Costa Crociere: di nuovo a Cagliari nel 2015


Costa Crociere finalmente torna a Cagliari nel 2015.

E’ adesso ufficiale che la compagnia farà tappa nel capoluogo sardo con Costa Fortuna nel periodo compreso tra l’8 aprile e il 13 maggio.

costa_crociere_di_nuovo_a_cagliari_in_arrivo_la_fortuna_e_la_favolosa-0-0-399503

 Tra il 16 settembre e il 18 novembre sarà invece Costa Favolosa ad attraccare nel sud Sardegna.

Un lungo periodo d’assenza per Costa durato un intero anno: a parte l’episodio dello scorso 5 marzo con la Serena, tra parentesi fortuito, dovuto alle avverse condizioni del mare che ha costretto al nave a riparare nel tranquillo porto di Cagliari, il nome Costa è totalmente scomparso nella lista degli arrivi.

E si ricomicia con l’interporting, cioè la possibilità di imbarcarsi dal porto di Cagliari per i turisti sardi, ma non solo.

22/11/03 GENOVA. Battesimo della m/n costa fortuna.  - foto luca zennaro/ansa -

In passato si sono create diverse opportunità grazie anche ai collegamenti aerei studiati ad hoc: in questo modo chiunque abbia scelto la Sardegna come base di partenza, ha avuto la possibilità di abbinare il volo all’imbarco nel capoluogo.Notevole in questo senso anche il lavoro sul nuovo collegamento ferroviario che porta i turisti direttamente al porto.

E’ stato tuttavia chiaro che la cancellazione del porto di Cagliari, ma non solo, sia stato dovuto anche alle esigenze della compagnia di diversificare le proprie offerte ai clienti. 

 

 

 

24/04/2014 ore 23:15
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.

Norwegian Epic: aggiunte due partenze da Southampton per l’autunno 2015


Norwegian Cruise Line ha annunciato oggi che la Norwegian Epic ha aggiunto due partenze da e verso Southampton , in Inghilterra, nel 2015 . La Norwegian Epic torna così per la prima volta nel porto inglese dopo la celebrazione inaugurale del giugno del 2010.

norwegian-epic

Sono previsti due itinerari: un itinerario di sei notti e uno di sette notti verso la penisola iberica. Nell’itinerario di sei notti la Epic salperà da Barcellona il 20 settembre 2015 e arriverà a Southampton il 26 settembre 2015 , toccando anche i porti di scalo di Cartagena , in Spagna, di  Granada ( Málaga ) , Spagna e di Lisbona , in Portogallo.

img_3193

Dopo un dry dock di 15 giorni in Francia , la Norwegian Epic partirà per la crociera di sette notti nella penisola iberica, da Southampton a Barcellona, il 11 ottobre, 2015. I porti di scalo previsti in questo caso sono Vigo, in Spagna, Lisbona in Portogallo, Granada ( Malaga ) e Cartagena , in Spagna.

1379511656000-Norwegian-Epic

All’inizio in aprile 2015, la Epic sarà tutto l’anno a Barcellona, suo homeport europeo, con crociere di sette notti nel Mediterraneo occidentale durante la stagione estiva e 10 notti nelle Isole Canarie e in Marocco e 6, 10 , 11 – o 12 notti negli itinerari del Mediterraneo occidentale durante la stagione invernale nel 2015 e nel 2016.

 

Fonte: Norwegian Cruise Line

24/04/2014 ore 22.30

Cure mediche a bordo di una nave da crociera: un salasso, senza assicurazione adeguata!


Ormai da qualsiasi compagnia di crociera ci si aspetta di tutto e di più: dagli chef superstellati, star a livello mondiale che cantano a bordo, giochi stratosferici, intrattenimenti da paura, cabine che sono meglio di un hotel 5*.

Ciò che tuttavia sfugge a molti è tutto ciò che concerne le strutture mediche presenti a bordo.

Medevac

Forse per non rovinarsi l’idea di una vacanza meravigliosa nei presupposti, oppure per scaramanzia o perchè tanto ” a me non capiterà mai”: ecco una percentuale altissima di chi prenota una crociera non legge minimamente ciò che concerne le strutture mediche di bordo.

Esse sono in genere abbastanza piccole, dotate di una piccola farmacia che ha giusto l’essenziale ( a pagamento ovviamente!), e se va bene dotate di un’apparecchiatura per i raggi x e di strumentazione per semplici esami del sangue.

