Amburgo: il porto tra crociere e iniziative varie tra cui il battesimo di Mein Schiff3


La città di Amburgo negli ultimi anni ha aumentato esponezialmente il business del settore crociere: pensate che nel 2014 nella città anseatica si aspettano 187 approdi di navi da crociera e 600.000 passeggeri.

L’anniversario del porto, festeggiato nemmeno un mese fa, ha visto 12 navi da crociera visitare Amburgo e la prossima settimana “Mein Schiff 3” di Tui Cruises sarà battezzata in città.

MAW_04_001

 

Ulteriori occasioni di festa nel 2014 sono il 10 ° anniversario della visita inaugurale della “Queen Mary 2” nel mese di luglio e l’Hamburg Cruise Days nel mese di agosto.

Il senatore Frank Horch afferma che “L’intera economia di Amburgo ha beneficiato del notevole sviluppo delle crociere: i cantieri navali, le aziende fornitrici, le escursioni e i trasporti così come le società di catering e quella della sicurezza. Più di 1.400 persone contribuiscono al valore aggiunto creato dal settore con una stima di € 270.000.000 tutte per la città di Amburgo. Il Senato di Amburgo è intenzionato a mantenere questo sviluppo positivo e favorirne ulteriormente la crescita“.

Il porto di Amburgo

Il Senato ha deciso di istituire un ulteriore e incisiva iniziativa per le crociere, al fine di progettare e realizzare un ulteriore sviluppo strategico della posizione e tutte le azioni associate necessarie.

Si organizzeranno quindi delle misure e la coordinazione dei vari soggetti coinvolti, deve essere ottimizzata nell’ambito di un partenariato pubblico-privato finanziato da Hamburg Cruise Center e protagonisti locali.

Cruise liner 'MSC Magnifica' in Hamburg

 

Ciò includerà la messa in rete delle imprese settoriali. Inoltre, l’iniziativa cercherà inoltre di sostenere lo sviluppo di società con sede ad amburgo ma anche e soprattutto di attirarne di nuove.

Sarà favorito il tema della crociera sostenibile, la commercializzazione, la formazione e la qualificazione, nonché la promozione del turismo della città.

Al di là di questo, le autorità cittadine stanno investendo nelle infrastrutture necessarie per il terminal e hanno anche commissionato l’Autorità portuale di Amburgo per realizzare un terzo terminal crociere, in collaborazione con l’aeroporto di Hamburg GmbH.

hamburgi-kikoto-d0000D539862c73428bae

Sostiene il presidente di Hamburg Cruise Center, Dr. Stefan Behn: “Insieme con i suoi quasi 110 soci, nel corso degli ultimi 15 anni Hamburg Cruise Center ha sviluppato Amburgo, il centro di competenza marittima del settore delle crociere nel Nord, e ora abbiamo bisogno di unire le nostre forze e continuare a costruire su questo ”

L”istituzione di un “Cruise Office” è stato messa in gara d’appalto in tutta Europa. Di tutti i numerosi candidati idonei, è stata infine accettata l’offerta di un consorzio con esperienza nel settore, comprendente Hamburg Cruise Center e. V. e Uniconsult Universal Transport Consulting GmbH.

afp79741931804092822_big

Sostiene Gerd Drossel, ufficiale di crociera: “Con l’istituzione del Cruise Office, stiamo annunciando l’inizio di una nuova fase per la città di Amburgo, alla luce anche dei tassi di crescita notevoli. Lavorare all’unisono porterà risultati ancora migliori”.
Fonte: comunicato hamburgcruisecenter

 

07/06/2014  ore 23.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
Annunci

Costa Concordia: possibile rilascio idrocarburi a mare


Costa Crociere nel “Progetto di trasferimento e smaltimento” del relitto afferma che “si prevede possano avvenire rilasci a mare di acque interne, sostanze e preparati censiti all’interno e idrocarburi“, durante il trasferimento a Genova della Concordia anche se “l’impatto ambientale sarà di lieve entità,temporaneo e poco significativo“.

310x0_1402148654745_rainews_20140607152646562

Esiste una relazione ambientale legata al Progetto in cui si legge “Durante il trasferimento si prevede che in relazione all’assetto del relitto, alla velocità di rimozione e sulla base delle aperture presenti a scafo (oblò e zone danneggiate), possano avvenire rilasci a mare di acque interne al relitto, sostanze e preparati censiti all’interno della Concordia, idrocarburi“.

