Arctic Adventures: la Sea Adventurer bloccata da problemi al motore, crociera finita


I passeggeri di una nave da crociera, gestita da Arctic Adventures, che doveva effettuare l’itinerario verso la Groenlandia e poi in Canada Artico, hanno dovuto terminare prima la loro crociera a causa di problemi al motore. 

Il motore secondario della nave, questo sabato, ha cominciato ad avere problemi meccanici al largo della costa occidentale della Groenlandia, all’incirca vicino ad Ilulissat.

li-clipper-adventurer-cp-9292657

Photocredit: Canadian Coast Guard/Canadian Press

I passeggeri a bordo della Sea Adventurer avevano iniziato la loro crociera il 23 luglio. L’arrivo in Canada era previsto per il 30 luglio.

Il capitano ha dovuto chiamare la compagnia perchè la nave potesse andare in riparazione a Nuuk, in Groenlandia, in modo che la nave possa tornare ad operare e funzionare in modo efficiente e sicuro per tutta la durata della sua stagione Canadian Arctic” riferisce Alana Faber di Adventure Canada.

Questa non è la prima volta che questa nave ha avuto problemi.  Nel 2010, durante la crociera del Passaggio a Nord Ovest , quando si chiamava ancora Clipper Adventurer, si arenò nel Nunavut’s Coronation Gulf.

1822636

Questa volta le riparazioni dureranno circa due settimane e i passeggeri sono stati fatti rientrare a casa: i costi sono stati coperti dai loro polizze di assicurazione di viaggio.

La società sta lavorando alla ricerca di un’altra nave per il suo prossimo viaggio in programmazione per il 2 agosto, ma in mancanza, la data sarà cancellata o spostata.

Norwegian Cruise Line: crociere musicali, anche i Kiss e Kid Rock tra gli ospiti


Norwegian Cruise Line annuncia il calendario dei festival che si svolgeranno tra l’autunno 2014 e la primavera 2015, in partenza da Miami a bordo della Norwegian Pearl.

Il programma è in partnership con Sixthman, agenzia che si occupa dell’organizzazione di eventi musicali sul mare.

Norwegian_Pearl

Si tratterà di un festival galleggiante per ogni gusto musicale: gli ospiti potranno assistere alle performance di artisti quali gli Heart, i KISS, i 311 fino a Kid Rock.

Concerti-Kiss-Tour-Italia-2013 F8KIDROCK0716

La Norwegian Pearl si presta particolarmente ad ospitare eventi musicali di questo genere, grazie palco all’aperto e al ponte piscina.

Inoltre, la nave offre 13 bar e saloni, 19 esperienze culinarie, una piscina all’aperto, quattro vasche idromassaggio e un pluripremiato centro fitness e spa.

Norwegian Pearl

 

Gli ospiti che desiderano attività più movimentate, possono provare la parete da arrampicata esterna, giocare a bowling, a basket o tentare la fortuna al Pearl club casino.

 

31/07/2014  ore 12.15
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Holland America Line: ritorno alle Bermuda


Holland America Line, rappresentata in Italia da Gioco Viaggi Tour & Cruise Opeartor, dopo tre anni di assenza ritorna alle Bermuda con 6 crociere di 7 notti a bordo di Veendam operative a maggio, giugno e luglio 2015.

Roundtrip da Boston e scalo di 3 giorni e 3 notti ad Hamilton, la capitale di Bermuda per scoprire ognuna delle numerose e incantevoli spiagge, scandagliare i fondali corallini, giocare a golf o cricket.

HAL_VE_15_11_NL_Wereld_cruises_Hawai_16

 

Veendam ha una capacità di 1.350 passeggeri, la sua mid-size rende la nave ideale per le crociere a Bermuda, consentendo l’attracco ad Hamilton nel centro della città dove si trascorrono tre intere giornate per scoprire i negozi pittoreschi, lino irlandese, gioielli, arte locale, cristalli ed antichità e naturalmente, per acquistare l’articolo più ricercato, i famosi pantaloncini bermuda.

Verso sera, dopo la chiusura dei negozi, le lounge e i bar prendono vita.

 

31/07/2014  ore 12.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Concordia: immersione choc per i Vigili del Fuoco


Hanno trovato migliaia di anguille i vigili del fuoco che si sono calati fin dentro l’anima della Concordia, dove l’acqua traccia ancora il confine tra il relitto perduto e quello recuperato.

«Inquietanti» le ha descritte il funzionario Augusto Russo. E foriere di brutti pensieri e presagi.

Perchè laggiù c’è il corpo di Russel Terence Rebello da recuperare, a due anni e mezzo dal naufragio, e ci si chiede se si riuscirà a trovare ancora qualcosa.

diver620_2115046b

I pesci hanno divorato tutto, persino le fibre delle gomene e dei cordami, dei tessuti, dei cibi fuoriusciti dai depositi e dai frigoriferi, anche se centinaia di questi ultimi restano ancora da aprire, specialmente all’interno delle cabine: è lì che potrebbero nascondersi rischi batteriologici.

Contro questa eventualità già ieri i vigili si sono calati nei ponti con una tuta specialissima, adatta a fronteggiare persino le radiazioni nucleari.