Certamente non sono pronte per grandi traumi o per esami del sangue particolari o ancora per la diagnosi o la cura di malattie particolari.

Vi forniamo sette punti da tenere a mente quando prenotate una crociera, suggeriti da chi per decenni ha solcato i mari di tutto il mondo affrontando ogni genere di emergenze in mare, cioè i medici di bordo.

 

1 . La nave da crociera non è il vostro ospedale locale

GC_IM_Cp806_Motovedetta
Molte navi hanno un medico a bordo addestrato in medicina d’emergenza ma non necessariamente è così.

Secondo il diritto marittimo internazionale , essi non sono tenuti ad avere un membro dell’equipaggio con la formazione medica sufficiente.

Le strutture mediche sono generalmente più come una infermeria.

Potreste trovare un ventilatore ( AMBU – Auxiliary Manual Breathing Unit-  in gergo) e una piccola macchina a raggi X e il medico può essere in grado di eseguire semplici esami di laboratorio per verificare la presenza di infezione o di livelli di elettroliti o di zucchero nel sangue .

Ma non c’è unità di terapia intensiva , o banca del sangue ( anche se generalmente la crew di bordo è “mappata” e i gruppi sanguigni son consultabili in un database ed è possibile che, in caso di emergenza, sia chiesto di fungere da donatori se un passeggero o uno stesso membro dell’equipaggio, ha bisogno di una trasfusione ) .

 

2 . In una situazione di emergenza , si può essere da soli

2-23122003-2

Ovunque ci rechiamo, siamo abituati a ricevere cure mediche, ma questo non è purtroppo il caso quando ci si trova in alto mare.

Certamente un trattamento di base non si nega a nessuno: si è in grado di mettere dei punti e anche di infondere dei liquidi se necessario, ma tutto ciò che è ritenuto dal medico di bordo più serio DEVE essere trattato a terra, nello scalo successivo o , se non si può attendere troppo e c’è un’emergenza estrema, tramite trasbordo in elicottero al più vicino ospedale.

Ciò significa anche che, se ci si trova nelle vicinanze di nazioni che non offrono gli standard a cui siamo abituati, si potranno affrontare disagi notevoli, dalle distanze per raggiungere il primo ospedale disponibile, a cure mediche non adeguate perchè magari carenti di attrezzature specifiche.

A questo si deve aggiungere il costo di rientro in Patria, a casa propria o presso una struttura più adeguata.

Cosa succede ad esempio se si è colti da un infarto o da un attacco di appendicite? Il medico di bordo informa immediatamente le autorità a terra, cioè la Guardia Costiera, che in quel momento potrebbe non avere velivoli a disposizione ( in questi casi estremi la priorità viene affidata a veicoli veloci come elicotteri), oppure potrebbero non poter decollare per maltempo ( la Guardia Costiera in questo caso può decidere o meno se prendersi la responsabilità di far alzare in volo o meno un elicottero).

Anche in acque calme , se la nave si trova a 500 miglia o più lontano dalla riva , è possibile che la Guardia Costiera non possa intervenire.
3 . Preparatevi al conto finale

head-car-medical

 Photocredit: Costa Crociere

Lo abbiamo scritto e riscritto nei nostri consigli per i viaggi : è SEMPRE necessario leggere con molta attenzione le clausole della compagnia di assicurazione sanitaria prima di salpare!

Perchè è da pazzi non sottoscriverne una al momento della prenotazione, solo per risparmiare pochi euro!

Alcune assicurazioni non coprono servizi medici a bordo, o perlomeno hanno limiti di spesa bassi o non adeguati a determinate situazioni.

Quale può essere la conseguenza della mancanza di polizza assicurativa o di polizza non adeguata??

Un salasso vero e proprio: molto spesso non si ha una minima idea dei costi dei servizi medici a bordo!

Un esempio: una chiamata in cabina del medico per un semplice, chessò, mal di pancia, può costarvi anche 90 euro, se in notturna anche di più!

Pensate dunque quanto possa costare un trasbordo in elicottero o il ricovero presso una struttura esterna!

Non è raro vedersi presentare conti da 25.000 euro (ma in rete si trovano anche cifre che si aggirano intorno ai 50.000, dipende dalla distanza e dalla nazione) in questi casi così estremi, o comunque ricevuti in paesi esteri dove l’assicurazione sanitaria costa e qualunque semplice analisi debba essere pagata profumatamente!

Un’assicurazione sanitaria di viaggio adeguata ( con un ottimo massimale) è la miglior protezione contro tutti i mali.

