Costa Crociere lascia Venezia, persi 200mila passeggeri


I primi effetti delle limitazioni al passaggio delle grandi navi da crociera a San Marco, a Venezia, si fanno sentire, con la ‘fuga’ di Costa verso Trieste e la perdita, in laguna, di 200mila passeggeri solo con questa compagnia.

Navi-da-crociera-a-Venezia

 

Il dato, nella sua crudezza, lo riferisce Sandro Trevisanato, presidente del Venezia terminal passeggeri (Vtp) che indica nelle lungaggini della politica “che ancora non ha preso una decisione – sottolinea – su come risolvere la questione” come il maggiore imputato nella vicenda assieme “a quei detrattori del porto – prosegue – che con le loro manifestazioni di protesta hanno inciso sulla nostra immagine“.

sandro trevisanato-2

Costa – nell’accordo firmato dal suo Ad Michael Thamm con la Governatrice Debora Serracchiani e confermato dalla stessa compagnia – porterà a Trieste la Costa Mediterranea (85.700 tonnellate e 2.680 passeggeri) e su altre rotte e scali la Costa Fascinosa (114.500 tonnellate per 3.800 passeggeri) e la Magica (102.600 tonnellate e 3.470 passeggeri) già dal prossimo anno.

Lasciando, come dice Vtp , le ‘briciole’ a Venezia con la Celebration (47mila tonnellate e 1896 passeggeri), la Deliziosa (92.600 tonnellate e 2.862 passeggeri) e la NeoClassica (53mila tonnellate e 1.680) passeggeri; di fatto dimezzando l’accoglienza dello scalo lagunare.

grandi-navi-585x388

 

Abbiamo lavorato anni – ricorda Trevisanato – per diventare il primo scalo crocieristico del mediterraneo, dall’anno prossimo non lo saremo più e cederemo lo scettro a Barcellona“.

Il Governo al quale abbiamo scritto più volte – conclude amaro – aveva detto che in primavera ci sarebbero state le decisioni attese con una scadenza incombente, quella di maggio, in cui le società crocieristiche chiudono la programmazione. Bene i ritardi su ritardi hanno portato a questo e per il momento abbiamo perso solo Costa tra i maggiori clienti, chissà cosa faranno gli altri“.

 

08/07/2014  ore 22.00

 

MSC Splendida: convegno “Legalità e questione sociale: rischi e costi dei fenomeni fraudolenti” a bordo


Legalità e questione sociale: rischi e costi dei fenomeni fraudolenti” è il titolo del convegno che si è svolto oggi pomeriggio a Napoli, a bordo di MSC Splendida, nave da 4mila passeggeri, attraccata alla Stazione Marittima di Napoli.

msc-splendida-msc-crociere

Qual è il peso e il prezzo di truffe e speculazioni sopportato dalla società?

Di questo si è discusso a bordo dell’ammiraglia della compagnia crocieristica napoletana, dove era presente un parterre d’eccezione, che vantava la presenza di Severino Nappi, Assessore al lavoro della Regione Campania; Nunzio Fragliasso, Procuratore Aggiunto presso il tribunale di Napoli; Rosaria Capacchione, senatrice della Repubblica e membro della Commissione Antimafia e Giustizia; Vittorio Verdone, direttore centrale Auto, Distribuzione e Consumatori Ania; Francesco D’Innella, docente di Diritto delle Assicurazioni all’Università Parthenope di Napoli; Maurizio Salvi, direttore Relazioni esterne MSC Crociere e Maurizio De Dominicis, avvocato specializzato in Diritto delle Assicurazioni.

Msc-Convegno-su-frodi-assicurative

I fenomeni fraudolenti sono una piaga che, come è emerso nel corso del convegno, non riguarda soltanto l’Italia o il Mezzogiorno. Si tratta piuttosto di un problema internazionale che grava sulla società in diversi modi. Innanzitutto le truffe hanno un costo che viene ripartito su tutti i cittadini, danneggiando chi vive ogni giorno di sacrifici e lavoro. In secondo luogo, come hanno precisato i relatori, la crisi economica degli ultimi anni ha contribuito ad aumentare tali attività illecite. Si è notato, infatti, che sono sempre di più le persone che in modo occasionale commettono reati contro il patrimonio a volte anche per indennizzi di piccolo ammontare. Segno della recessione e della disoccupazione, di questo periodo di estrema difficoltà.
Si ritiene che la truffa sia una sorta di rivalsa per il mancato impiego, sia un guadagno “dovuto”, un onere che lo Stato deve pagare per non aver provveduto al benessere di tutti.

