Costa Concordia: il D-Day il 20 luglio..al massimo


20 luglio, forse prima.

Ecco l’ultima data utile per Costa Concordia per lasciare l’Isola del Giglio con direzione ormai quasi certa Genova, aspettando l’ultima parola: quella del governo.

Engineers Attempt To Raise The Costa Concordia Cruise Ship After It Sank In 2012

 

Dopo il mancato accordo nella conferenza dei servizi per il no di Regione Toscana e Provincia di Grosseto che hanno spezzato l’ultima lancia a favore di Piombino, la Concordia, dopo l’ok del CDM potrà “salpare” verso il suo ultimo porto di arrivo per essere definitivamente smantellata.

Siamo in grado di farlo entro quella data“, ha detto il capo della protezione civile e commissario per la Concordia Franco Gabrielli incontrando la popolazione dell’ Isola. Ed ha chiuso ad ogni possibile ipotesi di rinvio: “”Questa nave un altro inverno non lo può sopportare”.

29558184_costa-concordia-il-relitto-sar-smantellato-nel-porto-di-genova-0

 

Gabrielli è stato anche chiaro : “L’allontanamento della nave deve avvenire senza soluzione di continuità dal rigalleggiamento, come indica la delibera del Governo” quindi nessuna pauusa, una volta in rigalleggiamento si parte subito direzione smantellamento.

Ciò esclude anche che la richiesta del governatore della Toscana Enrico Rossi di verificare lo stato di avanzamento dei lavori del porto di Piombino se possa essere pronto per settembre, possa anche solo essere presa in considerazione. Si evince dalle parole che non si può aspettare ulteriormente.

Certo è che la questione Concordia sia prettamente discussione politica: da una parte e dall’altra ci sono esternazioni di politici che esprimono perplessità sulla rotta Isola del Giglio-Genova, causa lunghezza rotta, causa rischio meteo, tra quelli citati da vari deputati ed ovviamente si fanno altri nomi di porti più vicini, come Piombino, Civitavecchia.

Concordia: continuano operazioni messa in sicurezza

Ma il sindaco del Giglio Sergio Ortelli spiega decisamente che “per noi la priorità rimane quella che la nave se ne vada dall’isola il prima possibile. Per questo in conferenza dei servizi abbiamo dato parere favorevole ponendo sempre al primo posto la riduzione dell’impatto sociale ed economico di questa brutta vicenda sulla nostra isola“.

Per fortuna le polemiche non sembrano influire sulla tabella di marcia delle operazioni, spiegate oggi al Giglio da Franco Porcellacchia, responsabile del progetto di rimozione di Costa Crociere.

La prima delle fasi previste è quella del rigalleggiamento parziale e dello spostamento del relitto, che con i rimorchiatori sarà dirottato circa 30 metri verso Est.

Quindi la Concordia sarà ormeggiata in sicurezza.

Solo allora saranno sistemati gli ultimi quattro cassoni sul lato di dritta e si passerà al rigalleggiamento vero e proprio.

L’espulsione dell’acqua dai cassoni avverrà progressivamente e la nave potrà partire.

 

27/06/2014  ore 13.00

“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...