Vi suggeriamo anche di confrontare vari preventivi, non accettate senza controllare (anche perchè dovete firmarla per sottoscriverla!) l’assicurazione suggerita dall’agenzia di viaggi o dal tour operator che opera la vostra crociera.

Alcune assicurazioni di base per esempio potrebbero non includere l’evacuazione di emergenza (forse la più costosa in assoluto).

 

4 . La nave non è una farmacia

medical-02

 Photocredit: Costa Crociere

Nella maggior parte delle navi le farmacie di bordo hanno la prescrizione di farmaci comuni a bordo , ma non si può contare solo sulla presunzione che essi siano disponibili, perchè così potrebbe non essere.

Come già specificato in altri nostri articoli, è sempre meglio portarsi dietro le medicine che di solito si ha necessità di prendere, e di essere sicuri di portarsene il numero corretto rispetto ai giorni passati in mare.

Oltretutto in nave vi verrà venduto a prezzo intero, non potrà essere scaricato sull’assicurazione (aspirine, bende, cerotti ad esempio).. quindi perchè rischiare?

Il nostro solito consiglio è , prima di partire, di annotare il marchio e nomi generici dei farmaci (se possibile anche il principio attivo, dato che alcuni medicinali in altri paesi hanno un nome differente) , il dosaggio e la frequenza di dosaggio, e di tenere sempre la lista con voi:  in caso di necessità è davvero più semplice .
5 . Una crociera non è adatta per la convalescenza

Christoph2-innen

Photocredit: Christoph2-innen

Prendersi del tempo per riposare e coccolarsi dopo un intervento chirurgico o una grave malattia è una buona idea , finché si rimane sulla terra ferma .

Ricordate solo un dato: in genere un convalescente su cinque hanno piccoli problemi entro 30 giorni dalla dimissione e di certo, essere in mezzo al mare ai Caraibi, lontano da tutto e da tutti, non è proprio la cosa ideale!!

Lo stesso vale per le persone che hanno una convalescenza a lungo termine che richiede una rigorosa gestione medica, come ad esempio chi ha bisogno di un trattamento di dialisi..poche Compagnie di crociera* recentemente si sono dotate di una sala dove è possibile effettuare in tutta sicurezza la dialisi, con personale specializzato, permettendo così anche a queste persone di poter gioire dei piaceri di una crociera.

 

6 . La crociera può mettere a rischio la salute

2-23122003-2
A bordo di una nave da crociera possono verificarsi episodi di epidemie, come quelle di Norovirus e la cinetosi.

Quello che tutti non sanno è che sono molto più comuni i casi di problemi cardiaci, dai più soft ai più gravi, raggiungendo una percentuale che varia dal 12% al 18%, secondo un’indagine americana.

Oltre a questi sono molto frequenti le cadute: ognuno di noi può inciampare, non far caso ad un pavimento bagnato o saltare un gradino, ma pensate le persone con deambulazione critica, che magari utilizzano un bastone o una sedia a rotelle, per loro ponti bagnati , mare mosso , e il famoso bicchiere della staffa anche occasionale, può essereil preambolo di un disastro!

Moltissimi studi evidenziano come i periodi festivi i più critici per il più alto rischio di morte cardiaca improvvisa: immaginate sopra una nave da crociera, dove è possibile mangiare abbondantemente 24/7 , buffet e abbondanti quantità di alcool a disposizione..tutti punti a favore di indigestioni e problemi cardiaci.

Grandi quantità di cibo e alcool possono scatenare sostanze che possono causare un anormale ritmo cardiaco, risultando fatali. La maggior parte dei decessi a bordo delle navi sono per problemi cardiaci  e la maggior parte delle navi sono dotate di un obitorio dedicato.

 

7 . È possibile citare in giudizio la linea di crociera , ma generalmente si perde

p1030130
I tribunali hanno stabilito in una marea di azioni giudiziarie nei loro confronti, che una linea di crociera non può essere ritenuta indirettamente responsabile per la negligenza del medico di una nave  e che ” una nave da crociera non è un ospedale galleggiante ” .

Per la sorpresa di molti passeggeri, non è quasi mai stata riconosciuto responsabile il medico di bordo per problemi di salute non risolti o finiti addirittura in decessi.