cache_670_500__2013_10_assicurazioni-e1381416516335

L’evento è stato promosso da MSC Crociere per sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto a tali fenomeni fraudolenti che generano rilevanti danni, anche economici, alla società in cui operiamo.
Oggi, infatti, si è particolarmente concentrati anche “sull’integrità” delle imprese, sulla loro etica, sul modus operandi che, inevitabilmente, produce effetti sull’intera collettività.
La nuova sfida delle imprese sta, quindi, nell’agire secondo buone prassi e buoni comportamenti, secondo correttezza, legalità, trasparenza.

A raccontare l’esperienza di MSC Crociere, sensibile rispetto a tematiche inerenti all’etica e al sociale, Maurizio Salvi, direttore Relazioni Esterne di MSC Crociere.

Maurizio-Salvi

 “Mi inorgoglisce – ha dichiarato l’ospite di casa – portare qui l’esempio di MSC Crociere, azienda multinazionale con cuore italiano, che ha forgiato in questi anni la sua identità secondo le regole della correttezza, della chiarezza, della sensibilità verso l’ambiente esterno e i suoi stessi dipendenti. La nostra politica aziendale, infatti, concilia obiettivi economici ed etica sociale al fine di ottenere benefici che possano essere trasmettessi all’intero sistema paese.
E’ cambiato lo scenario in cui operiamo. Per questo la responsabilità sociale d’impresa, in generale, rappresenta una metodologia innovativa per cambiare il corso delle cose. E’ necessario un impegno comune per cancellare le disparità territoriali, sociali e soprattutto economiche che spaccano in due parti il nostro paese. Urge affrontare le criticità, cogliere le opportunità, sensibilizzare l’opinione pubblica e coinvolgere la società civile, in modo che ciascuno partecipi al cambiamento con il suo personale contributo”.

Il che vuol dire, dunque, che il rispetto delle regole, a qualunque livello, è fondamentale per lo sviluppo economico e la crescita di un Paese.

Il settore nel quale si evidenzia di più la piaga dei fenomeni fraudolenti è sicuramente quello assicurativo. Le conseguenze delle attività illecite in questo settore sono, purtroppo, evidenti a tutti: i costi dei premi assicurativi sono elevatissimi, soprattutto al Sud.

Conferenza sulle truffe assicurative

Nel corso del convegno è stato presentato il report “Truffe assicurative in Italia: analisi socio economica e possibili rimedi”, curato dall’avvocato Maurizio De Dominicis e da Think Thanks, agenzia di ricerca e comunicazione. Dal lavoro è emerso che il settore sul quale più influisce l’attività speculativa è sicuramente l’R.C Auto. Secondo i dati Ania in Italia ci sono 43,5 milioni di veicoli assicurati, i sinistri risarciti sono 3,7 milioni, per un valore complessivo di 15 miliardi di euro.

Dalla Relazione annuale Ivass si evince inoltre che i sinistri a rischio frode sono passati dai 400mila del 2012 ai 460mila del 2013 e che i costi da frode sono calati di ben 6 milioni di euro rispetto al 2012 con un miglioramento in termini percentuali del 3%.

I costi dei premi assicurativi – ha aggiunto Maurizio De Dominicissono troppo alti a causa delle attività speculative, ma è un circolo vizioso: si froda perché si ritiene elevato il costo dei premi assicurativi, si alzano i costi dei premi assicurativi perché si froda. Il truffatore ritiene di arrecare un danno alla compagnia assicurativa e non alla collettività, eppure per pagare tale frode la compagnia assicurativa attinge da un fondo rischi che tutti gli assicurati rimpinguano pagando le polizze”.

Le frodi non solo in Italia – ha aggiunto Vittorio Verdonecostituiscono da sempre un elemento perturbativo grave dell’attività assicurativa. L’assicurazione r.c. auto è la più permeabile per la sua diffusione. Il 14% dei sinistri è fortemente indiziato di frode. Accanto a presidi preventivi da implementare con l’applicazione della tecnologia, occorre un’operazione culturale di recupero della legalità a tutti i livelli, che faccia percepire i costi sociali dell’attività illecita”.

