Fincantieri nuova nave extralusso da Seaburn, gruppo Carnival


Fincantieri, gruppo Leader nella costruzione di navi da crociera, e Seabourn, brand di Carnival Corporation, gruppo leader nel settore crocieristico, hanno annunciato oggi la firma di un contratto per la costruzione di una nave extra-lusso.

L’ordine fa seguito alla lettera di intenti dello scorso ottobre tra le due società.

La nave, che entrerà a far parte della flotta di Seabourn nella seconda metà del 2016, sarà messa a punto secondo le caratteristiche e le soluzioni tecniche d’avanguardia della compagnia, uno fra i brand di maggior prestigio nel segmento extra-lusso; con essa continuerà l’ammodernamento della flotta iniziato nel 2009.

L’unità avrà circa 40.350 tonnellate di stazza lorda, sarà lunga circa 210 metri, larga 28 e potrà raggiungere i 18,6 nodi di velocità di crociera.

Potrà ospitare a bordo 604 passeggeri in 302 suite, tutte dotate di balcone privato.

La costruzione avverrà adottando le più avanzate tecnologie di sicurezza, al di sopra delle normative di riferimento.

Rilevante sarà anche la riduzione dei consumi, ottenuta grazie all’ottimizzazione dell’idrodinamica.

Per Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, “l’ordine da parte di un nuovo cliente è sempre motivo di grande soddisfazione. Oggi possiamo aggiungervi anche una punta di orgoglio, perchè con Seabourn, che rappresenta l’alta gamma di offerta del gruppo Carnival, costruiremo navi per tutti gli operatori del segmento extra-lusso, una nicchia di mercato che nell’ultimo anno ha visto convergere forti investimenti. Questo risultato lusinghiero, dal quale dobbiamo partire per guardare al futuro con ottimismo, è figlio dello spirito di rinnovamento che stiamo portando avanti con determinazione a tutti i livelli di attività dell’azienda”.

 

Fonte : Fincantieri

 

ImmagineImmaginecantieriImmagine

Crociere : continua il trend di crescita


L’industria delle crociere guarda al 2014 con ottimismo. Sarà un anno di potenziale crescita, è il messaggio di Clia (Cruise Lines International Association), l’associazione mondiale che riunisce i principali attori del comparto. 

 Il 2014 per l’industria delle crociere sarà un anno di potenziale crescita : è l’ottimistico messaggio della CLIA (Cruise Lines International Association), l’associazione mondiale che riunisce i principali attori del comparto crociere. 

La previsione di passeggeri, distribuiti a bordo delle 63 compagnie che aderiscono all’associazione, è valutata a 21,7 milioni a livello mondiale, con 6,54 milioni di passeggeri europei.

I dati definitivi dello scorso anno saranno resi noti al Cruise Shipping di Miami il prossimo marzo.  

 

Christine Duffy, presidente e ceo di Clia ha dichiarato : L’industria crocieristica mondiale è in un momento eccellente, grazie al forte interesse dei consumatori nel prodotto crociera e ai significativi investimenti delle compagnie per garantire una sempre più ampia varietà di navi in grado di raggiungere i luoghi più esotici del mondo, offrendo esperienze sempre uniche di vacanza” .

Robert Ashdown, il segreterio generale di Clia Europe precisa che : L’incredibile varietà di scelta e la diversificazione dell’offerta è alla base della continua crescita della popolarità della vacanza in crociera, confermata nel 2013 dal numero di passeggeri europei, un dato che ha infranto ogni precedente record. Nonostante le difficoltà economiche che l’Europa continua a sopportare, il numero di cittadini del vecchio continente che prenoteranno una vacanza in crociera è destinato ad aumentare anche quest’anno”  

Nuove navi son pronte ad essere introdotte tra il 2014/2015, per rispondere alla crescente domanda : si arriva così alla capacità complessiva di 37.546 posti letto, movimentando investimenti per circa 8 miliardi di dollari .

A livello globale, la flotta Clia 2014 è composta da 410 navi, in crescita rispetto alle 393 dell’anno scorso.

La flotta comprende tutte le tipologie di offerta: contemporanea, premium, di nicchia, con destinazioni concentrate, crociere fluviali, esplorative, avventurose.