In una nave da crociera, il medico di bordo molto spesso o quasi sempre è “un imprenditore privato e nessuna linea di crociera si assume la responsabilità delle sue azioni“, come molte volte è stato dichiarato dalla Corte Suprema della Florida, che ha più volte trattato il problema.E’ vero che ogni nazione ha le sue leggi, ma in ogni caso possiamo star sicuri che tutte le compagnie di crociera abbiano dalla loro tutti gli strumenti possibili per tutelarsi al 100% dalle denunce giornaliere di passeggeri infuriati e delusi: passeggeri che semplicemente non avevano speso pochi euro o dollari in più per proteggersi al 100% con un’assicurazione medica “all inclusive”.

In Italia con l’entrata in vigore del decreto ministeriale del 13 giugno 1986, il servizio medico di bordo è diventato obbligatorio anche sulle navi della marina mercantile italiana, addette alla navigazione nel mare Mediterraneo, che siano:

  • navi maggiori destinate al servizio pubblico di crociera;
  • navi traghetto, abilitate al trasporto di 500 o più passeggeri, in servizio pubblico di linea la cui durata, tra scalo e scalo, sia pari o superiore a 6 ore di navigazione.

Alcune compagnie che operano con navi da crociera imbarcano il medico di bordo che presta assistenza ai passeggeri quale libero professionista e non quale didipendente della Società. Il ricorso alle prestazioni del medico di bordo è quindi volontario e il relativo compenso è a carico del passeggero.

 

Viaggiare è bello, fa bene all’anima e allo spirito ma gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo e sebbene si speri sempre che tutto proceda per il meglio, tutelarsi non costa davvero così tanto!

Perciò, vi invitiamo SEMPRE a leggere i diritti dei consumatori sulle navi da crociera e a sottoscrivere un’assicurazione adeguata .

 

*

  • Costa Crociere organizza ogni anno un tot di crociere con vari itinerari, imbarcando personale medico specializzato ed attrezzature mediche specifiche.In queste crociere per gli Ospiti in dialisi il soggiorno è curato nei minimi particolari: a bordo l’ospedale e la direzione sanitaria lavorano a stretto contatto con il personale specializzato per garantire agli Ospiti il massimo dell’assistenza e ridurre al minimo l’impatto delle cure durante la vacanza. 

 

  • La MSC Crociere riserva a bordo delle proprie navi uno spazio dedicato alla sala di dialisi.

 

  • Princess Cruises si riserva il diritto di autorizzare l’imbarco a bordo di passeggeri sottoposti a dialisi peritoneale, nel caso siano rispettati i requisiti richiesti. L’approvazione per l’imbarco sarà valutata caso per caso, posto che il passeggero sia stabilizzato tramite trattamento operato per proprio conto a domicilio, per un periodo minimo di 18 mesi.

 

Fonti: liberamente ispirato alle linee guida di Ross Klein, Ph.D., autore di “Paradise Lost at Sea: Rethinking Cruise Vacations.” 

 

24/04/2014 ore 18.20
“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.

Grimaldi Lines: torna la Dance Fit Cruise


Anche nel 2014 l’estate di Grimaldi Lines sarà all’insegna del fitness: dal 19 al 22 luglio torna Grimaldi Dance Fit Cruise, il grande evento dedicato allo sport, al relax e al benessere.

