Per i 5 morti della Thomson Majesty il rapporto dice : «Scarsa manutenzione»


Era accaduto al largo delle Canarie l’incidente: i membri dell’equipaggio della Thomson Majesty erano occupati in un esercitazione d’emergenza del personale di bordo.

Thomson Majesty Canary Islands

Qualcosa non funzionò quel 10 febbraio: a circa 20 mt dall’acqua, il cavo della scialuppa si spezzò,  provocando il ribaltamento della scialuppa e  la conseguente caduta di cinque marinai, rimasti intrappolati sotto la scialuppa.

Son passati quattro mesi e l’ inchiesta da parte delle autorità maltesi, incaricate di investigare, ha stabilito la causa, dovuta alla scarsa manutenzione, in particolare per la “mancanza di lubrificante, l’utilizzo di un grasso non adeguato e la ruggine che aveva ormai corroso i meccanismi“.

Per i 5 morti della Thomson Majesty il rapporto dice : «Scarsa manutenzione»

«Abbiamo aumentato i controlli e stretto le verifiche sui nostri sistemi» ha detto un rappresentante della Thomson Cruise, rinnovando anche la vicinanza della compagnia ai parenti delle vittime dell’incidente.

14/05/2014  ore 23.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

Pullmantur: come Iberocruceros rischio chiusura


Non è una bella settimana per le crociere che parlano lingua spagnola.

PULLMANTUR_nuevo_logo

Prima l’annuncio partito dalla stampa tedesca che aveva riportato una dichiarazione dell’amministratore delegato di Costa Crociere, Michael Tamm, secondo cui il marchio spagnolo di Carnival, Iberocruceros, è destinato a sparire entro il 2014.

859342_aa6c8a8a61b444d3bfb518c3ef7f2aae

Oggi, secondo sempre indiscrezioni, anche il marchio Pullmantur potrebbe essere cancellato.

Il prossimo 20 maggio durante il consiglio direttivo del gruppo, il marchio delle crociere spagnole, che  fa parte del gruppo Royal Caribbean dal 2006, vedrà svelato il suo futuro.

14/05/2014  ore 22.45
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

Costa Crociere: nel Cda di Stazioni Marittime Genova


L’amministratore delegato della Stazioni Marittime Genova, Edoardo Monzani, ha annunciato, al termine dell’assemblea degli azionisti, che Costa Crociere entra nel Cda della Società con Roberto Alberti.

logo_Costa_Crociere

Costa Crociere ha aderito due anni fa all’acquisto di quote di Finporto – ha annunciato Monzani – salendo al 13,28%, e ha avuto, quindi, il diritto di nominare un proprio membro all’interno del cda“.

Per Luigi Merlo, Presidente di autorità Portuale di Genova, è davvero un buon segnale.

merlo-560x256

 

Il rafforzamento con Costa è importante sia per la compagnia che per tutto il mondo Carnival – spiega Merlo – Il gruppo utilizza lo scale genovese in maniera molto positiva.

Costa ha scelto di varare Diadema, il 7 novembre a Genova.

Sono tutti segnali positivi per una società che ha sede a Genova ma che ha una regia ligure, con l’home port a Savona e lo scalo a La Spezia e rappresenta un’eccellenza nell’economia del paese“.

 

14/05/2014  ore 22.30
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

Costa Crociere: su Costa Luminosa premiate oltre 60 ADV


All 21° edizione de “I protagonisti del Mare”, Costa Crociere ha premiato oltre 60 agenti di viaggio italiani.

I-Protagonisti-del-Mare-2014-Costa-Crociere

1.700 agenti partner di Costa Crociere provenienti da Europa, Asia, e Africa, sono stati ospitati dalla compagnia del gruppo Carnival a bordo di Costa Luminosa, in quello che ormai è un evento atteso da tutti gli addetti al settore.

Palco-2

Anche quest’anno la manifestazione si è svolta a bordo di una nave della flotta, quest’anno la Luminosa, e, nel corso di una minicrociera, dall’11 al 14 maggio, il team di Costa ha incontrato i migliori adv che hanno ricevuto anche quest’anno i trofei, disegnati appositamente per questo evento,  che riproducono la classica “C” di Costa con un delfino, simbolo della manifestazione.

I_protagonisti_del_Mare_2012

 

«Si tratta di un evento unico nel settore – spiega l’amministratore delegato di Costa Crociere  Michael Thamm – fondamentale per confrontarsi. Nel settore non c’è business senza adv».