Conferenza sulle truffe assicurative

I fenomeni fraudolenti sono un problema culturale e sociale, dunque, una manifestazione del malcostume e della mancanza di senso civico sul quale bisogna intervenire. Le istituzioni stanno prendendo sempre più coscienza del problema e si stanno attivando affinché si possano contenere i danni, tenendo presente, però, che le attività illecite non interessano solo l’Italia o il Mezzogiorno, ma tutti i Paesi indistintamente e che si dovrebbe intervenire anche a livello europeo e internazionale.

Affrontare il discorso, confrontarsi sul fenomeno e sensibilizzare l’opinione pubblica è lo scopo del convegno presentato oggi, affinché si continui a individuare soluzioni capaci di debellare una piaga della società.



Comunicato stampa
08/07/2014  ore 21.00

Royal Caribbean: premiato il vincitore del concorso “Vinci Oasis, partecipare non costa nulla!”


Chiusura con i fiocchi per il concorso “Vinci Oasis, partecipare non costa nulla!”. Più di 15.000 persone hanno partecipato al concorso rispondendo alle 6 domande a risposta multipla sulla Classe Oasis. Molti hanno consultato le schede descrittive ricche di curiosità e informazioni utili, altri invece, preparati a dovere, hanno risposto a colpo sicuro.

immagine

Il felice vincitore, Epifanio, da Catania, esulta: Non è facile trasporre le emozioni che provo al momento. Mai avrei pensato di risultare vincitore di questo concorso. Ma da appassionato di “crociere” e da cliente Royal non ho resistito alla voglia di partecipare per salire sulla nave più grande del mondo. Un infinito grazie alla società Royal Caribbean per osare di portare le sue navi più grandi nel nostro mare Mediterraneo, è una grande opportunità per tutti gli italiani!”

gianni rotondo Royal Caribbean--U1901728128301OVG-140x250-U200283341454WQG--645x400@MediTelegraphWEB

Gianni Rotondo, direttore generale RCL Cruises Ltd Italia, commenta: “Siamo soddisfatti della partecipazione e attenzione che ha riscontrato Oasis of the Seas sul mercato italiano. La sorella, Allure of the Seas, seguirà le sue orme nel 2015 in una stagione che già si annuncia molto positiva. Gli italiani sono incuriositi…e noi siamo ben lieti di incentivarli a vivere una esperienza unica”.

vinci-una-crociera-da-sogno-oasis-of-the-seas

Epifanio partirà a bordo di Oasis of the Seas, una delle due navi più grandi del mondo, per la crociera europea di 5 notti nel Mediterraneo Occidentale in partenza da Barcellona il 18 settembre 2014 con scalo a Civitavecchia e Napoli.

Avrà la possibilità di provare gli intrattenimenti all’avanguardia e i servizi esclusivi propri della Classe Oasis: 18 ponti di puro divertimento e innovazione dove poter scoprire il concetto di “quartieri di bordo”, 7 aree tematiche per soddisfare ogni gusto e preferenza, come il Central Park, un vero parco naturale a cielo aperto con oltre 12.000 esemplari di piante vive, o il Boardwalk, uno spazio ricco di charme in cui scoprire il piacere di una passeggiata tra negozi, locali accoglienti e ristoranti con anche incredibili spettacoli nell’affascinante AquaTheater.

A bordo anche la zip line per volare sospesi a 25 metri di altezza, l’affascinante giostra artigianale, il Rising Tide – primo bar in movimento sul mare, i musical di  Broadway, i simulatori di surf FlowRider, gli idromassaggi a picco sul mare, una pista di pattinaggio su ghiaccio e il parco acquatico riservato ai bambini H20 Zone.

oasis

Nella sua breve stagione europea del 2014, Oasis of the Seas, partirà per intraprendere un altro itinerario di 5 notti il 13 settembre da Barcellona con scalo a Civitavecchia e Napoli; mentre il 23 settembre salperà ancora dal porto spagnolo per una crociera di 7 notti in Nord Europa. Subito dopo la nave entrerà nei cantieri Képpel Verolme in Olanda per lavori di manutenzione.