Dodici nuove navi Clia (ordini confermati e attività opzionali) per il triennio 2016-2018 rappresentano un ulteriore incremento di 33.192 posti letto e un investimento stimato in ulteriori 7,9 miliardi dollari.

Sono i Caraibi la destinazione leader in termini di presenza delle navi , rappresentanti il 37,3% degli itinerari globali.

Seguono Mediterraneo (18,9%), Nord Europa (11,1%), Australia / Nuova Zelanda (5,9%), Alaska (4,5% ), Asia (4,4%) e Sud America (3,3%). 

Nel 2014, i mercati che hanno visto un ulteriore aumento della presenza di navi sono: Caraibi (+12%), Nord Europa (+5,2%), Asia (+31,6%) e Australia (22%). 

Le tendenze previsionali 2014 identificate da Clia, compagnie membre e agenzie di viaggio includono: 

•Implementazioni tecnologiche per ridurre i costi nelle comunicazioni a bordo e maggior efficienza nel servizio ai passeggeri 

•Crescita dei passeggeri “first-time” provenienti da giovani generazioni di viaggiatori, in particolare la Generazione Millennial (nati dopo il 2000) 

•Maggiore domanda di crociere “Luxury” stimolata da un’economia in miglioramento e da una accresciuta fiducia del consumatore 

•Conferma dell’interesse nei confronti di crociere multi-generazionali e celebrative, al pari di quelle “social” e “di gruppo”  

•Crescita delle opzioni all-inclusive e dell’offerta “a pacchetto” di alloggi, servizi e accessori.  

•Le destinazioni esotiche guideranno la competizione sui nuovi itinerari ed il deployment delle navi. 

Destinazioni Calde 2014: Trans Pacifico, Crociere mondiali, Fiumi degli Stati Uniti d’America, Antartico, Middle East, Canada e New England, Africa e Fiumi esotici.  

 

 

 

Lisbona : nuovo Terminal Crociere


In seguito ad uno specifico bando di gara, l’Autorità Portuale di Lisbona ha selezionato la migliore offerta per dar corso ad un progetto di implementazione del Terminal Crociere :  il tutto per aumentare l’offerta in termini di scali e crocieristi ospitabili.

L’obiettivo finale è raddoppiare nel medio termine l’attuale volume annuo di 550.000 passeggeri movimentati.

Il contratto ha una durata di 35 anni e prevede che , come partner, ci sia un consorzio che coinvolge : Global Ports Holding, Royal Caribbean Cruises Ltd, Creuers del Port de Barcelona e SA Grupo Sousa.

Tra gli altri interventi anche  la costruzione e gestione in concessione di un nuovo terminal.

La struttura, si stima, dovrebbe essere in grado di gestire fino a 1,8 milioni di passeggeri annui, il che contribuisce in modo significativo allo sviluppo turistico e al sostegno dell’economia locale.

Nei primi mesi del 2014  l’investimento, del valore complessivo di 24 milioni di Euro, si concretizzerà con l’inizio dei lavori, il cui completamento è previsto entro la fine del 2015.

Arpak Demircan, CEO di Global Ports Holding : “La nostra realtà, dopo aver profondamente rinnovato e migliorato l’efficienza dei tre porti turchi di Kusadasi, Bodrum e Antalya, sta focalizzando ora l’attenzione su un’ulteriore espansione e crescita. In tal senso, abbiamo già acquisito il 62% del porto di Bar, in Montenegro, e il 43% del porto crocieristico di Barcellona, in Spagna. Ora, insieme a Royal Caribbean Cruises Ltd., uno dei leader mondiali del settore, miriamo ad aggiungere il nuovo terminal crociere di Lisbona al nostro portafoglio in espansione di asset internazionali“.

Il porto portoghese si aggiunge così al portafoglio esistente di Barcellona, Malaga, Singapore, Kusadasi, Bodrum e Antalya, GPH , raggiungendo l’importante quota dei 10 milioni di crocieristi gestiti in tutto il mondo, e diventando in questo modo la più grande realtà internazionale del settore.

Fonte : Crocierissime.it 

 global-ports-holding

 apl-logo

novo terminal de cruzeiros6

Terminal-Crociere-porto-di-Lisbona1

Terminal+2

420x248_news_ampliamento_terminal_lisbona

2914_newsfichacolorbox