Michael-Thamm-Costa-Crociere

Photocredit: dreamblog

 

 

Costa Crociere anche quest’anno ha premiato tra gli adv del Nord, Centro, Sud Italia ed Isole chi si è distinto per il fatturato, ma anche i network, chi  si è dedicato ai gruppi, ai viaggi di nozze ed anche alle iniziative sociali.

I complimenti dalla redazione a tutti 🙂

 

14/05/2014  ore 18.00
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”

 

 

Royal Caribbean: wifi superveloce, una vera rivoluzione a bordo


L’effetto wi-fi superveloce contagia anche le connessioni di bordo: e sarebbe ora aggiungiamo noi!

In un futuro prossimo le offerte sulle crociere si giocheranno sull’offerta a bordo di connessioni superveloci al web, e wifi.

royal_caribbean

 

E’ ciò che ultimamente lamentano gli ospiti a bordo e anche i nostri lettori: durante una crociera la possibilità di collegarsi al web è ancora ancorata all’età della pietra, con connessioni lentissime e costosissime, che non sempre “reggono” e molto spesso si consuma il credito solo per una connessione scarsa.

Ora il wifi e le connessioni veloci diventeranno una vera e propria miniera per il marketing e finalmente ci si potrà collegare senza troppi pensieri col tablet o con lo  smartphone.

wifi_area_arancio+

Ma soprattutto tutti in tempo reale, potranno caricare sui social immagini e video del loro viaggio, in un esponenziale ritmo di visibilità, taggando gli amici ma soprattutto le società, in un vorticoso “giro” pubblicitario gratuito, una vera miniera per il marketing.

Un giga al secondo: è quello che promette sui media americani Bill Martin, vp e chief information officer di Royal Caribbean, che sta testando su Oasis of the Seas «un sistema wifi assolutamente rivoluzionario, totalmente diverso da quel che abbiamo fatto prima, sia noi che chiunque altro nell’industria».

630x355

 

Qualcosa che lo stesso Richard Fain, chairman e ceo del gruppo, ha già definito transformational più che semplicemente innovativo.

«La nostra antenna è costruita appositamente per noi. Mentre i nostri competitor stanno testando sistemi da 100 mega al secondo, noi ne stiamo testando uno cento volte più veloce, da oltre un giga al secondo, con latenza ridotta da 800 a 120 millisecondi. Perché utilizziamo quattro satelli O3b lanciati nel 2013, che stazionano su un’orbita molto più vicina alla Terra rispetto agli altri. Così la connessione su Oasis è molto più veloce di quella che ho nel mio ufficio».

Richard Fain_Chairman e CEO Royal Caribbean Cruises Ltd

Richard D. Fain

 

 

Nuovo anche il software che consentirà agli ospiti di RCCL di entrare in rete, anche a migliaia alla volta: «Perché è software-as-a-service – ha spiegato Martin – ossia che si utilizza nel cloud, non avremo server sulle navi ma a terra, dove gestiranno connettività e pricing. E non avremo tariffe a tempo ma al giorno o per settimana. Il che è un cambiamento sostanziale nella nostra industria». Che significa, come ha anticipato Martin, circa 179 dollari per sette giorni, oppure tra 49 e 59 dollari al giorno, secondo il tipo di crociera. «È molto più di quel che chiederebbe un resort a terra – ammette Martin – ma noi dobbiamo usare i satelliti, il che moltiplica la capacità per gli ospiti, ma anche i nostri costi».

Le potenti antenne vengono installate anche su Allure of the Seas, e tutte e due le unità offriranno la connessione super veloce da agosto di quest’anno, quando O3b Networks – la rete di Harris CapRock che è partner  di RCCL per le TLC – avrà lanciato dalla Guiana francese altri quattro satelliti, anche questi prodotti da Thales Alenia Space di Roma.

17311

 

Il sistema è già in test su Oasis, offerto gratuitamente a un selezionato gruppo di ospiti.

La differenza con il passato, dicono da Royal Caribbean, sarà chiara ai repeater. Mentre i ragazzi che salgono a bordo per la prima volta troveranno che sia tutto normale, non si renderanno conto di quanto lavoro c’è voluto per offrire loro la rete wifi e così veloce.

«Ma la gente vuole essere connessa – dice Martin – e più che mai quando è in vacanza, che è proprio il momento che ognuno vuole condividere sui social, in tempo reale, mentre si vive proprio quell’esperienza entusiasmante. Condividere una settimana dopo sarebbe storia antica».

 

 

 

14/05/2014  ore 14.10
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.”
www.royalcaribbean.it