«C’è melma ovunque. E porte abbattute, soffitti sventrati, oggetti accatastati e decomposti» riepiloga il vicecomandante Emanuele Gissi «Ci sarà molto da lavorare. Oggi abbiamo fatto una prima pianificazione».

Due squadre, una di otto e l’altra di quattro uomini, si sono alternate sulla nave.

La prima è scesa ai ponti tre e due, che non sono stati ispezionati dopo il rigalleggiamento, e quello che appare è un disastro.

700_dettaglio2_La-concordia-conclude-il-suo-viaggio--nel-porto-di-Genova-Reuters

Il ponte due è ancora semisommerso e, soprattutto, coperto da un metro di fango: c’erano le cabine più economiche per i passeggeri, le mense per il personale di bordo, il piano di carico delle derrate alimentari.

Più in basso, dove nella numerazione subentrano le lettere (a, b, c) la Concordia aveva il suo cuore nascosto, la sala macchine e gli alloggi dell’equipaggio. Lì dovranno intervenire i sommozzatori.

In coperta continueranno invece a lavorare i tecnici della Micoperi, ancora per qualche giorno, che lasceranno la nave pronta per lo stripping, cioè la spoliazione di tutto ciò che non è metallo (arredi, vetro, decorazioni, bottiglie, strumenti nautici eccetera), fra un paio di settimane: sarà affidato ai portuali della Compagnia Unica.

«Bisognerà stare attenti» avverte l’ingegner Francesco Filippone, anch’egli dei vigili del fuoco «perché i ponti sono estremamente scivolosi e insicuri».

Il lavoro della messa in sicurezza, che dovrebbe cominciare martedì, prevede un cantiere operativo nei ponti superiori e un cantiere cosiddetto di soccorso – si cerca un corpo – in quelli inferiori.

concordia

«L’acqua» spiega Gissi «ha devastato la struttura. Se pensiamo che un metro cubo equivale a una tonnellata, e pensiamo a quante tonnellate si sono mosse all’interno della nave durante il raddrizzamento, possiamo intuire facilmente quale sia la situazione, anche nelle parti che non abbiamo ancora visto».

L’impressione generale, nei vigili del fuoco, ha suscitato «tanta tristezza. Ci sono angoli che ancora richiamano la gioia di vivere e il divertimento, e altri completamente devastati. Chi ha visto il film Titanic può rendersi conto».

Fonte: The MediTelegraph

31/07/2014  ore 11.10
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Silversea Cruise, disavventura in Russia: proibito scendere in escursione


Gli ospiti della Silver Discoverer hanno visto proibirsi lo sbarco mentre si trovavano nella Bay of Providence in Russia.

Le ragioni esatte non sono ancora state rese note: al momento si sostiene solo che ai turisti inglesi, tedeschi, australiani e statunitensi a bordo della Silver Discoverer a Provideniya, è stato impedito lo sbarco e l’ordine sarebbe arrivato direttamente da Mosca.

information_items_1577

Il Siberian Times ha citato il tour operator Alexey Frolov, direttore generale della Rete del Pacifico,  che ha affermato che  “la maggior parte dei nostri ospiti sono Americani. Tutti i turisti possiedono i visti necessari e la crociera è stato concordata con il governo Russo.

“Ma nessuno dei passeggeri è potuto scendere a terra perché le autorità di frontiera non hanno consentito loro di farlo. Presumibilmente c’era un ordine da Mosca a non lasciare sbarcare gli stranieri dalla nave“.

inside_chukotka_on_the_map

Tutti i viaggiatori, la maggior parte dei quali aveva 70 anni, hanno visto turistico, secondo Frolov, ma l’FSB locale (servizio di sicurezza russo) non permetterà loro di entrare e hanno trascorso tutto il giorno a bordo.

Dalla sua il servizio stampa FSB, ha riferito il sito LifeNews, sostiene che le autorità di frontiera hanno agito secondo la legge, perché non c’erano i permessi rilasciati per i visitatori.

La nave ha chiesto il permesso di lasciare le acque della Federazione Russa, il che significava che il programma per i turisti è stato tagliato da quattro giorni a uno.

Chukotka – la parte del territorio siberiano che arriva quasi a toccare l’Alaska – ha lo status di una zona di confine e ci sono alcune limitazioni per gli stranieri.

Irina Nekrashevich, che si occupa degli affari legali per le crociere straniere, ha riferito a LifeNews “Per legge dobbiamo, per i passaggi nella zona di confine, preparare i documenti 60 giorni prima della data programmata per la visita. 

“Abbiamo fatto presentare i documenti in tempo, ma i passeggeri hanno detto che è stato loro negato l’accesso ai siti Chukotka solo al punto di arrivo a Providence Bay“.

Бухта Провидения

Irina Ryabukhina, capo della commissione Chukotka Sport e Turismo, ha dichiarato: “Allo stato attuale non è stato riferito il motivo per cui tale ordine è apparso“.

Il fatto è accaduto il 28 di Luglio. E’ possibile che il permesso negato alla Silver Discovery ( e ad altre navi nelle stesse giornate) sia dovuto ad una sorta di “ritorsione” a causa della diversa posizione sull’Ucraina tra Russia ed America.

A bordo erano presenti 85 passeggeri (su un max di 128).

31/07/2014  ore 10.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”