Dal 19 al 22 luglio l’ammiraglia Cruise Roma, in navigazione tra Civitavecchia e Barcellona, ospiterà infatti la quarta edizione di Grimaldi Dance Fit Cruise: un evento di 4 giorni, organizzato stavolta in collaborazione con Never Give Up Fit e interamente dedicato allo sport, al relax e al benessere, con lezioni teoriche e pratiche a cura di master trainer di fama internazionale.
CFC_Grimaldi_Foto_Cruise_Roma_in_navigazione_3
A bordo tutti potranno prendere parte ad entusiasmanti sessioni di aerobica, pilates, zumba fitness, yoga, ginnastica posturale e molto altro ancora sotto la guida dei presenter più noti a livello internazionale: tra questi spiccano senza dubbio l’americana Jill Cooper – la personal trainer dei vip – e il brasiliano Reidel Duran Leon, che travolgerà il pubblico con il ritmo della zumba fitness.
Sono previsti inoltre stage di danza moderna video dance, hip-hop, danza classica e passo a due, con la supervisione del coreografo Franco Miseria, che ha fatto la storia della danza italiana.
Grimaldi-Fit-Cruise-2012
Al termine degli allenamenti, sarà sempre possibile partecipare al programma di svago proposto dagli organizzatori e rilassarsi presso il centro benessere della nave, che offre idromassaggio, sauna, bagno turco e ogni tipo di trattamento estetico.
Nei quattro giorni di viaggio la nave Cruise Roma ospiterà inoltre la Convention promossa e gestita dalla Federazione Group Cycling, che quest’anno è partner della Grimaldi Fit Cruise. A questa iniziativa prenderanno parte i nomi più noti dell’indoor cycling.
A Barcellona, i partecipanti avranno a disposizione una serata e un’intera giornata da dedicare alla scoperta dell’affascinante metropoli catalana, inondata dal caldo sole estivo e animata dalla movida notturna.
Dal porto di Barcellona sono infatti facilmente raggiungibili sia il Port Vell con la sua schiera di ristoranti e locali notturni, sia le famosissime Ramblas, vero cuore della città, con il pittoresco mercato della Boqueria e i tanti artisti di strada che le popolano.
1960127_558246070949265_39841201_n
Le quote di partecipazione partono da 265 euro a persona (210 euro a persona per prenotazioni effettuate entro il 15 maggio).
La tariffa comprende: viaggio a/r da Civitavecchia a Barcellona con sistemazione in cabina quadrupla interna, pernottamento a bordo durante la sosta nel porto di Barcellona, 3 prime colazioni, 2 pranzi e 2 cene presso il self-service di bordo, sessioni e corsi come da programma.
E’ possibile un veicolo al seguito al costo di 40 euro, ma senza possibilità di sbarcarlo a Barcellona.
L’ammiraglia Cruise Roma è una unità di ultima generazione ed è la location ideale per questo tipo di iniziativa.
E’ infatti dotata di centro benessere con palestra, bagno turco e idromassaggio, e di uno spazioso ponte piscina con tanto di solarium per rilassarsi al sole del Mediterraneo.
torna-a-settembre-la-nave-del-fitness-L-r6up7C
La nave dispone inoltre di cabine e suite elegantemente arredate, ristorante panoramico con una ricca proposta di specialità italiane e spagnole, Smaila’s Club con i suoi ampi spazi dedicati ogni sera alla musica dal vivo, casinò con roulette e slot-machine e discoteca per i più nottambuli.
Per ulteriori informazioni : www.grimaldifitcruise.com
Fonte: comunicato stampa Grimaldi Lines
24 Aprile 2014 15:20

 

Regal Princess ormai quasi pronta al debutto


La Regal Princess, la nuova nave di Princess Cruises, ha compiuto un’altra tappa importante nella preparazione per il suo debutto il 20 maggio, con il completamento delle sue prove in mare.

vcsprasset_515440_109102_4cef02b8-681f-4d42-ae6c-8dd73c2878f8_0

La nuova nave da crociera, costruita presso i cantieri navali Fincantieri a Monfalcone, Italia,  è stato sottoposta ad una serie di manovre per testare la sua propulsione, sterzo e le apparecchiature di navigazione.

Dopo una cinque giorni di prove di successo, la nave è ora di nuovo in cantiere per ulteriori finiture che riguardano esterni e interni.

La Regal Princess sarà pronta per il suo viaggio inaugurale da Venezia, in una sette giorni di crociera nel Mediterraneo, comprendenti le tappe di Atene, le soste a Corfù, Mykonos e una overnight call ad Istanbul.

Per tutta l’estate, la nuova nave salperà per le crociere “Gran Mediterraneo”, con due scelte itinerario.

La Regal Princess, nave gemella della Royal Princess, offrirà agli ospiti una varietà di caratteristiche interessanti, tra cui:

  • un atrio imponente,  che è il vero e proprio centro sociale della nave

rp_atrium_lg

  • un fantastico Seawalk sull’acqua, la famosa passerella col fondo di vetro che si estendente oltre 28 metri il bordo della nave

rp_the_sea_walk_int_lg (1)

  • cabanas private a bordo piscina

rp_the_sanctuary_lg

  • il Princess Live!, uno studio televisivo; una pasticceria dedicata

Royal-Princess-Cruise-Ship-Southampton-England-2013-031-910x603

  • il Table Lumiere di uno Chef speciale, un’esperienza per pranzo privata che circonda i commensali in una cortina di luce; e balconi su tutte le cabine esterne

rp_allegro_dining_room_lg

Info: Princess Cruises

Photocredit: Princess Cruises

“Articolo di Crazy Cruises in riproduzione riservata” protetto da licenza Creative Commons International: Devi attribuire adeguatamente la paternità sul materiale, fornire un link e indicare se sono state effettuate modifiche.