Secondo Costa, però, “in virtù delle misure di mitigazione che si prevede di adottare, si ritiene che l’impatto associato alla fuoriuscita di acque marine potenzialmente inquinanti, da prodotti e preparati chimici e da idrocarburi sia di lieve entità“.

++ Concordia: Costa, possibile rilascio idrocarburi a mare ++

 

In poche parole, si legge ancora, “si può ragionevolmente ritenere che gli impatti ambientali connessi al progetto di trasferimento del relitto della Costa Concordia al porto di Genova Voltri, possano essere considerati temporanei e poco significati“. Per la fase di trasferimento, le misure di “sicurezza” ambientale prevedono l’installazione di panne assorbenti attorno al relitto, trainate da due rimorchiatori.

Uno skimmer di recupero olio – si legge ancora nel progetto – verrà messo in mare da un terzo rimorchiatore all’apice dell’arco“.

E’ stata presa in considerazione anche l’eventualità di caduta in mare di materiali vari dall’interno della nave: il progetto prevede che venga tesa “una rete da pesca a poppa del relitto, mantenuta in tensione da due imbarcazioni dedicate“.

Allo stato attuale – si legge ancora nel rapporto di Costa – il porto di Piombino “non è idoneo a ricevere il relitto, né è dotato di un cantiere di demolizione” e i lavori non saranno completati “prima di fine settembre 2014“: “è pertanto da escludersi che il relitto possa essere portata a Piombino“.

Concordia: continuano operazioni messa in sicurezza

 

Proprio il fatto che non vi sia un cantiere, è una questione “rilevantissima” ai fini della valutazione finale, perché Piombino “non è stata in grado di dimostrare il possesso di alcuna certificazione relativa al cantiere né di poter garantire che una volta realizzato questo soddisferà i requisiti necessari“.

Ma in definitiva la proposta di Piombino, conclude Costa, era “meno vantaggiosa sotto il profilo economico” di quella presentata da Genova ed ecco perchè è stata scartata.

 

07/06/2014  ore 22.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Venezia: No Grandi Navi blocca crocieristi


Si sono vissuti momenti di tensione nel primo pomeriggio di oggi a Venezia a causa della manifestazione del comitato No Grandi Navi, che continua a ribadire la necessità di allontanare le navi di crociera dalla città veneta.

60ad8de8eb8b966a1e898c89b6d5ba3c-1024x678

Secondo i manifestanti, circa 2000 persone, da Piazzale Roma fino alla Stazione Marittima, si son mosse con l’obiettivo di impedire ai passeggeri di imbarcarsi sulle navi da crociera in partenza nel pomeriggio.

VENEZIA: NO GRANDI NAVI,CORTEO ACQUEO E PROTESTA A SAN MARCO

Dal corteo si è anche staccato un gruppo, quello degli Antagonisti, che ha ‘sigillato’ con reti da cantiere la cabina di partenza del people mover, il trenino che porta i turisti direttamente dal centro al terminal crociere.

VENEZIA: NO GRANDI NAVI, MANIFESTAZIONE IN LAGUNA

 

Tutti gli altri manifestanti si sono insediati invece davanti ai cancelli della Stazione Marittima, bloccando gli ingressi.

Il consigliere comunale Beppe Caccia, che partecipava alla manifestazione racconta che “In quel momento è successa una cosa molto grave, perchè, nonostante si sapesse da settimane dell’iniziativa, Venezia Terminal Passeggeri e Cruise Venice hanno fatto giungere come niente fosse sino ai cancelli decine di crocieristi con i loro trolley. Turisti che, ovviamente, non sono stati fatti passare“.

BUrKobCCcAI_iAO_1

 

Il blocco si è cercato di aggirarlo con l’arrivo di pullman al Tronchetto per portare i crocieristi con delle lance direttamente dentro la Marittima, ma anche questo tentativo è andato a vuoto, per il rammarico di chi si doveva imbarcare.

 

07/06/2014  ore 22.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

Princess Cruises: donati $832.000 all’American Heart Association


Princess Cruises ha consegnato un assegno per l’American Heart Association (AHA) per un totale di 832 mila dollari, il risultato della raccolta fondi della compagnia lo scorso febbraio, nella crociera dedicata a sostenere la salute del cuore.

La crociera è stata completamente incentrata e costruita ad hoc intorno a questa causa e faceva parte del programma della società “Cruising for a Cause”.

cfac_header_aha

Secondo la Princess Cruises, i fondi sono stati raccolti da una porzione di prezzo della crociera di ogni ospite e di un importo corrispondente al 100 per cento dalla linea di crociera.

