Crociere sotto scacco: le agenzie vogliono utili, i crocieristi “il rialzo dei prezzi non mina il trend delle vendite”


Basta pricing al ribasso e quote non commissionabili, ora è il momento di guadagnare.  

È ciò che chiedono gli agenti alle compagnie di crociera, secondo quanto emerso dal sondaggio lanciato dalla redazione di TTG Italia sul mondo delle crociere, pubblicato sul giornale  in distribuzione e online da oggi.

LOGO TTG ITALIA
Il verdetto, in sintesi, è questo:  le crociere si confermano un buon traino di vendita, ma i margini dovrebbero essere meno risicati.

Chiedendo agli agenti di viaggi se le crociere siano ancora una fonte di guadagno per le adv, infatti, ben il 34,3 per cento ha dato risposta negativa, affermando che gli utili sono troppo ridotti. Resta comunque un 18 per cento che difende l’importanza del prodotto senza se e senza ma e un 47,4 per cento che chiede più prodotti commissionabili.

Promossa, invece, la ripresa del pricing. Su questo, gli agenti confermano quanto promesso dalle compagnie negli scorsi mesi, ovvero uno stop alla corsa al ribasso e un rialzo delle tariffe. Il 60,9 per cento dei rispondenti ha infatti affermato che i prezzi sono effettivamente aumentati.

gli effetti sulle vendite? Per circa un quarto degli adv (il 25,8 per cento), le prenotazioni non hanno risentito dei prezzi al rialzo. Per il 27,3 per cento, invece, un effetto c’è stato, con una frenata sulle vendite. Per il 35,2 per cento del totale, tuttavia, questa flessione è stata minima.

SONY DSC
Più sfaccettate, invece, le opinioni sul prodotto all inclusive, che inizia a fare capolino anche sulle navi da crociera. Per il 28,1 per cento dei partecipanti al sondaggio, ci sono richieste per questa tipologia di prenotazione ma manca il prodotto. Per il 29,7 per cento, invece, l’offerta è in linea con la domanda. Il 17,2 per cento afferma che manca la richiesta dalla parte della clientela e il 25 per cento relega invece l’all inclusive nella categoria dei fenomeni di nicchia.

star-clipper-cicladi

Una replica colpo su colpo con una convinzione su tutte: il rialzo dei prezzi, che sta riportando buoni margini alle compagnie, non sta affatto minando il trend delle vendite.

I big delle crociere rispondono ai temi sollevati dalle agenzie di viaggi attraverso il sondaggio realizzato da TTG e pubblicato sul numero odierno del giornale.

Apre le danze il country manager di Msc Leonardo Massa, che mette in luce come “le tariffe sono cresciute ma sono ancora sottoprezzo rispetto al 2011”.

msc_rafforzare_gamma_prodotti_commissionabili_imagelarge

 

Parallelamente sono ripresi “in maniera considerevole i margini” evidenzia il d.g. Rcl Cruises Italia Gianni Rotondo.

Gianni-Rotondo
Sposta i riflettori Carlo Schiavon, direttore commerciale e marketing di Costa Crociere, secondo cui è necessario piuttosto “essere attenti alla personalizzazione”.

2013120510202555071726

 

Punto di vista condiviso da Federico Costa, d.g. Top Cruises che ricorda come le crociere più vendite “sono le solite note”.

Federico_Costa_003

 

Chiude il cerchio Gigi Torre, presidente Gioco Viaggi: “Il business delle crociere è uno dei fenomeni in maggiore espansione”.

TTG 2008 Gioco Viaggi Luigi Torre

 

Come dire: c’è ancora spazio per tutti.

 

Fonte: TTGItalia.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...