Anche Allure of the Seas visiterà il Mediterraneo Occidentale con crociere di 7 notti in partenza da metà maggio 2015 ogni domenica da Barcellona e ogni giovedì da Civitavecchia con scalo a Palma di Maiorca, Marsiglia, La Spezia e Napoli.

oasis-5

Coloro che desiderano conoscere in anteprima tutti i segreti della classe Oasis possono visitare virtualmente la nave grazie al video Oasis 360° virtual tour.

 

Comunicato stampa

08/07/2014  ore 15.30

AIDAdiva: sotto attacco di razzi in Israele


AIDAdiva, gestita dalla compagnia tedesca AIDA Crociere, è stata oggetto di lanci di razzi e ieri sera era sotto attacco di fuoco al momento di lasciare il porto israeliano di Ashdod.

Ashdod è la quinta città più grande di Israele, situata nel distretto meridionale del paese sulla costa mediterranea. Si trova a 32 km a sud di Tel Aviv, a 20 chilometri a nord di Ashkelon, e 53 chilometri a ovest di Gerusalemme. Il porto di Ashdod è il più grande porto di Israele.

27743148,27886142,highRes,maxh,480,maxw,480,mc_3289CE00B628DF21_B

 

Photocredit: AP/dpa

Non è chiaro se i razzi sono stati quelli della Forza di Difesa di Israele o di Hamas, l’organizzazione radicale palestinese che, attualmente, sta sparando decine di razzi contro le città di Israele.

Quando la nave da crociera era ancorata ad Ashdod, le sirene hanno cominciato a suonare sia in città che in altre città israeliane, per  avvisare la popolazione di essere sotto attacco da parte dell’organizzazione radicale palestinese Hamas.

I turisti tedeschi in crociera su AIDAdiva sono rimasti scioccati di apprendere a bordo, grazie al canale di notizie News channel Tagesthemen, di essere sotto attacco missilistico.

Rhodos-AIDA-diva-an-der-Pier-1024x682

Parti dei razzi lanciati sono finiti sul ponte esterno della nave, ma fortunatamente i razzi sono esplosi prima di colpirlo.

Non sono state riportate vittime o danni rilevanti alla nave da crociera.

La nave sta attualmente continuando il suo giro verso il successivo porto di Creta in Grecia, che sarà raggiunto mercoledì mattina.

Tenderboote_der_AIDAdiva

In una dichiarazione “AIDA Cruises” ha annunciato: “Alle 20.28, ora locale di Ashdod, si è assistito ad esplosioni che sono state osservate dalla nave da crociera Aida Diva. Tutti i 2.700 ospiti e i membri dell’equipaggio stanno bene. Nessuno è rimasto ferito, non c’erano danni riferibili alla parte emersa della nave. L’ Aida Diva continua il suo viaggio senza indugio e si trova sulla strada per Creta.

“Siamo molto dispiaciuti che gli ospiti di Aida Diva siano stati testimoni di questo incidente. L’attuale situazione della sicurezza in Israele è costantemente monitorata da noi e valutato con analisi interne ed esterne di qualità ” ha detto un portavoce della società.

Dopo l’incidente, le autorità tedesche hanno rilasciato un avviso come località a rischio per i suoi concittadini.

 

08/07/2014 ore 15.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Allure of the Seas: prima nave da crociera su Google Street View


Allure of the Seas, la mega nave di Royal Caribbean International, è la prima nave da crociera visitabile grazie alla tecnologia Google Street View.

Google Maps Business View, la versione commerciale di Street Views, ha aggiunto l’ammiraglia di Royal Caribbean, permettendo così ai visitatori del sito, di poter fare un tour virtuale della nave.

f822b84e-2281-45fd-9ae8-cfb35c889461

Per Google questo è stato il primo progetto a bordo di una nave da crociera.

Il nuovo tour non copre l’intera nave, ma solo alcune aree limitate.

Una volta entrati su Street view, sarete in grado di scegliere  tra una serie di opzioni che consentono un “tour” dei ristoranti, delle cabine e piscine della nave, nonché il FlowRider, la parete d’arrampicata e la zip-line.

allure-of-the-seas-cruise-ship

Google ha creato l’esperienza di Street View sulla Allure con  una fotocamera DSLR con un obiettivo fisheye e una camera panoramica posta su un treppiede.

È possibile visualizzare la Allure of the Seas qui .

 

 

08/07/2014  ore 14.50
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”