Siamo lieti di aver presentato una tale esperienza di crociera, perchè siamo convinti che raccogliere fondi per educare e fornire risorse per combattere le malattie cardiache,  principale causa di morte negli uomini e donne negli Stati Uniti, possa essere importante per tutti noi“, ha detto Jan Swartz, presidente della Princess Cruises.

“Sosteniamo l’American Heart Association, perché abbiamo a cuore la salute e il benessere dei nostri dipendenti e dei nostri clienti: è stata una grande collaborazione“.

37909e267958764893f5595c057acd43

Questa crociera speciale, che è stata organizzata non a caso il giorno di San Valentino a bordo di Ruby Princess, comprendeva una serie di attività e di opportunità didattiche incentrate su un modo di vivere sano per il cuore, l’insegnamento della tecnica per la RCP (rianimazione cardio-polmonare); seminari su come gestire al meglio lo stress, la dieta e l’esercizio fisico; esperienze di vita di coloro che avevano superato la malattia cardiaca; stand per la misurazione della pressione sanguigna gratuiti;  una raccolta fondi sulla passeggiata sul ponte, dopo la maratone del cuore.

L’American Heart Association è estremamente grata alla Princess Cruises e agli ospiti a bordo della crociera del Cuore per averci aiutato ad aumentare la consapevolezza in merito alle malattie cardiache e all’ictus“, ha detto Al Royse, presidente di American Heart Association “Grazie alla loro generosa donazione, siamo in grado di aiutare ancora di più le persone a migliorare il loro cuore e la salute del cervello“.

photo-21-300x225

Una scaletta di ospiti speciali sulla crociera comprendeva un chirurgo di fama cardiaco, un celebre chef, un esperto di fitness, un premiato autore, un quattro volte campione del Super Bowl, e anche Bernie Kopell, l’attore che interpretava il medico in televisione nella serie Love Boat. I festeggiamenti hanno raggiunto il clou con una festa, il Ruby Red Gala, con il  rinnovo dei voti e la cerimonia di nozze di una coppia che era stata colpita proprio da una malattia cardiaca.

Questa crociera è stato il secondo viaggio di raccolta fondi della società.

Princess Cruises già raccolto 600.000$ per i veterani lo scorso novembre a bordo di Caribbean Princess, con le donazioni fatte a Operation Homefront e al Vietnam Veterans Memorial Fund.

 

07/06/2014  ore 00.40
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

 

Royal Caribbean: Kristen Chenoweth nominata Entertainment Advisor


Royal Caribbean International ha annunciato che sta “tirando fuori il meglio delle offerte di intrattenimento per le sue navi più recenti, Quantum of the Seas e Anthem of the Seas, con un occhio attento a spingere sempre più in là i confini e introducendo nuovissime innovazioni che non sono mai state viste nè in terra nè in mare.

quantum-arm1

La linea di crociera ha collaborato con alcune delle menti più creative e di talento del settore che stanno prestando tutta la loro competenza, compresa la madrina di Quantum of the Seas, Kristin Chenoweth, che è stata nominata Quantum Experience Advisor for Entertainment.

Chenoweth si unisce ad una equipe di consulenti che stanno lavorando con Royal Caribbean per garantire che i servizi e le attività di bordo siano a dir poco stupefacenti:  tra di loro Genevieve Gorder la star della HGTV e interior designer , Dhani Jones, atleta e avventuriero e lo chef Michael Schwartz, vincitore del James Beard Award.

kristin_chenoweth

Vincitrice di Emmy e Tony award, Chenoweth porta una prospettiva preziosa nel suo ruolo di consulente per l’intrattenimento: ha avuto infatti l’opportunità di partecipare ad un comitato di revisione esecutivo, visualizzando in anteprima i concetti per tutti gli spettacoli, le produzioni e gli eventi a tema in fase di sviluppo, e fornendo un feedback su ogni aspetto che va dal set e musica, ai costumi, al casting e altro ancora.

Chenoweth, accanto a Nick Weir, vice president of entertainment, ospiterà un live di Google Hangout Mercoledì 11 giugno 2014 alle 16:00 locali, per rivelare in anteprima la scaletta di offerte di intrattenimento a bordo della Quantum.

Media e consumatori potranno avere anche la possibilità di porre delle domande a Kristin e Nick in diretta.

 

07/06/2014  ore 00.15
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”