa della nave, sul lato di dritta e, in ogni caso, si è trattato di uno «sversamento contenuto».
image

«È stato immediatamente attivato il team ‘oil spill response’ – dice Costa – che, attraverso l’impiego di panne assorbenti ha provveduto a ripulire l’area».

Le panne sono già state sostituite e gli uomini dell’Arpat e dell’Ispra hanno già effettuato dei campionamenti per verificare la qualità delle acque.

I tecnici hanno inoltre effettuato una serie di verifiche alla struttura della nave per escludere la possibilità che vi fossero delle falle. I controlli, dice Costa, «non hanno evidenziato alcuna lesione allo scafo e neppure alle flange utilizzati» per lo svuotamento dei serbatoi.

Fonte: Il Messaggero

20/07/2014  ore 11.20